Jeopardy!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jeopardy!
Jeopardy! logo.png
PaeseStati Uniti d'America
Anno1964 – in produzione
Generegame show
Crediti
Rete televisivaNBC

Jeopardy! è un quiz televisivo statunitense che consiste in una gara di cultura generale tra i vari concorrenti, in onda sull'emittente NBC dal 1964.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo show ha debuttato sul canale statunitense NBC il 30 marzo 1964 ed è stato trasmesso ininterrottamente fino al 1975, poi dopo una pausa è andato di nuovo in onda nel 1978-1979.

Una nuova versione del programma infine fu trasmessa dal 10 settembre 1984, rinnovandone il successo fino al terzo millennio.

Nel 2014 lo show è stato riconosciuto come il "Preferito Quiz Show d'America" e il suo presentatore Alex Trebek stabilisce un nuovo Guinness dei primati per il maggior numero di puntate di un gioco televisivo ospitate dallo stesso presentatore: 6829[1].

Regole di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è diviso in tre fasi.

Nel prima fase, "Jeopardy", ci sono trenta "indizi", divisi tra sei categorie, e ordinati tra valori, da $200 a $1.000. Gli indizi con i valori più alti sono i più difficili. Ad ogni turno, il partecipante più veloce a rispondere correttamente alla domanda precedente (o il campione, nel caso nessuno abbia risposto) sceglie un indizio, e il presentatore lo legge. Dopo che l'indizio è stato letto, il primo a prenotarsi può rispondere. La risposta deve avere la forma di una domanda, o sarà giudicata sbagliata. Con una risposta giusta si guadagnano i soldi associati all'indizio, ma una risposta sbagliata fa perdere i suddetti soldi, dando così l'opportunità agli altri partecipanti di prenotarsi per la stessa domanda.

Un indizio in questa fase è scelto di nascosto come il "Daily Double". Quando viene scelto, solo il competitore che ha scelto questo indizio può rispondere. Prima di sapere l'indizio, il competitore deve scommettere alcuni dei propri soldi. Se indovina, guadagna ciò che ha scommesso, se sbaglia, perde la scommessa.

La seconda fase, "Double Jeopardy" è simile a prima, ma i valori degli indizi sono raddoppiati, e ci sono due "Daily Double" invece di uno.

L'ultima fase, "Final Jeopardy", c'è un solo indizio, ma tutti competitori devono rispondere. Dopo aver sentito la categoria dell'indizio, i concorrenti scommettono in segreto. Successivamente l'indizio è svelato e ogni concorrente scrive la propria risposta entro 30 secondi. Le risposte giuste vincono la posta, e risposte sbagliate la perdono.

Il concorrente con più soldi vince il gioco, e torna sulla puntata seguente. Gli altri non guadagnano i loro soldi, ma ottengono $2.500 per il secondo posto, e $1.000 per il terzo posto.

Influenze nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Il celebre Rischiatutto condotto da Mike Bongiorno tra il 1970 e il 1974 è un adattamento italiano di questo format.
  • Jeopardy compare nel film America oggi del 1993 diretto da Robert Altman.
  • Il quiz appare inoltre nel primo racconto nel libro La ragazza con i capelli strani di David Foster Wallace.
  • Il quiz appare nel film White men can't jump del 1992, in cui il personaggio Gloria ambisce a diventare una campionessa di Jeopardy per risolvere i propri problemi economici.
  • Il quiz viene nominato nell'ottavo episodio della seconda stagione della serie televisiva di genere drammatico The Leftovers - Svaniti nel nulla. Patti Levin, personaggio della serie, rivela infatti di aver partecipato a Jeopardy, ed aver vinto per tre puntate di fila. Alla quarta perde, portandosi però a casa un bottino di oltre 60000 dollari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2014: A record-breaking look back at the year, su guinnessworldrecords.com. URL consultato il 2 gennaio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione