Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade
聖闘士星矢 THE LOST CANVAS 冥王神話
(Saint Seiya: The Lost Canvas - Meiō Shinwa)
LostCanvas01.jpg
Copertina del primo volume dell'edizione italiana
manga
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autori Shiori Teshirogi, Masami Kurumada
Editore Akita Shoten
Rivista Shonen Champion
Target shōnen
1ª edizione 24 agosto 2006 – 6 maggio 2011
Periodicità settimanale
Tankōbon 25 (completa)
Editore it. Panini Comics - Planet Manga
1ª edizione it. 10 gennaio 2008 – 19 aprile 2012
Collana 1ª ed. it. Manga Legend
Periodicità it. mensile (vol. 1-10)
quindicinale (11-22, alternato mensilmente con Episode G)
mensile(23-50)
Volumi it. 50 (completa)
Testi it. Giacomo Calorio
Generi fantastico, avventura
Cronologia
  1. Saint Seiya - Next Dimension - Myth of Hades
  2. I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade
  3. Saint Seiya: The Lost Canvas - Myth of Hades - Anecdotes
I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade - Extra
聖闘士星矢 THE LOST CANVAS 冥王神話 外伝
(Saint Seiya: The Lost Canvas - Meiō Shinwa - Gaiden)
manga
Autori Shiori Teshirogi, Masami Kurumada
Editore Akita Shoten
Rivista Shonen Champion
Target shōnen
1ª edizione 19 maggio 2011
Tankōbon 12 / 13 Completa al 92%.
Volumi it. 9 / 13 Completa al 69%.
Generi fantastico, avventura
Cronologia
  1. I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade
  2. I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade - Extra

I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade (聖闘士星矢 THE LOST CANVAS 冥王神話 Saint Seiya: The Lost Canvas - Meiō Shinwa?) è uno shōnen manga scritto e disegnato da Shiori Teshirogi e basato sulla storia originale de I Cavalieri dello zodiaco di Masami Kurumada. La pubblicazione è iniziata 24 agosto 2006 (parallelamente a Saint Seiya - Next Dimension - Myth of Hades) ed è terminata il 7 aprile 2011, dopo cinque anni di serializzazione. Nella copertina originale, da prassi nipponica, come autore viene indicato il nome di Masami Kurumada insieme a quello di Shiori Teshirogi, e nell'edizione italiana la storia viene erroneamente attribuita a Kurumada: egli agisce però come supervisore in quanto autore dell'opera originale.

Il manga è terminato il 7 aprile 2011 dopo cinque anni di pubblicazione col capitolo 223, per un totale di 25 tankobon (l'ultimo pubblicato il 6 maggio 2011, dove è presente un breve epilogo di cinque pagine). A partire dal 19 di maggio, è sostituito da una serie di volumi speciali dedicata ai Cavalieri d'Oro presenti nel manga denominata I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade - Extra. A partire dal 29 settembre 2011 è cominciata una pubblicazione dei capitoli del manga regolare di Lost Canvas in edizione wideban (ossia un'edizione a volumi più corposi della precedente) sotto il marchio Akita Top Comics.[1].

Il manga è stato poi adattato in due serie di OAV serie animata omonima a partire da giugno del 2009 per un totale di 26 episodi.

La serie animata dopo svariate repliche sul canale PPV Kids Station debutta in chiaro sul canale Tochigi TV a partire da martedì 23 settembre 2014[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

The Lost Canvas (Il dipinto perduto) narra la storia della Guerra Sacra avvenuta nel diciottesimo secolo (243 anni prima della serie originale) ed è incentrata sul rapporto tra Aron e Tenma, due ragazzi che, un tempo teneri amici, sono destinati a combattere in due diverse fazioni: quella di Ade e quella di Atena. Aron, infatti, è stato prescelto da Ade come corpo ospite, mentre Tenma è la reincarnazione del Cavaliere di Pegaso che ferì il dio degl'inferi all'epoca dei miti e che da sempre combatte a fianco di Atena, la cui reincarnazione è la sorella stessa di Aron, nonché amica di Tenma, Sasha.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi de I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade.

