Ivana Mrázová

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivana Mrázová
Altezza175[1] cm
Misure90-63-91[2]
Taglia34-36[1] (UE) - 4-6[1] (US)
Scarpe40[1] (UE) - 9[1] (US)
OcchiAzzurri[1]
CapelliCastani[1]

Ivana Mrázová (Vimperk, 1° luglio 1992) è una modella ceca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nata il 1 luglio del 1992 a Vimperk, nella Repubblica Ceca. Suo padre è un ingegnere mentre sua madre è stata un'attrice di teatro.

All'età di 15 anni ha lasciato la sua città Katovice per iniziare la carriera di modella a Milano, lavorando da allora in Italia e in Europa. Nel 2012 ha esordito nella TV italiana come valletta di Gianni Morandi al Festival di Sanremo[3][4]. Nel mese di febbraio, durante la Settimana della moda di Milano, chiude la sfilata per Rocco Barocco[5] e viene scelta come testimonial di diversi brand come Cotton Club e Katia G.[6]

Dal settembre 2017 partecipa come concorrente alla seconda edizione del Grande Fratello VIP classificandosi terza nel corso della puntata finale del programma[7].

Campagne pubblicitarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Boccadamo Jewels (2011)
  • Lormar (2011)
  • Cotton Club summer (2012)
  • Katia G (2012)
  • More by Siste's P/E (2012)
  • DonnaOro (2013)
  • Parah summer (2014)[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Ivana Mrazova, fashionmodeldirectory.com.
  2. ^ Ivana Mrazova, 2morrowmodel.it. (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2012).
  3. ^ Silvia Fumarola, Sanremo 2012, Celentano: il mio compenso ai poveri e a Emergency, in la Repubblica, 1º febbraio 2012, p. 58.
  4. ^ Come l'anno scorso: Belen e Canalis al posto di Ivana Mrazova, in corriere.it, 14 febbraio 2012.
  5. ^ E alla sfilata di Roccobaroccospunta Ivana, su lastampa.it, 24 febbraio 2012. URL consultato il 13 settembre 2017.
  6. ^ Ivana Mrazova sexy per Cotton Club Mare senza photoshop, su lei.excite.it, 13 marzo 2012. URL consultato il 13 settembre 2017.
  7. ^ Ivana Mrazova concorrente Grande Fratello Vip 2017, in tvblog.it, 11 settembre 2017.
  8. ^ impronte parah p/e 2014, su www.parah.com. URL consultato il 27 febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]