Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Gensui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il titolo di Gensui (元帥) (spesso tradotto come "maresciallo") è stato il più alto titolo dell'Esercito imperiale giapponese prima della seconda guerra mondiale.

Insegne del Gensui

Le termine gensui, che è stato utilizzato anche nella Marina Imperiale Giapponese, era in origine il nome del rango di Saigō Takamori nel 1873 in qualità di comandante dell'esercito. Tuttavia, nel maggio 1873, Saigo è stato « declassato » al rango di generale, e gensui non indica più che una funzione molto onorifica conferita per servizio esemplare all'Imperatore del Giappone.

Il titolo per i generali dell'Esercito imperiale giapponese era Maresciallo Generale (元帥陸軍大将, translitterato Gensui Rikugun Taishō) che può essere paragonato a Feldmaresciallo o al titolo di Maresciallo di Francia dell'esercito francese; per gli ammiragli della Marina imperiale giapponese il titolo era maresciallo ammiraglio (元帥海軍大将 , translitterato Gensui Kaigun Taishō) corrispondente a Großadmiral, Grande ammiraglio o Ammiraglio di Flotta. Le denominazioni e la sequenza gerarchica dei gradi giapponesi erano le stesse sia per l'esercito imperiale sia per la marina: l'unica distinzione era la collocazione della parola Rikugun (esercito) o Kaigun (marina) prima del nome del grado. La denominazione di ammiraglio era quella di Generale di armata navale, quella di viceammiraglio era di generale di divisione navale e quella di contrammiraglio era generale di brigata navale.

Chi veniva investito del titolo di Gensui aveva le stesse insegne di grado di generale o di ammiraglio, ma si distingueva per una placca smaltata appuntata sul petto, sulla quale vi erano al centro delle foglie di Paulonia con gli stendardi incrociati dell'esercito imperiale ai lati la bandiera di guerra della Marina giapponese e sormontate dal sigillo imperiale; inoltre coloro che avevano il titolo di Gensui erano anche autorizzati ad indossare in particolari cerimonie la spada da samurai.

Il titolo è stato assegnato a un totale di diciassette generali e tredici ammiragli, alcuni dei quali promossi a questo rango a titolo postumo l'anno della loro morte.[1]

Durante il periodo Meiji, il titolo è stato assegnato a cinque generali e tre ammiragli, a sei generali e sei ammiragli durante il periodo Taishō e a sei generali e quattro ammiragli durante il periodo Shōwa. Alcuni furono promossi a questo rango a titolo postumo l'anno della loro morte.

Del titolo di Gensui è stato insignito anche il sovrano britannico Giorgio V il 28 ottobre 1918.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Gensui Togo Heihachiro, Oku Yasukata, Inoue Yoshika e Kawamura Kageaki alla cerimonia per l'inaugurazione della statua in bronzo in onore di Gensui Ōyama Iwao, 1917

1871–1873[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 1871 sono stati introdotti i titoli dei due ufficiali Dai-Gensui (大元帥 „Grande-Gensui“) e Gensui. Il Dai-Gensui era il comandante dell'esercito e della marina e il Gensui dell'esercito. Poco tempo dopo questo è stato corretto o chiarito che il Dai-Gensui era il titolo onorario dell'imperatore come comandante di entrambe le forze armate nell'evento di una campagna personalmente condotta e Gensui del principe ereditario e ministro equivalente.[2]

Il 20 luglio 1872 Yamagata Aritomo diede le dimissioni a causa dello scandalo Yamashiroya (山城屋事件, Yamashiroya-jiken) come comandante della guardia imperiale (近衛都督, konoe totoku). Poi l'incarico è stato affidato a Saigō Takamori e gli è stato dato il titolo di Rikugun Gensui (陸軍元帥, „Gensui dell'Esercito“), che corrisponde grosso modo al posto di ministro dell'esercito. Tuttavia c'era ancora il posto ufficiale di Ministro della Guerra (陸軍卿, Rikugun-kyō) nel gabinetto di governo, così in modo che le due cariche andassero in parallelo, a Saigō è stato aggiunto il titolo di Rikugun Gensui ricevuto dal Gran Cancelliere (Daijō Daijin[3]) Sanjō Sanetomi. Anche se non era stato stabilito, fu aggiunto che dipendeva anche da quest'ultimo.[2]