La Teshirogi in un'occasione ha ammesso di essersi ispirata per il design delle armature a quello delle corazze apparse nella serie di Asgard[3].
Nello sviluppo dei personaggi l'autrice ha ripreso il character design e la caratterizzazione di molti personaggi creati originariamente da Kurumada, come quelli delle costellazioni del Toro, del Cancro e dei Pesci, a cui ha risposto di non aver voluto fare nessun trattamento speciale, e di essersi ispirata per i nomi alle loro costellazioni e ai miti ad essi legati.[3]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente doveva essere "parallelo" a Next Dimension (come suggerito dal sottotitolo comune), ognuno dei due raccontando un diverso punto di vista della storia, ma dall'uscita del terzo capitolo di Next Dimension già erano presenti incongruenze con gli eventi di Lost Canvas. In un'intervista rilasciata al Cartoonist 2013 l'autrice ha dichiarato che molte analogie con Next Dimension sono dovute ad una canovaccio realizzato dallo stesso Kurumada (comprendente scene chiave e caratterizzazioni di alcuni personaggi) a cui lei si è dovuta attenere per realizzare il manga di Lost Canvas, terminato il quale Kurumada le ha poi lasciato carta bianca su come continuare la storia[4].

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Capitoli de I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade.

Il manga di Lost Canvas è stato pubblicato sulla rivista Weekly Shonen Champion dell'Akita Shoten dal 25 agosto 2006 fino al 7 aprile 2011 (l'ultimo volume è uscito il 6 maggio 2011) in 25 volumi tankobon, per un totale di 223 capitoli più un epilogo di 5 pagine pubblicato nell'ultimo volume.
A partire dal 29 settembre 2011 è cominciata una pubblicazione dei capitoli del manga regolare di Lost Canvas in edizione wideban (ossia un'edizione a volumi più corposi della precedente) sotto il marchio Akita Top Comics.[1]

Ad ottobre 2009 è uscito sulla rivista shōjo Princess Gold il capitolo speciale Yuzuriha Gaiden: Chizumi no mon (ユズリハ外伝 血墨の紋? lett. Storia Extra di Yuzuriha-Il legame di sangue) che getta luce sul passato del Cavaliere d'Argento della Gru[5]. Questo capitolo non è stato al momento pubblicato in nessun tankobon.

Serie Extra[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 19 maggio 2011 viene serializzata una serie gaiden dedicata interamente ai Cavalieri d'Oro della serie dal titolo I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade - Extra (聖闘士星矢 THE LOST CANVAS 冥王神話 外伝 Saint Seiya: The Lost Canvas - Meiō Shinwa, Gaiden?)[6], pubblicata anch'essa sulla rivista Shonen Champion[7], narrante le loro avventure prima dello scoppio della guerra e rivelando alcuni aspetti del loro passato. La serializzazione in tankobon è cominciata il 7 ottobre 2011[1] per poi spostarsi dal 12 giugno 2012 la serie si sposterà sulla nuova rivista dell'Akita Bessatsu Shônen Champion, diventando così mensile[8]

Il primo volume è stato dedicato ad Albafica dei Pesci, narrando le gesta già viste nel CD Drama a lui dedicato. Il secondo volume ha riguardato Cardia dello Scorpione, il terzo Degel dell'Acquario, il quarto Manigoldo del Cancro, il quinto El Cid del Capricorno , il sesto Dohko della Bilancia , il settimo Regulus del Leone, l'ottavo Asmita della Vergine, il nono Rasgado del Toro, il decimo Sisyphos del Sagittario, l'undicesimo Deftros dei Gemelli, il dodicesimo Aspros dei Gemelli e il tredicesimo Shion dell'Ariete

Serie animata[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Saint Seiya: The Lost Canvas - Meiō Shinwa (anime).

Il 24 giugno 2009 è cominciata la pubblicazione in DVD e Blu-ray della serie animata di Lost Canvas a cadenza bimestrale i DVD e Blu-ray della serie, contenenti due episodi ciascuno. L'anime è prodotto dalla TMS Entertainment, disegnato da Yuko Hisawa e diretto da Osamu Nabeshima.

La prima stagione, il cui trailer ufficiale è stato presentato a Tokyo a marzo 2009 durante il Tokyo Anime Fair, conta tredici episodi ed è stata messa in commercio per un totale di sei uscite bimestrali da giugno 2009 ad aprile 2010. La seconda viene annunciata sul numero 17 del 2010 della rivista Shonen Champion dell'Akita Shoten (la stessa dove venivano pubblicati settimanalmente i capitoli del manga) e durante il Tokyo Anime Fair dello stesso anno sono stati svelati nello stand adibito per la serie i bozzetti preparatori della nuova stagione, dal quale emerge l'introduzione anticipata in animazione dello Yuzuriha Gaiden pubblicato nel mese di ottobre 2009 sulla rivista Princess Gold sempre dell'Akita Shoten[9], e nei mesi seguenti vengono rivelati diversi settei o fotogrammi dei vari episodi per poi essere distribuita in sei uscite mensili da febbraio a luglio del 2011.

