Incidente del Douglas DC-6 dell'ONU del 1961

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Incidente del Douglas DC-6 dell'ONU del 1961
Douglas DC-6, SE-BDF, Transair Sweden.jpg
Un DC-6 simile a quello coinvolto
Tipo di eventoIncidente
Data18 Settembre 1961
TipoPossibile volo controllato contro il suolo a causa di errore e fatica del pilota o come conseguenza di attacco esterno[1]
Luogo15 km a ovest dell'aeroporto di Ndola
StatoZambia Zambia
Coordinate12°58′31″S 28°31′22″E / 12.975278°S 28.522778°E-12.975278; 28.522778
Tipo di aeromobileDouglas DC-6
Nome dell'aeromobileAlbertina
OperatoreTransair Sweden per le Nazioni Unite
Numero di registrazioneSE-BDY
PartenzaAeroporto Internazionale di Lubumbashi, Lubumbashi, Repubblica Democratica del Congo
Scalo intermedioAeroporto internazionale Kinshasa N'Djili, Kinshasa, Repubblica Democratica del Congo
DestinazioneAeroporto Internazionale Simon Mwansa Kapwepwe, Ndola, Zambia
Occupanti16
Passeggeri11
Equipaggio5
Vittime16
Feriti0
Sopravvissuti0
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Zambia
Incidente del Douglas DC-6 dell'ONU del 1961
Dati estratti da Aviation Safety Network[2]
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

L'incidente del Douglas DC-6 dell'ONU si è verificato il 18 settembre 1961 nella Rhodesia settentrionale. L'incidente aereo ha provocato la morte di tutte le persone a bordo, incluso Dag Hammarskjöld, il secondo Segretario generale delle Nazioni Unite e altre 15 persone. Tre inchieste ufficiali non sono riuscite a determinare in modo definitivo la causa dell'incidente, che ha innescato una crisi di successione alle Nazioni Unite.[2]

Incidente[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 1961, durante la crisi del Congo, Hammarskjöld venne a conoscenza di combattimenti tra le forze ONU "non combattenti" e le truppe katangesi di Moise Tshombe. Il 18 settembre 1961 Hammarskjöld era in rotta per negoziare un cessate il fuoco quando l'aereo su cui stava volando si schiantò nei pressi di Ndola, Rhodesia settentrionale (attuale Zambia). Hammarskjöld e altri quindici uomini morirono nello schianto.[3] Lo schianto innescò una crisi di successione alle Nazioni Unite,[4] poiché la morte di Hammarskjöld richiese al Consiglio di sicurezza di votare un successore.[5]

Aereo ed equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

DC-6 svedese, simile all'aereo dell'incidente, negli anni '60

L'aereo coinvolto in questo incidente era un Douglas DC-6B, registrato in Svezia come SE-BDY, volato per la prima volta nel 1952 e alimentato da quattro motori a pistoni radiali Pratt & Whitney R-2800, a 18 cilindri. Era pilotato dal comandante Per Hallonquist (35); dal copilota era Lars Litton (29) e dall'ingegnere di volo Nils Goran Wilhelmsson.[6]

Rapporto speciale delle Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Un rapporto speciale pubblicato dalle Nazioni Unite in seguito allo schianto dichiarò che un lampo luminoso nel cielo fu visto intorno all'una.[6] Secondo il rapporto speciale redatto dalle Nazioni Unite, furono queste informazioni a determinare l'avvio delle operazioni di ricerca e soccorso. Le prime indicazioni che l'evento potrebbe non essere stato un incidente portarono a molteplici inchieste ufficiali e persistenti speculazioni sul fatto che il segretario generale fosse stato assassinato.[7]

Inchiesta ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Dag Hammarskjöld negli anni '50

Dopo la morte di Hammarskjöld ci furono tre indagini ufficiali sulle circostanze che hanno portato allo schianto: quella del Rhodesian Board of Investigation, quella della Rhodesian Commission of Inquiry e l'indagine del United Nations Commission of Investigation.

Le tre inchieste ufficiali non riuscirono a determinare in modo definitivo la causa dell'incidente che ha portato alla morte di Hammarskjöld. Il Rhodesian Board of Investigation inviò circa 180 uomini a perquisire un'area di sei chilometri quadrati alla ricerca di prove sulla causa dell'incidente. Non fu trovata alcuna prova di una bomba, di un missile terra-aria o di un dirottamento. Nessuna prova di un crimine fu rinvenuta all'interno dell'aereo. Il Rhodesian Board concluse che il pilota volò troppo basso e colpì gli alberi, portando così l'aereo a terra.[8]

I precedenti resoconti di un lampo luminoso nel cielo furono liquidati in quanto avvenuti troppo tardi la sera per aver causato l'incidente: in particolare, il rapporto delle Nazioni Unite ipotizzò che questi lampi potrebbero essere stati causati da esplosioni secondarie dopo l'incidente. Il sergente Harold Julien, che inizialmente è sopravvissuto allo schianto ma è morto giorni dopo, disse che c'era stata una serie di esplosioni che hanno preceduto l'incidente.[9] L'inchiesta ufficiale ha però poi rilevato che le dichiarazioni dei testimoni che hanno parlato con Julien prima che morisse in ospedale cinque giorni dopo l'incidente[10] erano incoerenti.

