Il Maestrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Maestrale è una casa editrice fondata a Nuoro nel 1992[1] e concentrata su narratori sardi, sia noti sia emergenti. Pubblica anche saggi (storia, critica letteraria, antropologia) e poesia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1996, si è occupata della la riedizione dei romanzi di Sergio Atzeni: Il quinto passo è l'addio e Passavamo sulla terra leggeri e di alcuni altri di Maria Giacobbe, di Giulio Angioni e di Francesco Masala. Segue poi il lancio di Marcello Fois con Sempre caro nel 1998 e la scoperta di Salvatore Niffoi con Il viaggio degli inganni (1999)[2].

Autori[modifica | modifica wikitesto]

Nel decennio 1998-2008 è divenuto il principale soggetto dell'editoria sarda ed editore di riferimento per le nuove leve della narrativa sarda[3], che ha portato all'affermazione nazionale e internazionale (con molte traduzioni all'estero). Fra gli autori isolani del suo catalogo: Francesco Abate, Giulio Angioni, Sergio Atzeni, Salvatore Cambosu, Grazia Deledda, Alessandro De Roma, Giuseppe Dessì, Maria Giacobbe, Marcello Fois, Gavino Ledda, Paolo Maccioni, Luciano Marrocu, Francesco Masala, Alberto Masala, Savina Dolores Massa, Salvatore Niffoi, Salvatore Satta, Flavio Soriga, Giorgio Todde, cioè buona parte di quella che si dice Nouvelle vague letteraria sarda, o Nuova letteratura sarda.

Fra gli autori italiani ha pubblicato Carmine Abate, Giampaolo Pansa, Franco Stelzer, Luca Ciarabelli, Pier Paolo Giannubilo, Massimo Miro, Alessandra Neri, Heman Zed, Ade Zeno.

Fra le opere straniere ha pubblicato gli inediti di Jack Kerouac, i romanzi di Patrick Chamoiseau, l'opera poetica di Serge Pey, le storie okinawane di Eiki Matayoshi, il franco-algerino Hubert Haddad, la catalana Margarida Aritzeta, il franco-romeno Petru Dumitriu.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mirella Appiotti, Soffia il Maestrale che ha lanciato Atzeni e Fois, La stampa - TuttoLibri, 4 settembre 1999
  • Nino Bandinu, Giovani autori sardi del Maestrale spopolano alla fiera del libro, La Nuova Sardegna, 1º giugno 2001
  • Piero Lentini, Vento di Sardegna, La Rivisteria, n. 112, 2002
  • Gli autori della casa editrice tradotti in Francia, Inghilterra, Germania e Olanda Il Maestrale, da Nuoro all'Europa, La Nuova Sardegna, 19 febbraio 2003 [1]
  • Goffredo Fofi, Sardegna, che Nouvelle vague!, Panorama, novembre 2003 Copia archiviata, su archivio.panorama.it. URL consultato il 10 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2014).
  • Paolo Bianchi, Sardegna. Sulla soglia di un mondo che cambia, Il Giornale, 23 gennaio 2004
  • Gabriella Saba, Sardegna nouvelle vague, Flair, aprile 2004
  • Wanda Marra, La rivoluzione della tradizione, l'Unità, 13 giugno 2004
  • Wanda Marra, La nouvelle vague sarda scrive col Maestrale, RaiLibro 30 giugno 2004 [2]
  • Stefania Limiti, Musica, cinema e letteratura. Made in Nuoro, Aprile il mensile, ottobre 2004
  • Antonietta Demurtas, Il Maestrale, un vento di libri soffia nel cuore della Barbagia, Panorama.it, 25 ottobre 2007 [3]
  • Andrea Di Consoli, Mille e una storia dalla terra dei nuraghi, l'Unità, 18 febbraio 2008
  • Mirella Appiotti, Nero cuore di Sardegna, La stampa - TuttoLibri, 28 giugno 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Gentile, Scaffali nascosti (9) – Il Maestrale, su nazioneindiana.com. URL consultato il 6 marzo 2018.
  2. ^ Nino Bandinu, Storia della piccola casa editrice nuorese nata circa dieci anni fa da una idea di tre giovani librai Editoria, ora soffia «Il Maestrale» La piccola Sellerio sarda raccontata dai diretti protagonisti, su ricerca.gelocal.it. URL consultato il 6 marzo 2018.
  3. ^ Stefania Vitulli, La narrativa sarda sbarca in continente, su ilgiornale.it. URL consultato l'8 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]