Per stabilire una chiara catena di comando in data 8 maggio 1873 furono ancora aboliti entrambi i titoli. Tuttavia il termine di Dai-Gensui per l'Imperatore del Giappone nella sua qualità di comandante in capo è stato ancora utilizzato con questo significato.[2]

1898–1945[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 gennaio 1898 è stato adottato un editto imperiale che istituisce il Gensui-fu (元帥府).[4] Inoltre, assieme al Consiglio militare supremo (軍事参議院, gunji sangiin) fondato nel 1903, è stato uno dei due corpi che hanno consigliato il Tenno[5] in campo militare. I suoi membri erano solo generali (陸軍大将, rikugun taishō) e ammiragli (海軍大将, kaigun taishō), che ricevettero il titolo onorifico di Gensui prefisso al loro rango.

Lista dei gensui[modifica | modifica wikitesto]

Gensui dell'Esercito Imperiale[6][modifica | modifica wikitesto]

Immagine Nome giapponese Date di nascita e morte promozione provenienza
Takamori Saigo.jpg
Saigō Takamori 西郷 隆盛 1828–1877 11872-07-2020 luglio 187211873-05-088 maggio 1873 Kagoshima
Prince Komatsu Akihito.jpg
Principe Komatsu Akihito 小松宮彰仁親王 1846–1903 11898-01-2020 gennaio 1898 Yamaguchi
Yamagata Aritomo.jpg
Principe Yamagata Aritomo 山県 有朋 1838–1922 11898-01-2020 gennaio 1898 Famiglia imperiale
Iwao Oyama 2.jpg
Principe Ōyama Iwao 大山 厳 1842–1916 11898-01-2020 gennaio 1898 Kagoshima
Michitsura Nozu.jpg
Marchese Nozu Michitsura 野津 道貫 1841–1908 11906-01-3131 gennaio 1906 Kagoshima
Yasukata Oku.jpg
Conte Oku Yasukata 奥 保鞏 1847–1930 11911-10-2424 ottobre 1911 Fukuoka
Hasegawa Yoshimichi.jpg
Conte Hasegawa Yoshimichi 長谷川 好道 1850–1924 11913-01-099 gennaio 1913 Yamaguchi
HIH Fushimi Sadanaru.jpg
Principe Fushimi Sadanaru 伏見宮貞愛親王 1858–1923 11913-01-099 gennaio 1913 Famiglia imperiale
Kawamura Kageaki.jpg
Barone Kawamura Kageaki 川村 景明 1850–1926 11913-01-099 gennaio 1913 Kagoshima
Masatake Terauchi 2.jpg
Conte Masatake Terauchi 寺内 正毅 1852–1919 11916-06-2424 giugno 1916 Yamaguchi
Prince Kanin Kotohito.jpg
Principe Kanin Kotohito 閑院宮載仁親王 1865–1945 11919-12-1212 dicembre 1919 Famiglia imperiale
Uehara Yusaku.jpg
Barone Uehara Yūsaku 上原 勇作 1856–1933 11921-04-2727 aprile 1921 Miyazaki
Prince Kuninomiya Kuniyoshi.jpg
Principe Kuni Kuniyoshi 久邇宮邦彦王 1873–1929 11929-01-2727 gennaio 1929 (postuma) Famiglia imperiale
Morimasa Nashimotonomiya.jpg
Principe Nashimoto Morimasa 梨本宮守正王 1874–1951 11932-08-088 agosto 1932 Famiglia imperiale
Muto Nobuyoshi.jpg
Barone Nobuyoshi Mutō 武藤 信義 1868–1933 11933-05-033 maggio 1933 Saga
Terauchi Hisaichi.jpg
Conte Hisaichi Terauchi 寺内 寿一 1879–1946 11943-06-2121 giugno 1943 Tōkyō
Sugiyama Hajime1.jpg
Hajime Sugiyama 杉山 元 1880–1945 11943-06-2121 giugno 1943 Fukuoka
HataSyunroku.jpg
Shunroku Hata 畑 俊六 1879–1962 11944-06-022 giugno 1944 Fukushima

Gensui della Marina Imperiale[6][modifica | modifica wikitesto]

