Ghil'ad Zuckermann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ghil'ad Zuckermann

Ghil'ad Zuckermann (Tel Aviv, 1º giugno 1971) è un linguista, glottologo, filologo e lessicologo israeliano naturalizzato italiano.

È esperto nel campo del contatto tra le lingue, linguistica storica, rivitalizzazione linguistica,[1][2] cambiamento linguistico, morfologia, semantica, etimologia e la genetica dell'ebraico moderno.[3] È di origini italiane e israeliane.[4] Insegna presso l'Università di Adelaide, Australia, dove detiene la cattedra di lingue in pericolo.[5]

Zuckermann parla 13 lingue. Si dedica alla rigenerazione linguistica e alla salvaguardia di lingue minoritarie e in via di estinzione.[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato nel Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico di Duino (TS).[7] Ha partecipato agli studi nell'ambito del “Programma Interdisciplinare per Studenti Dotati Adi Lautman” all'Università di Tel Aviv. Ha ricevuto il dottorato di ricerca dal St Hugh's College dell'Università di Oxford nel 2000.

Oggi è professore ordinario di linguistica e lingue in via di estinzione all'Università di Adelaide (Australia Meridionale, Australia)[8] e gestisce un fondo conferitogli dal consiglio di ricerca del governo australiano (NHMRC). In passato ha lavorato come professore all'Università di Queensland (Brisbane), ed in Gran Bretagna, Singapore, USA, Cina, Slovacchia, Tailandia ed Israele, e per eminenti incarichi di ricerca e studio alla Australian Research Council; Fondazione Rockefeller presso Villa Serbelloni in Bellagio (Italia); nonché Cambridge (Gran Bretagna), Shanghai (Cina), Melbourne (Australia), Austin (Texas, USA) e Tokyo (Giappone).

Tra le sue pubblicazioni (in inglese, ebraico, italiano, yiddish, spagnolo, tedesco, russo e cinese) spiccano i volumi Israelit Safa Yafa, Am Oved 2008 ("Israeliano – bella lingua"),[9] e Language Contact and Lexical Enrichment in Israeli Hebrew, Palgrave Macmillan 2003 (“Contatto linguistico ed arricchimento lessicale nell'ebraico israeliano”).[10]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alex Rawlings, 22 marzo 2019, BBC, The man bringing dead languages back to life ("Ghil’ad Zuckermann has found that resurrecting lost languages may bring many benefits to indigenous populations – with knock-on effects for their health and happiness").
  2. ^ Nuno Marques, 14 settembre 2018, Come far rivivere una lingua morta, intervista a Ghil’ad Zuckermann.
  3. ^ "Lingua mosaica o lingua-Mosaico?: La genetica dell'israeliano" - Un articolo del Prof. Ghil'ad Zuckermann.
  4. ^ Sarah Robinson, 11 marzo 2019, The LINGUIST List, Featured Linguist: Ghil‘ad Zuckermann
  5. ^ Magica Fossati, 30 gennaio 2019, SBS in italiano, 2019: un anno dedicato alle lingue indigene nel mondo.
  6. ^ Festa a Gemona per i 40 anni dei 5 'ambasciatori del Fvg', Così l'assessore Rosolen ha definito Università di Udine, Scuola Interpreti, Sissa, Collegio del Mondo Unito e Area Science Park, 05 ottobre 2018.
  7. ^ 5 STORIE DI STRAORDINARIO SUCCESSO, News / 8 Ottobre 2018, Gemona del Friuli.
  8. ^ Il Fvg sia punto di riferimento europeo per l'innovazione, 08 ottobre 2018.
  9. ^ Israeliano - bella lingua.
  10. ^ Contatto linguistico ed arricchimento lessicale nell'ebraico israeliano.
Controllo di autoritàVIAF (EN82529603 · ISNI (EN0000 0000 8160 2847 · LCCN (ENn2003064030 · GND (DE141840161 · BNF (FRcb14525732r (data)