Jake Lloyd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jake Lloyd nel 2010

Jake Matthew Lloyd, noto anche come Jake Broadbent[1] (Fort Collins, 5 marzo 1989), è un attore statunitense, attivo come attore bambino fino ai primi anni duemila e noto per aver interpretato Anakin Skywalker in Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del soccorritore William Lloyd e dell'agente di spettacolo Lisa Riley, Jake Lloyd iniziò la sua carriera di attore nel 1996 interpretando Jimmy Sweet in quattro episodi di E.R. - Medici in prima linea. Nel corso dello stesso anno ottenne una certa notorietà, venendo scelto per interpretare Jake Warren in Una donna molto speciale e Jamie Langston in Una promessa è una promessa. Recitò inoltre nel film televisivo Apollo 11 nel ruolo di Mark Armstrong. Lloyd raggiunse la fama mondiale quando fu scelto da George Lucas per interpretare Anakin Skywalker in Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (1999), il primo film della trilogia prequel di Guerre stellari. Centinaia di attori furono visionati[2] prima che i produttori si decidessero per Lloyd, che Lucas riteneva soddisfacesse le sue esigenze di «un buon attore, entusiasta e molto energico». Il produttore Rick McCallum disse che Lloyd era «intelligente, smaliziato e amante di tutto ciò che è meccanico, proprio come Anakin».[3]

Dopo aver dato voce ad Anakin in alcuni videogiochi correlati, Lloyd si ritirò dalla recitazione nel 2001, citando come motivi il bullismo da parte dei compagni di classe e lo stress causato dal fare fino a sessanta interviste al giorno.[4] Lasciò Hollywood per Chicago, dove si laureò al Columbia College Chicago.[5][6] Continuò comunque ad apparire in fiere dedicate alla fantascienza e al fumetto.[5]

Il 17 giugno 2015 Lloyd è stato arrestato per guida pericolosa, guida senza patente e resistenza all'arresto.[7] La madre Lisa ha dichiarato che Lloyd soffre di schizofrenia e che l'incidente di guida era stato causato dal fatto che il figlio non aveva preso i suoi psicofarmaci; ha aggiunto che Lloyd, sempre a causa della sua malattia, l'aveva aggredita nella sua casa di Indianapolis il precedente 26 marzo.[8] Nell'aprile 2016 è stato trasferito in una struttura psichiatrica.[9]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Jack Lloyd nel 2007

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Jake Lloyd è stato doppiato da:

  • Niccolò Rizzini in Una donna molto speciale
  • Alessio Ward in Una promessa è una promessa
  • Alessio Puccio in Star Wars Episodio I - La minaccia fantasma

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Katya Hetter, 'Star Wars' actor Jake Broadbent arrested in South Carolina, CNN, 22 giugno 2015. URL consultato il 22 giugno 2015.
  2. ^ (EN) Star Wars Episode I Production Notes: The Actors and Characters – Part I, su starwars.com, 1º maggio 1999. URL consultato il 5 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2004).
  3. ^ (EN) Star Wars Episode I Production Notes: The Actors and Characters – Part II, su starwars.com, 1º maggio 1999. URL consultato il 5 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2004).
  4. ^ Anisiobi, J.J., Anakin Skywalker actor Jake Lloyd: 'Star Wars fame turned my life into a living hell', su Daily Mail, 5 marzo 2012.
  5. ^ a b "Actor who played Anakin Skywalker as child swears off 'Star Wars' for good" NBC News. March 9, 2012
  6. ^ "Columbia College Chicago". CityTownInfo.com. Retrieved July 7, 2013.
  7. ^ Broughton, Melissa, ‘Star Wars’ child star arrested after chase, crash in Colleton County, in Post and Courier (Charleston, South Carolina), 21 giugno 2015. URL consultato il 21 giugno 2015.
  8. ^ Ethan Sacks, 'Star Wars' star Jake Lloyd suffers from Feaver, once attacked mom: report, su Daily News (New York), 23 giugno 2015.
  9. ^ Heidi Parker, 'Star Wars: The Phantom Menace actor Jake Lloyd diagnosed with schizophrenia causing him to be moved from jail to psychiatric facility after June arrest', su Daily Mail, 10 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN4561890 · LCCN: (ENno99033779