Mayim Bialik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mayim Bialik nel 2018

Mayim Chaya Bialik (San Diego, 12 dicembre 1975) è un'attrice e neuroscienziata statunitense, nota per il personaggio di Blossom nella serie televisiva omonima e di Amy Farrah Fowler nella sitcom The Big Bang Theory.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine ebraica, i suoi nonni sono emigrati negli Stati Uniti negli anni trenta dalla Polonia, Cecoslovacchia e Ungheria.[1] Frequenta l'università UCLA, conseguendo la laurea in neuroscienze, in lingua ebraica ed in studi ebraici;[2][3] prosegue gli studi in neuroscienze arrivando a prendere il titolo di dottorato di ricerca.

Dopo aver lavorato nel mondo dello spettacolo sin da bambina, apparendo in diverse serie televisive statunitensi fra cui MacGyver e partecipando al video musicale Liberian Girl di Michael Jackson, raggiunge la notorietà al grande pubblico nel 1991 grazie alla serie televisiva Blossom, in cui ebbe il ruolo della protagonista.

Dal 2010 al 2019 interpreta il personaggio di Amy Farrah Fowler nella serie televisiva The Big Bang Theory.

Ha scritto alcuni libri, quali Beyond the Sling, riguardante la teoria dell'attaccamento (attachment parenting), e Mayim's Vegan Table[4] che contiene più di un centinaio di ricette elaborate da lei stessa. Il suo terzo libro, Girling Up, parla delle lotte e del modo in cui le ragazze crescono spiegando scientificamente come i loro corpi cambiano. Il predecessore di quest'ultimo, Boying Up, è stato pubblicato l'8 maggio 2018, e analizza la scienza, l'anatomia e la mentalità di crescere come maschio oltre a descrivere i cambiamenti fisici e mentali e le sfide che i ragazzi affrontano mentre si passa dall'adolescenza all'età adulta.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Si è sposata con Michael Stone,[5] da cui ha avuto due figli, nati rispettivamente nel 2005 e nel 2008.[6] Il 23 novembre 2012 ha annunciato di essersi separata.[7] Il 15 agosto 2012 è stata coinvolta in un grave incidente stradale nel quale ha rischiato di perdere un dito della mano sinistra. Il giorno successivo all'incidente, attraverso un tweet, l'attrice ha confermato l'incidente e annunciato che non perderà l'uso del dito.

Mayim è vegana.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

La Bialik nel 2011 ai Gracie Awards

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Libri (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Beyond the Sling.
  • (EN) Mayim's Vegan Table.
  • (EN) Girling Up.
  • (EN) Boying Up, 2018.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Critics' Choice Awards

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mayim Bialik Gets Her Eco On At The Go Green Expo In Los Angeles, su ecorazzi.com. URL consultato il 04-07-2013 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).
  2. ^ (EN) Biography (official website of Mayim Bialik), su mayimbialik.net (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2012).
  3. ^ (EN) Judie Jacobson, Q&A with Mayim Bialik, su jpost.com, Jerusalem Post.
  4. ^ (EN) search results e Jay Gordon, Mayim's Vegan Table: More than 100 Great-Tasting and Healthy Recipes from My Family to Yours, Da Capo Lifelong Books, 11 febbraio 2014, ISBN 978-0-7382-1704-8. URL consultato il 14 luglio 2018.
  5. ^ (EN) Mayim Bialik Shares Jewish Wedding Story, su celebritybrideguide.com. URL consultato il 1º ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2017).
  6. ^ (EN) Olivia Allin, Mayim Bialik talks about attachment parenting, sharing a family bed, su ontheredcarpet.com. URL consultato il 1º ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2014).
  7. ^ (EN) "Big Bang Theory" star Mayim Bialik and husband to divorce after nine years, su cbsnews.com, CBS News, 23 novembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45957199 · ISNI (EN0000 0000 3360 4522 · Europeana agent/base/150062 · LCCN (ENn92048888 · GND (DE1156760100 · BNF (FRcb17755258f (data) · BNE (ESXX5228343 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n92048888