Luigi Gaetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Gaetti
Luigi Gaetti datisenato 2013.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'interno
Durata mandato 13 giugno 2018 –
5 settembre 2019
Cotitolare Stefano Candiani
Nicola Molteni
Carlo Sibilia
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Gianpiero Bocci
Domenico Manzione

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 marzo 2013 –
22 marzo 2018
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle
Circoscrizione Lombardia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Titolo di studio Laurea in Medicina e Chirurgia
Università Università “La Sapienza”
Professione Medico Anatomopatologo

Luigi Gaetti (Mantova, 11 agosto 1959) è un medico e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Medico specializzato in anatomia patologica,nel 1999 diventa consigliere comunale a Curtatone con la Lega Nord[senza fonte]. Nel 2013 viene eletto senatore della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Lombardia per il Movimento 5 Stelle. Ha assunto l'incarico di vicepresidente della IX Commissione permanente (Agricoltura e produzione agroalimentare), rinunciando all'indennità di carica prevista.

Il 22 ottobre 2013 viene eletto vicepresidente della Commissione parlamentare Antimafia.[1]

Dal 15 luglio 2014, è il nuovo Segretario d'Aula del gruppo M5S al Senato in sostituzione di Vito Rosario Petrocelli nominato capogruppo.

Non ricandidato alle successive elezioni politiche, dal 12 giugno 2018 è stato nominato Sottosegretario agli Interni nel Governo Conte I con delega all’Antimafia[2][3], data l’esperienza maturata in 5 anni come Vice Presidente della Commissione Antimafia nella XVII Legislatura.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Antimafia, Bindi eletta presidente. Pdl: “Lasciamo la Commissione”, il Fatto Quotidiano, 22 ottobre 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  2. ^ Governo, nominati 45 tra viceministri e sottosegretari
  3. ^ Luigi Gaetti, in Ministero dell‘Interno. URL consultato il 18 ottobre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]