Gigi Simeoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gigi Simeoni

Luigi (Gigi) Simeoni, che si firma con lo pseudonimo Sime[1] (Brescia, 4 settembre 1967), è un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a lavorare nel settore pubblicitario per poi passare al fumetto creando i personaggi grotteschi di "Zompi", "Dr Jekill & Mrs Hyde", "il Lupo Mannaggia" per la Acme/Macchia Nera e successivamente collaborando con Bonvi sulle pagine di Nick Carter pubblicando il personaggio umoristico di "Mac Murphy". Contemporaneamente si dedica al fumetto realistico: all'inizio degli anni '90 pubblica su Lazarus Ledd delle Edizioni Star Comics e su Intrepido dell'editrice Universo. In seguito, insieme con altri autori bresciani, crea la serie horror-poliziesca Full Moon Project[2], che anticipa di qualche anno l'idea centrale della serie TV X-Files, e la serie cyberpunk Hammer[3], anch'essa in qualche modo anticipatrice di ciò che si vedrà solo anni dopo nel primo film della saga di Matrix.

Nel 1995 approda alla Sergio Bonelli Editore, dapprima come disegnatore e infine come autore completo, per Nathan Never e altre testate[4]. Dal 2002 si occupa stabilmente sia dei testi che dei disegni di albi avventurosi per le serie mensili e lunghi romanzi grafici, pubblicati nelle collane Romanzi a Fumetti Bonelli e Le storie. Dal 2013 è collaboratore fisso per Dylan Dog in qualità di sceneggiatore e autore completo. Organizza e dirige eventi, incontri pubblici e corsi di fumetto e scrittura creativa per aspiranti professionisti, dilettanti e allievi alle prime armi. Dal 2018 collabora con la Scuola Internazionale Comics di Brescia[5]. Nel novembre 2020 pubblica il primo romanzo in prosa, "I lupi di Hitler" (Newton Compton Editori), da cui è tratto il graphic novel La corsa del Lupo (Sergio Bonelli Editore).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

ACME/Macchia Nera
  • 1990: Zio Tibia, la clinica dell'orrore “Dott. Jeckill e Miss. Hyde” (serie di quattro storie brevi);
  • 1991: Cattivik “Zompi” (serie di cinque storie brevi).
  • 1992: Cattivik “Il Lupo Mannaggia” (episodio unico).
Edizioni Eden/Center TV
  • 1991: Full Moon Project “Nel Nero” (n. 4, scritta in coll. con M. Febbrari);
  • 1991: Full Moon Project “La razza della notte” ( n. 7, scritta in coll. con D. Longoni e M. Febbrari);
Editrice Universo
  • 1992: Intrepido “La scommessa” (n. 4, testi di S. Santarelli), Casa Editrice Universo;
  • 1993: Intrepido “Solo per amore”(n. 10, testi di C.Gozzo), Casa Editrice Universo.
Sistemi Caotici Editore
  • 1992: Futuro Zero n. 1, “Shining, una splendida festa di botte”;
  • 1992: Futuro Zero n. 2, “Terminator 1+1”;
  • 1992: Futuro Zero n. 3, “Gli Improbabili” (nº3).
Gene Vincent Editore
Star Comics
  • 1993: Lazarus Ledd: “Subway” (albo n. 15, testi di Ade Capone);
  • 1995: Hammer: “La montagna che canta” (n. 4);
  • 1995: Hammer: “Miraggio Coraggio” (n. 7, disegni di A. Rossi).
Intermedia Editore
  • 1998: “Virus Fighters – Operazione Prevention” (pubblicazione speciale per la Giornata Mondiale contro l'Aids).
Cronaca di Topolinia
  • 2001: Hammer: “Gattordici” (albo collettivo speciale a tiratura limitata).
Sergio Bonelli Editore

'Nathan Never'

  • 1996: “L'isola nel cielo”, n. 64, testi di S. Vietti;
  • 1997: “La lunga notte”, n. 86, testi di S. Vietti;
  • 2002: “Codice Zero”, n. 138, anche testi in coll. con S. Vietti, ma non accreditato;
  • 2003: “Il dolore della memoria”, n. 145, testi di S. Piani;
  • 2005: “L'Enigmista”, n. 169, testi di B. Vigna;
  • 2009: “La bambina scomparsa”, n. 216;
  • 2009: “La fabbrica dei sogni”, n. 217.

'Nathan Never Speciale'

  • 1996: “Gli oceani del cyberspazio” ("Sigmund" n. 1, allegato a "Nathan Never Speciale" n. 6, testi di C. Fattori);
  • 1999: “Il minotauro” ("Sigmund" n. 2, allegato a "Nathan Never Speciale" n. 9, testi di A. Ostini).

'Nathan Never Gigante'

  • 1997: “Un nuovo futuro”, n. 3, in collaborazione con G. Olivares. Testi di A. Serra.