Traduzione e adattamento[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione italiana del manga è stata pubblicata dalla Planet Manga sulla collana Manga Legend da gennaio 2008 ad aprile 2012, tradotta da Giacomo Calorio e curata da Gianluca Bevere.

Nell'edizione italiana i nomi delle costellazioni e dei simboli degli Specter sono tradotti in italiano, quelli dei personaggi derivanti dalla mitologia greca (come le divinità o i tre giudici degli inferi) sono stati italianizzati, mentre il nome Alone è stato translitterato in Aron.
Come in Episode G, anche qui si è scelto di ribattezzare i cloth "armature", e i Saint "Cavalieri", (già usati nell'adattamento anime italiano della serie classica e di Hades e nell'edizione Granata Press manga classico) e di tradurre i nomi dei colpi pronunciati in giapponese, mentre di lasciare inalterati quelli in altre lingue.

Per quanto riguarda l'esercito di Ade, la parola Specter è stata letteralmente tradotta in Spettro, mentre le Surplici sono state ribattezzate Armature infernali. I nomi delle stelle malefiche, infine, sono stati tradotte all'inverso rispetto alle edizioni italiane del manga classico e dell'adattamento italiano dell'anime di Hades: se prima la stella Tenki Sei era tradotta come Stella del Cielo Nobile, la Panini ha scelto di adattarla come Stella della nobiltà celeste.

Errori del traduttore[modifica | modifica wikitesto]

  • A causa della traduzione errata dell'ideogramma solitudine (孤) per la sua somiglianza con l'ideogramma volpe (狐) il nome della stella di Violate è stato inizialmente tradotto con Stella della Volpe Celeste, anziché della Solitudine Celeste, ma poi nel volume 27 tale errore è stato corretto.
  • Nella traduzione italiana del manga[10] viene erroneamente dato ad intendere che la malattia di Cardia derivi dalla tecnica da lui forgiata, mentre in realtà il guerriero creò lo Scarlet Needle Katakayo proprio per tenere sotto controllo la patologia che lo affliggeva dalla nascita.
  • Nell'adattamento italiano del Volume 27, la costellazione del Leone Minore viene chiamata Leoncino.
  • La stella di Rune di Balrog nel manga classico veniva chiamata Stella del Cielo Eccellente, mentre in Lost Canvas viene chiamata "Stella dell'Eroismo Celeste", diventando tra l'altro identica alla stella dello Spettro Eaco.
  • Nel volume 39 la tecnica usata da Sion viene tradotta come "Onda infernale del Tsei She Ke" (in originale Seikishiki Meikaiha), tecnica del Cavaliere del Cancro, mentre nella versione originale usa l' "Onda degli spiriti rinati dello Tsei She Ke" (Sekishiki Tenryoha)
  • Nel volume 40 la scheda tecnica dell'armatura di Altare, appartenente ai cavalieri di Atena, riporta erroneamente la dicitura "Schema di scomposizione e montaggio dell'armatura infernale IV".
  • Nel volume 43 il simbolo di Partita (espresso in originale con l'inglese owl) è stato tradotto con "gufo", mentre la traduzione più corretta sarebbe stata "civetta", animale sacro ad Atena di cui Partita è la messaggera (nella lingua inglese, diversamente dall'italiano, non c'è un termine che identifichi nello specifico la civetta come specie).

Merchandising[modifica | modifica wikitesto]

Lost Canvas ha prodotto modici oggetti di merchandising. Alla fine di maggio 2010 è uscito il primo CD Drama della serie, contenente la storia di Albafica dei Pesci dal titolo Albafica Gaiden Aku- Kizuna (アルバフィカ外伝~赤い絆~?). Per ricevere il Cd occorreva inviare le prove di acquisto dei sei DVD[11] (la storia è stata poi trasportata in manga, nel primo volume della serie extra).
Di due personaggi della serie (Tenma di Pegaso e Kagaho di Bennu) è stata realizzato un modellino per la serie Myth Cloth. Altri prodotti rilasciati in Giappone comprendono due puzzle, uno specchio tascabile, dei bicchieri, dei sottobicchieri e un mini asciugamano[12].

