Giovanni Bartolena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Bartolena (Livorno, 24 giugno 1866Livorno, 16 febbraio 1942) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Avviato alla pittura dallo zio Cesare, si iscrisse all'Accademia di Belle Arti di Firenze e seguì un corso tenuto dal concittadino Giovanni Fattori.

Il suo esordio ufficiale risale al 1892 alla Promotrice di Torino e successivamente, a causa delle improvvise difficoltà economiche della famiglia, divenne pittore di professione. Sul finire dell'Ottocento si trasferì a Marsiglia, ma dopo pochi mesi rientrò in Italia, portando la propria dimora a Lucca e poi a Firenze. Nel 1919 decise di tornare nella città natale, dove si dedicò alla pittura dei paesaggi, nature morte e vasi da fiori.

Nel 1925 Bartolena tenne la sua prima mostra a Milano, che ottenne un notevole successo e l'apprezzamento dell'affermato pittore Carlo Carrà. Negli anni successivi tenne altre personali a Livorno, Milano e Venezia.

Giovanni Bartolena nei musei[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Monti, G. Matteucci (a cura di), I Postmacchiaioli, Roma 1994.