Il tunnel sotto il mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il tunnel sotto il mondo
Titolo originale Il tunnel sotto il mondo
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1969
Durata 70 min
Colore colore
Audio mono
Genere fantascienza
Regia Luigi Cozzi
Soggetto Luigi Cozzi, Frederik Pohl (racconto)
Sceneggiatura Alfredo Castelli, Tito Monego
Produttore Alfredo Castelli
Casa di produzione Pleiadi Cineteca
Character design Sergio Zaniboni
Fotografia Piergiorgio Pozzi
Montaggio Luigi Cozzi
Effetti speciali Roberto Scarpa
Musiche Claudio Calzolari
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Il tunnel sotto il mondo è un film di fantascienza del 1969, diretto dal regista Luigi Cozzi. Film d'esordio di Cozzi, è una pellicola sperimentale[1] ispirata all'omonimo racconto di Frederik Pohl del 1955,[2] un classico della satira del consumismo, in cui un'intera comunità viene tenuta prigioniera da ricercatori pubblicitari.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'azione si svolge nel giorno 32 di luglio[4], un giorno che non esiste e che si ripete all'infinito, giorno dopo giorno.

Il protagonista è costretto a ripetere in continuazione la stessa esperienza; solo lui si rende conto della cosa, mentre tutti gli altri abitanti della città continuano a vivere la loro vita come se tutto fosse normale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudia Mongini e Giovanni Mongini, Storia del cinema di fantascienza: Dal 1985 al 1990, Fanucci, 2000, p. 261, ISBN 978-88-347-0709-8. URL consultato il 5 maggio 2012.
  2. ^ The Tunnel Under The World di Frederik Pohl in Progetto Gutenberg. (testo originale)
  3. ^ Intervista a Luigi Cozzi, 29 maggio 2007
  4. ^ Nel romanzo di Phol da cui il film è tratto era il 15 giugno

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfredo Castelli, Il tunnel sotto il mondo - Dal soggetto al film, G. Sansoni, Milano 1969

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]