Giovanni Battista Bertone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Battista Bertone
Giovanni Battista Bertone deputato.jpg

Ministro del tesoro
Durata mandato 18 settembre 1946 –
2 febbraio 1947
Presidente Alcide De Gasperi
Predecessore Epicarmo Corbino
Successore Pietro Campilli

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 8 maggio 1948 –
4 giugno 1968
Legislature I, II, III, IV
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Circoscrizione Senatore di diritto (I)
Collegio Mondovì
Sito istituzionale

Deputato del Regno d'Italia
Durata mandato 1º dicembre 1919 –
21 gennaio 1929
Legislature XXV, XXVI, XXVII
Gruppo
parlamentare
Popolare

Deputato dell'Assemblea Costituente
Durata mandato 25 giugno 1946 –
31 gennaio 1948
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Circoscrizione II Cuneo
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Popolare Italiano (1919-1926)
Democrazia Cristiana (1943-1968)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Giovanni Battista Bertone (Mondovì, 17 dicembre 1874Mondovì, 15 settembre 1969) è stato un politico italiano del Partito Popolare Italiano e della Democrazia Cristiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Deputato del Regno d'Italia dal 1919 al 1929, nel 1924 partecipò con gli altri deputati antifascisti alla secessione dell'Aventino, ma nel novembre 1925 lasciò l'Aventino e fece ritorno in aula; per questo motivo non fu dichiarato decaduto da deputato nella nota seduta del 9 novembre 1926, ma rimase in carica fino al 1929.[1][2]

Dopo la guerra, fu membro dell'Assemblea Costituente e successivamente più volte senatore e ministro. Nell'Assemblea Costituente è stato membro della Commissione per i trattati internazionali (dal 19 luglio 1946 al 10 dicembre 1946) e della Giunta per il regolamento interno (dal 2 luglio 1947 al 31 gennaio 1948).

È stato senatore ininterrottamente per 20 anni, dal 1948 al 1968.

Ha ottenuto 1 voto alle elezioni del Presidente del Senato del 1948 e 5 a quelle del 1952.

Altri incarichi di governo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tornata di martedì 9 novembre 1926 (PDF), su storia.camera.it, Camera dei deputati, p. 6389-6394. URL consultato il 23 marzo 2015.
  2. ^ Sircana

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro del tesoro della Repubblica Italiana Successore Italy-Emblem.svg
Epicarmo Corbino 18 settembre 1946 - 2 febbraio 1947 Pietro Campilli
Controllo di autoritàVIAF (EN90342020 · SBN SBLV234406 · WorldCat Identities (ENviaf-90342020