Juliet Rylance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juliet Rylance alla 74ª edizione dei Peabody Award, nel 2015

Juliet Rylance, nata Juliet van Kampen (Londra, 26 luglio 1979), è un'attrice e produttrice teatrale britannica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lasciato la Royal Academy of Dramatic Art, il primo ruolo di rilievo per Rylance è stato quello di Medea nello spettacolo Bash: Latter-Day Plays di Neil LaBute, all'Union Theatre di Londra. In seguito ha interpretato Perdita in Il racconto d'inverno e Cressida in Troilo e Cressida, al Globe Theatre. Ha rivestito i panni della scrittrice Mary Sidney nello spettacolo I Am Shakespeare, scritto dal suo patrigno Mark Rylance e diretto da Matthew Warchus al Chichester Festival Theatre e in un tour britannico. Nello stesso anno, insieme a David Sturzaker e alla regista Tamara Harvey, ha fondato la casa di produzione Theater of Memory. Successivamente ha recitato negli spettacoli Romeo e Giulietta e Bash: Latter-Day Plays, prodotti dalla stessa Theater of Memory, interpretando rispettivamente Giulietta e Medea.[1][2]

Nel 2009 ha interpretato Desdemona nella rappresentazione di Otello a New York. Tale ruolo le è valso una candidatura a un Lucille Lortel Award.[3] In seguito ha partecipato al Bridge Project di Sam Mendes, una collaborazione tra la Brooklyn Academy of Music di Brooklyn e l'Old Vic di Londra: nelle rappresentazioni teatrali di Come vi piace e La tempesta ha ricoperto rispettivamente il ruolo di Rosalinda e Miranda, insieme al marito Christian Camargo che l'ha affiancata nel ruolo di Orlando e Ariel.[1] Nel 2010 Rylance ha vinto un Obie Award per la sua interpretazione come Rosalinda.[4]

Nel 2012 Rylance ha recitato nel film horror Sinister di Scott Derrickson. Nel 2014 ha recitato e prodotto il film Days and Nights, scritto e diretto da suo marito.[5] Nello stesso anno è entrata a far parte del cast principale della serie televisiva The Knick di Cinemax.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 Rylance ha sposato l'attore Christian Camargo presso il New York City Hall. I due si erano conosciuti più di dieci anni prima, quando Camargo aveva collaborato con il patrigno di lei al Globe Theatre.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Matthew Gurewitsch, A Threesome: Husband, Wife, Shakespeare, New York Times, 5 gennaio 2010.
  2. ^ (EN) Charles Spencer, Chilling Glimpses of Nastiness, Telegraph.co.uk, 12 gennaio 2007.
  3. ^ (EN) Lucille Lortel Awards, Lucille Lortel Foundation, Off-Broadway database, Lucille Lortel Awards 2009, Lortel.org. URL consultato il 26 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2011).
  4. ^ (EN) 2009-2010 Off-Broaway Season Winners, The Village Voice, 18 maggio 2010.
  5. ^ (EN) Jeff Sneider, Juliet Rylance, Variety, 10 aprile 2012. URL consultato il 7 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN304932802 · ISNI: (EN0000 0004 1648 007X · BNF: (FRcb16702066m (data)