Gruppo editoriale Mauri Spagnol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gruppo Editoriale Mauri Spagnol)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "GEMS" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Gems.
Gruppo editoriale Mauri Spagnol S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo società per azioni
Fondazione 2005 a Milano
Fondata da
Sede principale Milano
Gruppo Messaggerie italiane
Persone chiave
Settore Editoria
Sito web

Il Gruppo editoriale Mauri Spagnol S.p.A. è una holding editoriale italiana del Gruppo Messaggerie italiane.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Umberto Mauri, già collaboratore per la Bompiani, riscatta le Messaggerie italiane (per cui lavorava sin dal 1937) dall'editore Hachette. Nel 1955 Mario Spagnol, amico del figlio di Umberto Mauri, Fabio, entra in Bompiani.

Luciano Mauri, figlio di Umberto, succede al padre nella gestione delle Messaggerie dal 1963. Al 1977 risale l'acquisizione della casa editrice Longanesi. Quest'ultima, da tempo afflitta da una crisi economica ed editoriale, inizierà a riprendersi con la gestione di Mario Spagnol. Attraverso Longanesi vengono acquistate Guanda (1986) e Salani (1987); viene inoltre fondata la TEA in società con UTET (1987).
Nel 1992 e nel 1993 vengono acquistate rispettivamente Corbaccio e Ponte alle Grazie.

Il gruppo inizia a stabilizzarsi economicamente e vengono dunque acquistate le azioni di Finarte in Corbaccio e in Salani. Agli stessi anni risale l'entrata nell'azionariato di Garzanti che però non entra a far parte del gruppo.

Nel 1999, alla morte di Mario Spagnol, Stefano Mauri succede a Mario Spagnol nella carica di responsabile della Longanesi e si avvia la ristrutturazione del gruppo. Stefano Mauri diviene poi responsabile delle società controllate da Messaggerie italiane (Longanesi, Guanda, TEA, Corbaccio, Vallardi) mentre Luigi Spagnol di quelle controllate dalla sua famiglia (Salani e Ponte alle Grazie).

Alla fine del 2002 a Stefano Mauri viene affidata anche la responsabilità della casa editrice Garzanti Libri. Nello stesso anno viene acquistata la casa editrice Nord.

Il 13 ottobre 2005 nasce a Milano il Gruppo editoriale Mauri Spagnol (GeMS), così denominato in omaggio ai due fondatori. È controllata da Messaggerie italiane per il 73,77%, dalla famiglia Spagnol per il 23% e da Andrea Micheli per il 3,23%. Al Gruppo vengono conferite le partecipazioni delle case editrici Longanesi, Garzanti, Vallardi, Guanda, Corbaccio, Tea, Nord, della società di promozione commerciale Pro Libro (precedentemente controllate dalle Messaggerie Italiane) Salani e Ponte alle Grazie (precedentemente controllate dalla famiglia Spagnol) e il 50% di R.L. Libri, joint venture con RCS Libri.

Nel 2006 Garzanti entra totalmente nel gruppo GeMS. La promozione e la commercializzazione vengono delegate alla società Pro Libro Service mentre alla GE.AM.CO. (partecipata al 50% da GeMS) viene delegata la gestione amministrativa e contabile.

Nel 2007 nasce Chiarelettere, che pubblica prevalentemente libri di attualità e inchiesta, detenuta per il 49%.

Nel 2009 vengono acquisite Duomo Ediciones (con sede a Barcellona), La Coccinella (letteratura per ragazzi), Bollati Boringhieri (saggistica) e il 35% di Fazi Editore. Le quote in Fazi verranno poi cedute nel maggio del 2013.[1]

In occasione del centesimo anniversario di Messaggerie Italiane il 24 febbraio 2014 è stata inaugurata la Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri [2], presieduta da Achille Mauri. La Fondazione gestirà anche la Scuola per Librai, che da anni promuove la cultura europea del libro coinvolgendo in misura sempre maggiore gli attori del panorama editoriale e librario mondiale.

Case editrici del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Affariitaliani.it - Fazi torna indipendente e si separa da GeMS
  2. ^ Editoria libraria/ Nasce la Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri - Affaritaliani.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]