Il rapporto inoltre parlò di numerosi ritardi che avrebbero violato le procedure di ricerca e salvataggio corrette.

Il 16 marzo 2015, il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha nominato i membri di un gruppo di esperti indipendente per esaminare nuove informazioni relative alla tragedia. Il gruppo di tre membri è stato guidato da Mohamed Chande Othman, Presidente della Corte Suprema della Tanzania. Il rapporto è stato consegnato al segretario generale il 12 giugno 2015.[11]

Teorie alternative[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le molteplici inchieste ufficiali che non sono riuscite a trovare delle prove dell'assassinio, alcuni continuano a credere che la morte di Hammarskjöld non sia stata un incidente.[7]

Al momento della morte di Hammarskjöld, le agenzie di intelligence degli Stati Uniti e dei suoi alleati erano attivamente coinvolti nella situazione politica in Congo,[7] che culminò nel sostegno belga e statunitense alla secessione del Katanga e all'assassinio dell'ex primo ministro Patrice Lumumba. Il Belgio e il Regno Unito avevano un interesse nel mantenere il controllo su gran parte dell'industria del rame del paese durante la transizione congolese dal colonialismo all'indipendenza. Le preoccupazioni per la nazionalizzazione dell'industria del rame avrebbero potuto fornire un incentivo finanziario per rimuovere Lumumba o Hammarskjöld.

Il coinvolgimento di ufficiali britannici nel comandare le indagini iniziali, che hanno fornito molte delle informazioni sulle condizioni dell'aereo e sull'esame dei corpi, ha portato alcuni a suggerire che ci sia stato un conflitto di interessi.[7][12]

Nel 1961, l'allora ambasciatore britannico in Etiopia, Denis Wright, stabilì nel suo rapporto annuale un collegamento tra la morte di Hammarskjöld e il rifiuto britannico di consentire a un aereo militare etiope di trasportare truppe destinate a unirsi alla missione delle Nazioni Unite sorvolando l'Uganda britannico. Il rifiuto è stato revocato solo dopo la morte del segretario generale. Un funzionario di un ufficio straniero ha poi affermato che non ci sono "scheletri" nell'armadio britannico, suggerendo che le dichiarazioni dell'ambasciatore dovrebbero essere rimosse dalla versione ufficiale del rapporto.[13]

Il 19 agosto 1998 l'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu dichiarò che lettere scoperte di recente avevano coinvolto nell'incidente l'MI5 britannico, la CIA americana e poi i servizi di intelligence sudafricani.[14] Tutu affermò di non essere in grado di indagare sulla verità delle lettere o sulle accuse secondo cui le agenzie di intelligence sudafricane o occidentali hanno avuto un ruolo nell'incidente. Il ministero degli esteri britannico ha in seguito suggerito che potrebbero essere stati creati come disinformazione o disinformazione sovietica .[15]

Il 29 luglio 2005, il maggiore generale norvegese Bjørn Egge rilasciò un'intervista al quotidiano Aftenposten sugli eventi che circondano la morte di Hammarskjöld. Secondo il generale Egge, che era stato il primo ufficiale delle Nazioni Unite a vedere il corpo, Hammarskjöld aveva un buco sulla fronte, e questo buco è stato successivamente aerografato dalle foto scattate al corpo. A Egge sembrava che Hammarskjöld fosse stato gettato dall'aereo e che erba e foglie nelle sue mani potessero indicare che era sopravvissuto allo schianto e che aveva tentato di scappare via dal luogo dell'incidente.[16]

Secondo una dozzina di testimoni intervistati dall'operatore umanitario svedese Göran Björkdahl negli anni 2000, l'aereo di Hammarskjöld fu abbattuto da un altro aereo. Björkdahl ha esaminato i documenti di archivio precedentemente non disponibili e le comunicazioni interne delle Nazioni Unite e crede che ci sia stato un abbattimento intenzionale a vantaggio di compagnie minerarie come Union Minière.[17][18][19] Un ufficiale dell'intelligence statunitense che era di stanza in una stazione di sorveglianza elettronica a Cipro dichiarò di aver sentito una registrazione dalla cabina di pilotaggio da Ndola, in cui un pilota parlava di avvicinarsi al DC-6 su cui viaggiava Hammarskjöld, e poi le parole "l'ho colpito".[20]

Nel 2011, lo studio di Susan Williams Who Killed Hammarskjold?,[21] espresse diversi dubbi sul carattere accidentale dell'incidente aereo del 1961, portando alla creazione di una commissione indipendente d'inchiesta. Il rapporto della commissione fu presentato il 9 settembre 2013 al Palazzo della Pace dell'Aia.[22] I suoi risultati hanno costituito la base per la costituzione di un gruppo di esperti e nel marzo 2015 la nomina di Mohamed Chande Othman alle Nazioni Unite a sostegno della Commissione Hammarskjöld.[23]