In contemporanea alla pubblicazione del primo capitolo dei volumi extra è stata annunciata l'uscita di un Cd musicale, contenente delle canzoni cantate dai doppiatori dei singoli personaggi[13], prodotto dalla Avex (già distributrice delle serie di OAV Mekai ed Elysion) e uscito il 10 agosto 2011[14]

Una nuova fase di merchandising è stata avviata grazie all'Akita Shoten Shop e comprende una gigantografia in formato B4 dell'illustrazione del 25 tomo di Lost Canvas in cornice d'oro, una cover per Iphone6 con le effigie di Sisyphos del Sagittario e due T-Shirt dedicate ai Gemelli[15]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Al lancio della serie animata i primi 12 tankobon han superato il milione e duecento mila copie.[16]

Per il lancio del secondo volume stagione 1 della trasposizione animata, un comunicato stampa rilasciato dalla casa di produzione dell'anime annuncia che i primi 15 tankobon han superato il 1.800.000 copie[17]

Per il lancio del terzo volume stagione 1 della trasposizione animata, un comunicato stampa rilasciato dalla casa di produzione dell'anime annuncia che i primi 16 tankobon han superato i 2 milioni di copie.[18]

In accordo col booklet uscito in allegato al quinto volume extra la serie Lost Canvas in Giappone è arrivata in totale a 6.700.000 copie di volumetti venduti.[19]

In base all'azienda di statistica Oricon i volumi che hanno venduto di più sono il 13 (entrato in Top 30 al 23º posto) con 25,238 copie[20], il 14 (sempre 23°) con 26,742 copie vendute vendute[21] ed il numero 18 (ancora al 23º posto), con una vendita di 29,436 copie.[22]

Della serie di volumi extra, il secondo volume dedicato a Cardia si è piazzato al 30º posto nella classifica settimanale Top 30 con 21,736 albi venduti.[23]. L'ottavo volume extra dedicato ad Asmita si è piazzato al 44º posto con 24,700 albi venduti.[24] Il nono volume extra dedicato a Rasgato si è piazzato al 48º posto con 19,000 albi venduti.[25]Il decimo volume extra dedicato a Sisifo si è piazzato al 47º posto con 22,000 albi venduti[26]. L'undicesimo volume extra dedicato a Defteros si è piazzato al 44º posto con 29.616 copie vendute[27].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Lost Canvas - edizione giapponese - nuove raccolte in volume |
  2. ^ http://www.tochigi-tv.jp/program/?id=537
  3. ^ a b (FR) Senniger, Pierre; Bahu-Leyser, Emmanuel, Intervista esclusiva a Shiori Teshirogi in Animeland, Issue 142, Animeland, giugno 2009, pp. 47–53, ISSN 1148-0807.
  4. ^ Cartoonist 2013 – Intervista all’autrice di I Cavalieri dello zodiaco – The Lost Canvas – Il mito di Ade, Shiori Teshirogi, 23 aprile 2013.
  5. ^ Notizia dell'uscita del capitolo Yuzuriha gaiden sul sito SaintSeiya.it
  6. ^ Sulla copertina del volume e nelle pubblicità era riportato il primo titolo scritto in lingua giapponese con kanji e kana, ma le pagine interne del volumi riportano il titolo Saint Seiya - The Lost Canvas - The Myth of Hades - Anecdotes, scritto in caratteri latini
  7. ^ Notizia dell'uscita della serie Gaiden su SaintSeiya.it
  8. ^ La notizia su officante.net
  9. ^ Saint Seiya The Lost Canvas – Tokyo Anime Fair |
  10. ^ Volume 25, http://www.paninicomics.it/web/guest/productDetail?viewItem=621207
  11. ^ (JA) 聖闘士星矢THE LOST CANVAS冥王神話, TMS Entertainment. URL consultato il 28 giugno 2010., dal blog del sito ufficiale della serie
  12. ^ 聖闘士星矢THE LOST CANVAS冥王神話/GOODS
  13. ^ La notizia sul sito SaintSeiya.it
  14. ^ Lost Canvas Cd Characters Song rilasciato |
  15. ^ Preordini maglie Aspros di Gemini e Defteros di Gemini, Akita Shoten.
  16. ^ http://www.tms-e.co.jp/pdf/news/2009/090306seiya.pdf
  17. ^ http://www.tms-e.co.jp/pdf/news/2009/091001seiya.pdf
  18. ^ http://www.tms-e.co.jp/pdf/news/2009/091119seiya.pdf
  19. ^ https://www.facebook.com/163610427003498/photos/a.574722025892334.1073741825.163610427003498/574722029225667/?type=3&theater
  20. ^ Japanese Comic Ranking, April 7-13 - News - Anime News Network
  21. ^ Japanese Comic Ranking, June 8-14 (Updated) - News - Anime News Network
  22. ^ Japanese Comic Ranking, March 8-14 - News - Anime News Network
  23. ^ コミック 週間ランキング-ORICON STYLE ランキング
  24. ^ Japanese Comic Ranking, August 5-11 - News - Anime News Network
  25. ^ Japanese Comic Ranking, December 6-12 - News - Anime News Network
  26. ^ http://www.animenewsnetwork.com/news/2014-06-25/japanese-comic-ranking-june-16-22/.75966
  27. ^ Classifica Oricon.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga