Il Nulla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Nulla (das Nichts), nell'immaginario regno di Fantàsia (descritto nel romanzo La storia infinita di Michael Ende), è una sorta di non-luogo dove non c'è niente, caratterizzato insomma dall'assenza di qualsiasi cosa.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tale Nulla è in costante espansione dentro Fantasia e inghiotte tutto ciò che incontra, animato o inanimato, facendolo semplicemente svanire. Chiunque si avvicini ai suoi confini sente un'irresistibile attrazione a buttarsi dentro, svanendo dunque per sempre, e se anche vi inserisce solo una parte del corpo, anch'essa sparisce senza lasciare traccia. Se lo si guarda, si prova una sensazione di cecità. Il Nulla è una grave minaccia per l'esistenza stessa di Fantasia, sicché l'Infanta Imperatrice incarica Atreiu di trovare una soluzione alla sua continua espansione.[1]

Tale Nulla è stato creato da esseri misteriosi di cui nulla si sa, chiamati i Manipolatori,[2] e la sua natura viene così spiegata dalla creatura Mork nel primo film tratto dal romanzo:

« Fantàsia muore perché la gente ha rinunciato a sperare e dimentica i propri sogni, così il Nulla dilaga, poiché esso è la disperazione che ci circonda. Io ho fatto in modo di aiutarlo, poiché è più facile dominare chi non crede in niente. »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ende, pp. 27-28.
  2. ^ The Manipulators, villains.wikia.com. URL consultato il 7 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]