Nell'aprile 2014, The Guardian pubblicò prove che riguardavano Jan van Risseghem, un pilota militare che prestò servizio con la RAF durante la seconda guerra mondiale, successivamente con l'aviazione belga, e che divenne noto come il pilota di Moise Tshombe nel Katanga. Un ulteriore articolo è stato pubblicato da The Guardian nel gennaio 2019, ripetendo le accuse contro van Risseghem e citando ulteriori prove scoperte dai creatori del documentario Cold Case Hammarskjöld.[24]

Nel dicembre 2018, lo storico freelance tedesco Torben Gülstorff ha pubblicato un articolo sulla rivista Lobster, sostenendo che un Dornier DO-28A tedesco potrebbe essere stato utilizzato per l'attacco al DC-6 di Hammarskjöld.[25]

L'incidente nei media[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Statement attributable to the Spokesman for the Secretary-General on the report of the Eminent Person relating to the tragic death of Dag Hammarskjöld and of the members of the party accompanying him, su United Nations Secretary-General, 25 ottobre 2017. URL consultato il 21 agosto 2020.
  2. ^ a b (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Douglas DC-6B SE-BDY Ndola Airport (NLA), su aviation-safety.net. URL consultato il 20 agosto 2020.
  3. ^ Emma Graham-Harrison, Andreas Rocksen e Mads Brügger, RAF veteran ‘admitted 1961 killing of UN secretary general’, in The Guardian, 12 January 2019, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 12 gennaio 2019.
  4. ^ David Halberstam, Hammarskjold Dies In African Air Crash; Kennedy Going To U. N. In Succession Crisis, in The New York Times, 19 September 1961.
  5. ^ Thomas J. Hamilton, Interim U.N. Head is Urged by Rusk; His Timing Scored, in The New York Times, 23 September 1961, p. 1.
  6. ^ a b un.org, http://un.org/Depts/dhl/dag/docs/s4940ad5ef.pdf.
  7. ^ a b c d Kris Hollington, Wolves, Jackals and Foxes, Thomas Dunne Books, August 2008, ISBN 978-0-312-37899-8.
  8. ^ Hammarskjold dies in plane crash, in History.com, 9 February 2010.
  9. ^ 1961: UN Secretary General killed in air crash, in BBC, 18 November 1961. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  10. ^ page 36 "The Spectator" 29 October 2011
  11. ^ UN News Centre, https://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=51137.
  12. ^ Matthew Hughes, The Man Who Killed Hammarskjöld?, in London Review of Books, vol. 23, n. 15, 9 August 2001, pp. 33–34. URL consultato il 19 settembre 2011.
  13. ^ P R O FCO 31/165300 Ethiopia: Annual Review of 1961
  14. ^ "Notes for Media Briefing By Archbishop" – by Desmond Tutu, Chairperson of the Truth And Reconciliation Commission – 19 August 1998 – Copia archiviata, su info.gov.za. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2012).
  15. ^ "UN assassination plot denied," BBC World, 19 August 1998. Retrieved 13 October 2007.
  16. ^ (NO) Cato Guhnfeldt, aftenposten.no, http://www.aftenposten.no/nyheter/iriks/article1087787.ece.
  17. ^ theguardian.com, https://www.theguardian.com/world/2011/aug/17/dag-hammarskjold-un-secretary-general-crash.
  18. ^ I have no doubt Dag Hammarskjöld's plane was brought down, Göran Björkdahl, The Guardian, 2011 Aug 17
  19. ^ Julian Borger, theguardian.com, https://www.theguardian.com/world/2011/sep/16/dag-hammarskjold-call-for-new-inquiry.
  20. ^ BBC News Magazine, 18 September 2–11, "Dag Hammarskjold: Was His Death a Crash or a Conspiracy?"
  21. ^ Susan Williams: Who Killed Hammarskjöld?: The UN, the Cold War, and White Supremacy in Africa. London: Hurst. First edition 2011, 2nd edition with an additional chapter co-authored with Henning Melber and David Wardrop, December 2016.
  22. ^ Richard J. Goldstone, judicialmonitor.org, http://www.judicialmonitor.org/archive_summer2013/specialreport2.html.
  23. ^ The Hammarskjöld Commission, http://www.hammarskjoldcommission.org/background/.
  24. ^ Emma Graham-Harrison, Andreas Rocksen e Mads Brügger, RAF veteran ‘admitted 1961 killing of UN secretary general’, in The Guardian, 12 January 2019. URL consultato il January 13, 2019.
  25. ^ Torben Gülstorff, German links to the Hammarskjöld case. Making the case for another possible murder weapon (PDF), in Lobster, vol. 76, Winter 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]