Aftenposten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aftenposten
Logo
StatoNorvegia Norvegia
Linguanorvegese
Periodicitàquotidiano
Formatocompact
FondatoreChristian Schibsted
Fondazione1860
SedeOslo
EditoreSchibsted ASA
DirettoreEspen Egil Hansen
ISSN0804-3116 (WC · ACNP)
Sito web
 

L'Aftenposten (pronuncia norvegese: [²ɑftn̩ˌpɔstn̩], in IPA) è il maggiore quotidiano norvegese per diffusione. Ha sede a Oslo. Fu convertito a foglio elettronico in formato compatto nel marzo 2005. Aftenposten è una società privata interamente di proprietà della società

pubblica Schibsted ASA.[1][2] Anche il secondo quotidiano norvegese, VG, è di proprietà di Schibsted. Espen Egil Hansen è il direttore, redattore capo e CEO dal 2016.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Aftenposten fu fondato da Christian Schibsted il 14 maggio 1860 con il nome di Christiania Adresseblad. L'anno seguente, è stato ribattezzato Aftenposten. Dal 1885, iniziò a stampare due edizioni giornaliere. Un'edizione domenicale fu pubblicata fino al 1919 e fu reintrodotta nel 1990. L'edizione del venerdì mattina reca il supplemento A-magasinet, contenente articoli su scienza, politica e arte. Nel 1886, Aftenposten acquistò una rotativa, e fu il primo giornale norvegese a farlo.[3]

Storicamente, Aftenposten si definiva "indipendente, conservatore", allineando maggiormente la loro piattaforma editoriale al Partito conservatore norvegese. Questo si manifestò in un brutale anticomunismo durante l'era tra le due guerre. Durante la seconda guerra mondiale, Aftenposten, a causa della sua ampia diffusione, fu sottoposto alle direttive delle autorità di occupazione tedesche e fu imposta una gestione editoriale nazista.

Aftenposten ha sede a Oslo.[4] Verso la fine degli anni '80, Egil Sundar ha lavorato come redattore capo e tentò di trasformare il giornale in un quotidiano distribuito a livello nazionale. Tuttavia, fu costretto a dimettersi dal suo incarico a causa del suo tentativo fallito.

Linea editoriale[modifica | modifica wikitesto]

L'Aftenposten ha una posizione conservatrice e ha sostenuto il partito politico Høyre[5] fino alla rottura del sistema di stampa del partito nel paese. In seguito, il giornale si è ridefinito come indipendente di centro-destra.

I critici di destra hanno spesso sottolineato che il quotidiano sia diventato socialdemocratico dalla fine della Guerra Fredda e quindi essenzialmente politicamente allineato con la grande maggioranza della stampa norvegese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Øystein Aldridge Arve Henriksen, Aftenposten har det høyeste avisopplaget i Norge, su Aftenposten. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  2. ^ N O H R S T E D T E T A L: From the Persian Gulf to Kosovo — War Journalism and Propaganda (PDF), su site.iugaza.edu.ps.
  3. ^ (EN) Svennik Hoyer, THE POLITICAL ECONOMY OF THE NORWEGIAN PRESS (PDF), su img.kb.dk.
  4. ^ Cook, Bernard A., Europe since 1945 : an encyclopedia, Garland, 2001, ISBN 0815313365, OCLC 45736680. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  5. ^ Rolf Werenskjold, The Dailies In Revolts: The global 1968 revolts in major Norwegian newspapers, su www.tandfonline.com. URL consultato l'11 febbraio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN147145969949732250346 · LCCN (ENno2009135367