Ivan Tisci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivan Tisci
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 73,5 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Carriera
Squadre di club1
1993-1994 Genoa 1 (0)
1994-1995 Cosenza Cosenza 3 (0)
1994 Ospitaletto Ospitaletto 10 (1)
1995-1996 Savoia Savoia 28 (2)
1996-1997 Sora Sora 30 (1)
1997-1999 Pescara Pescara 39 (1)
1999 Vicenza 6 (0)
1999 Pescara Pescara 0 (0)
1999-2000 Savoia Savoia 18 (1)
2000-2002 Pescara Pescara 42 (7)
2002-2003 Lanciano Lanciano 29 (5)
2003-2004 Avellino Avellino 45 (8)
2004-2007 Modena Modena 85 (5)
2007 Crotone Crotone 13 (1)
2007-2008 Foggia Foggia 21 (4)
2008-2009 Paganese Paganese 12 (4)
2009 Lanciano Lanciano 15 (4)
2009-2010 Avellino Avellino 13 (0)
2010 Sambonifacese Sambonifacese 13 (0)
2012-2013 Cervia Cervia  ? (4)
2013- Black and White Striped.png Fosso Ghiaia 5+ (5+)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ivan Tisci (Genova, 22 marzo 1974) è un dirigente sportivo e calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce in Serie A il 12 dicembre 1993 con la maglia del Genoa in Genoa-Foggia (1-4).

In seguito milita nel Pescara in Serie B, prima di tornare a giocare in Serie A nel Vicenza nel 1999 (6 presenze).

Successivamente gioca in cadetteria nel Savoia, ancora col Pescara e poi con Modena, Crotone, Foggia, Paganese e Lanciano.

Nell'agosto 2009 firma un contratto con l'Avellino Calcio.12.[1] Per il centrocampista si tratta di un ritorno, dopo aver già vestito la maglia biancoverde nella stagione 2003-2004 agli ordini di Zdeněk Zeman.

Il 4 gennaio 2010 passa alla Sambonifacese firmando un contratto fino al 30 giugno 2010 con opzione per la stagione successiva.[2]

Si ritira il 2 giugno 2011 in un'amichevole disputatasi a Milano Marittima, giocando in una partita con ex calciatori come Christian Vieri e personaggi del mondo dello spettacolo.[3]

Tuttavia nel 2012, dopo i problemi dovuti all'inchiesta sul calcioscommesse, torna a giocare firmando con il Cervia nel locale campionato di Promozione.

Nel dicembre 2013 si trasferisce al Fosso Ghiaia, militante nel campionato di Promozione.[4]

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 maggio 2011 ha ottenuto la qualifica di direttore sportivo[5].

Scandalo calcio-scommesse[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º giugno 2011 viene inserito nel registro degli indagati nell'ambito dello scandalo calcio-scommesse[6]. Secondo gli inquirenti sarebbe stato il riscossore dei soldi della puntata di Taranto-Benevento[7]. Decide poi a luglio di patteggiare la pena di un anno di squalifica.

All'alba del 28 maggio 2012, a un anno di distanza dall'altro scandalo che lo aveva coinvolto, viene arrestato nell’ambito dell’operazione condotta dalla procura di Cremona, denominata Last Bet, sempre relativa al calcio-scommesse. A Tisci sono contestate intercettazioni telefoniche che dimostrerebbero i contatti del calciatore con la cosiddetta banda degli ungheresi, gruppo che gestiva illegalmente le scommesse.[8]

Il 9 febbraio 2015 la procura di Cremona termina le indagini e formula per lui e altri indagati le accuse di associazione a delinquere e frode sportiva.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tisci e Tarquini all'Avellino, Avellinocalcio12.it, 27-08-2009.
  2. ^ IVAN TISCI E' ROSSOBLU'!, Sambonifacese.it, 04-01-2010.
  3. ^ Una partita tra vip per il ritiro di Ivan Tisci.
  4. ^ [1]
  5. ^ Diplomati a Coverciano 56 nuovi direttori sportivi settoretecnico.figc.it
  6. ^ Scandalo scommesse, indagato Quadrini del Sassuolo ilrestodelcarlino.it, 2 giugno 2011
  7. ^ L’offerta (respinta) per l’Hellas e quel piano su Pellissier corrieredelveneto.corriere.it, 2 giugno 2011
  8. ^ Calcio - Operazione Last Bet, arrestati anche Tisci e Pellicori
  9. ^ Calcioscommesse, indagini chiuse per Goretti e Nicco: la lista dei 130 indagati

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]