Gianpiero Bocci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianpiero Bocci
Gianpiero Bocci daticamera.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Interno
Durata mandato 2 maggio 2013 –
1º giugno 2018
Presidente Enrico Letta
Matteo Renzi
Paolo Gentiloni
Predecessore Giovanni Ferrara
Successore Stefano Candiani

Segretario della Camera dei deputati
Durata mandato 8 maggio 2008 –
20 marzo 2013
Presidente Gianfranco Fini

Durata mandato 21 marzo 2013 –
2 maggio 2013
Presidente Laura Boldrini

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XV, XVI, XVII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Coalizione L'Unione (XV)
PD-IdV (XVI)
Italia. Bene Comune (XVII)
Circoscrizione XIII Umbria
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC (fino al 1994)
PPI (1994-2002)
DL (2002-2007)
PD (2007-2019)
Indipendente (dal 2019)
Titolo di studio Laurea in Scienze Politiche
Professione Dirigente pubblico

Gianpiero Bocci (Cerreto di Spoleto, 10 agosto 1962) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in scienze politiche, si iscrive giovanissimo alla Democrazia Cristiana con la quale, nel 1985, a soli 22 anni, è eletto sindaco di Cerreto di Spoleto, suo paese natale, mandato che ricoprirà fino al 1995. Nel contempo ricoprirà incarichi vari presso soggetti pubblici: Usl Valnerina (assessore dal 1986 al 1990, presidente nel 1991, presidente del Comitato dei garanti); Comunità montana Valnerina (presidente dal 1991 al 1995); Centro per la ricerca antropologica in Valnerina e nella dorsale appenninica (Cedrav).

Viene eletto consigliere regionale con le elezioni regionali dell'Umbria del 23 aprile 1995 in una lista di centro-sinistra. Il 30 maggio successivo viene eletto Presidente del consiglio regionale, carica da cui si dimise il 23 luglio 1997. Nominato assessore alla cultura, istruzione, turismo e sport per il prosieguo della legislatura. Rieletto nella legislatura successiva, viene nominato vice Presidente della Giunta regionale e Assessore alla Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca. Nel 2002 aderisce a La Margherita.

Eletto deputato nelle file dell'Ulivo nella XV Legislatura nella XIII circoscrizione (Umbria), è stato membro dell'VIII Commissione (Ambiente, territorio e lavori pubblici) e membro della Commissione di vigilanza sulla Cassa Depositi e Prestiti.

Alle elezioni politiche del 2008 viene nuovamente eletto deputato nelle file del Partito Democratico per la XVI Legislatura, durante la quale è Segretario della Camera dei Deputati per il PD è membro della stessa VIII Commissione, del Comitato per gli affari del personale della Camera dei deputati.

Nel gennaio 2010 si candida contro Catiuscia Marini alle primarie del PD per il candidato alla presidenza della regione Umbria, uscendone però sconfitto con il 46% delle preferenze contro il 54% della Marini.

Al termine della legislatura, si candida alle primarie del PD per i parlamentari in Umbria, dove arriva primo con 6.933 preferenze. L'ottimo risultato conseguito gli consente di essere rieletto nelle file del PD nelle Elezioni Politiche del 2013.

Il 21 marzo 2013 è rieletto nuovamente Segretario della Camera dei Deputati per il PD. Viene sostituito dal collega Enrico Gasbarra

Il 3 maggio seguente viene nominato Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Interno sotto il Ministro Angelino Alfano nel Governo Letta. Viene confermato nell'incarico nel Governo Renzi e di nuovo confermato a dicembre 2016 con il Governo Gentiloni.

Il 16 dicembre 2018 Bocci viene eletto segretario regionale PD dell'Umbria con circa il 63% delle preferenze[1].

Il 12 aprile 2019 la Guardia di Finanza lo sottopone ad arresti domiciliari nell'ambito di una inchiesta della procura di Perugia su presunti illeciti nelle assunzioni nel sistema sanitario umbro[2]; il 15 aprile annuncia quindi le dimissioni dalla carica di segretario e la restituzione della tessera del partito[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bocci nuovo segretario Pd, affluenza boom, su corrieredellumbria.corr.it, 17 dicembre 2018. URL consultato il 15 aprile 2019.
  2. ^ Sanità: arrestati Bocci, Barberini e Duca, su umbriaON, 12 aprile 2018. URL consultato il 12 aprile 2018.
  3. ^ Dan. Bo., Pd, via alla direzione regionale. Bocci restituisce la tessera del partito, su Umbria24.it, 15 aprile 2019. URL consultato il 15 aprile 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]