'Agenzia Alfa'

  • 2004: “Mendoza – incidente mortale”, n. 12, testi di S. Piani;
  • 2005: “Piccoli detective”, n. 13, testi di S. Piani;
  • 2007: “Missione in Eurasia”, n. 15, (solo le prime 66 tavole).

'Almanacco della fantascienza'

  • 2004: “Sangue innocente”, testi di S. Piani.

'Nathan Never Maxi'

  • 2004: “La vendetta di Cotton”, n. 1, testi di S. Piani;
  • 2013: "Post Mortem", n. 9.
Brendon
  • 2000: “Il soffio dell'Aldilà”, n. 18, Testi di C. Chiaverotti.
Gregory Hunter Maxi
  • 2002: “La terra delle lunghe ombre" / "Il nido del Crotalo”.
Romanzi a fumetti Bonelli
  • 2007: “Gli Occhi & Il Buio”, n. 2;[6] (ripubblicato con modifiche nel 2014 da BD Italia e nel 2019 da Sergio Bonelli Editore);
  • 2011: “Stria”, n. 5.[7][8] (ripubblicato con modifiche nel 2022 da Sergio Bonelli Editore).
Volto Nascosto
  • 2008: “La medaglia d'oro”, n. 13, Testi di G. Manfredi.
Dylan Dog
  • 2014: "Anarchia nel Regno Unito", n. 339, disegni di G. Casertano;
  • 2015: "Nel fumo della battaglia", n. 343;
  • 2015: "Il sapore dell'acqua", n. 344, disegni di G. Pontrelli;
  • 2016: "Miseria e crudeltà", n. 354, disegni di E. Tanzillo;
  • 2017: "Il passo dell'angelo", n. 368;
  • 2018: "Dormire, forse sognare", n. 378, disegni di G. Freghieri;
  • 2018: "Il tango delle anime perse", n. 379, disegni di B. Brindisi;
  • 2018: "La macchina che non voleva morire", n. 384, disegni di S. Gerasi;
  • 2020: "Scrutando nell'abisso", n. 408, disegni di M. Soldi;
  • 2022: "La vita e il suo contrario", n. 427;
  • 2022: "Gli infernauti", n. 434.
Dylan Dog Color Fest
  • 2011: "Passaggio per l'Inferno", n. 7, testi di F. Accatino;
  • 2015: "Il respiro del diavolo", n. 15, disegni di W. Dell'Edera;
  • 2020: "Delitti e castighi", n. 33, disegni di D. Furnò.
Dylan Dog Talks
  • 2019: "L'intervista", testi di M. Nucci.
MAXI Dylan Dog - Old Boy
  • 2018: "Horror Express", Maxi Dylan Dog Old Boy n. 33 , disegni di Montanari & Grassani;
  • 2018: "Musica per corpi freddi", Maxi Dylan Dog Old Boy n. 34, disegni di A.Giordano;
  • 2020: "L'isola del male", Dylan Dog Oldboy n. 3;
  • 2021: "Lei abita ancora qui", Dylan Dog Oldboy n. 9.
Le storie
  • 2013: "Amore Nero", n. 8;
  • 2014: "Oxid Age", n. 17;
  • 2016: "Xamu", n. 44, disegni di A. Giordano;
  • 2017: "Dollari d'argento", n. 52, disegni di G. Baiguera;
  • 2019: "La corsa del Lupo - Parte 1° - Tre Pietre Nere", n. 76;
  • 2019: "La corsa del Lupo - Parte 2° - Nel nido del ragno", n. 77;
  • 2019: "La corsa del Lupo - Parte 3° - L'ultimo miglio", n. 78;
  • 2020: "Il calzolaio del re", n. 99, disegni di A. Orlandi.
Tex Willer
  • 2015: Color Tex n° 8, "La banda Hogan"[9]

Romanzi in prosa[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996: Premio Fumo di China come Miglior Autore Realistico;
  • 1996: Premio ANAFI (insieme con lo staff di “Hammer”) per la Migliore Testata Avventurosa;
  • 2008: Premio Comicus Miglior Graphic Novel Italiana per “Gli occhi e il buio”;
  • 2008: Premio Ayaaak Miglior Sceneggiatore per “Gli occhi e il buio”;
  • 2008: Premio Ayaaak Migliore Storia per “Gli occhi e il buio”;
  • 2008: Premio ANAFI come Migliore Autore Completo per “Gli occhi e il buio”;
  • 2011: Premio Comicus Miglior Graphic Novel Italiana per “Stria”;
  • 2018: Premio Grouchino D’Oro per il lavoro svolto sulla testata “Dylan Dog”;
  • 2020: Premio ANAFI come Migliore Autore Completo per “La corsa del Lupo”;
  • 2022: Premio Accademia Res Aulica di Bologna "Scrittori con gusto" per "I lupi di Hitler", Migliore Romanzo.


Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74186013 · ISNI (EN0000 0000 0268 0143 · SBN MODV117141 · BNF (FRcb15846659t (data) · WorldCat Identities (ENviaf-74186013