Immagine Nome giapponese Date di nascita e morte promozione provenienza
Tsugumichi Saigo 2.jpg
Marchese Tsugumichi Saigō 西郷 従道/西郷 從道 1843–1902 11898-01-2020 gennaio 1898 Kagoshima
Itoh Sukeyuki.jpg
Conte Itō Sukeyuki 伊東 祐亨 1843–1914 11906-01-3131 gennaio 1906 Kagoshima
Inoue Yoshika.jpg
Visconte Inoue Yoshika 井上 良馨 1845–1929 11911-10-3131 ottobre 1911 Kagoshima
Tōgō Heihachirō.jpg
Marchese Tōgō Heihachirō 東郷 平八郎 1847–1934 11913-04-2121 aprile 1913 Kagoshima
Arisugawa Takahito.jpg
Principe Arisugawa Takehito 有栖川宮威仁親王 1862–1913 11913-07-077 luglio 1913 (postuma) famiglia imperiale
Ijuin Goro.jpg
Barone Gorō Ijūin 伊集院 五郎 1852–1921 11917-05-2626 maggio 1917 Kagoshima
HIH Prince Yorihito Higashifushimi.jpg
Principe Higashifushimi Yorihito 東伏見宮依仁親王 1867–1922 11922-06-2727 giugno 1922 (postuma) famiglia imperiale
Shimamura Hayao.jpg
Barone Hayao Shimamura 島村 速雄 1858–1923 11923-01-088 gennaio 1923 (postuma) Kochi
Admiral Kato Tomosaburo.jpg
Barone Tomosaburō Katō 加藤 友三郎 1861–1923 11923-08-2424 agosto 1923 (postuma) Hiroshima
Prince Fushimi Hiroyasu.jpg
Principe Hiroyasu Fushimi 伏見宮博恭王 1875–1946 11932-05-2727 maggio 1932 famiglia imperiale
Isoroku Yamamoto.jpg
Isoroku Yamamoto 山本 五十六 1884–1943 11943-04-1818 aprile 1943 (postuma) Niigata
Osami Nagano.jpg
Osami Nagano 永野 修身 1880–1947 11943-06-2121 giugno 1943 Kochi
Koga Mineichi.jpg
Mineichi Kōga 古賀 峯一 1885–1944 11944-03-3131 marzo 1944 (postuma) Saga

Dai-Gensui[6][modifica | modifica wikitesto]

Il titolo di Dai Gensui traducibile con Gran maresciallo e comparabile a quello di generalissimo o Reichsmarschall era riservato all'Imperatore. Il corrispondente italiano in epoca fascista era quello di Primo maresciallo dell'Impero riservato solamente al Re Vittorio Emanuele III e a Mussolini, titolo abolito dall'Italia dopo la seconda guerra mondiale.

L'ultimo ad essere insignito del titolo Dai Gensui è stato l'imperatore Hirohito che lo assunse nel 1926 quando ascese al Trono del crisantemo e lo mantenne fino al 15 agosto 1945 quando il Giappone si arrese agli alleati; il titolo venne abolito nel 1947.

Immagine Nome giapponese Date di nascita e morte In carica Note
Black and white photo of emperor Meiji of Japan.jpg
Imperatore Meiji (明治天皇 Meiji Tennō?) 3 novembre 1852 – 30 luglio 1912 1872-1873; 1889-1912 Istituzione del titolo di Dai-Gensui
Emperor Taishō.jpg
Imperatore Taishō (大正天皇 Taishō tennō?) 31 agosto 1879 – 25 dicembre 1926 1912-1926
Hirohito in dress uniform.jpg
Imperatore Shōwa (昭和天皇 Shōwa Tennō?) 29 aprile 1901 – 7 gennaio 1989 1926-1945 Mantenne il titolo fino al 15 agosto 1945 quando il Giappone si arrese agli alleati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Teizō Iyanaga, Susumu Ishii e Shōichirō Yoshida, (anteprima limitata su Google Ricerca Libri) Dictionnaire historique du Japon., a cura di Seiichi Iwao - Maison franco-japonaise de Tokyo, Parigi, Maisonneuve & Larose, 2002, pp. 727, DOI:10.2706816333, ISBN 978-2-7068-1633-8.
  2. ^ a b c (JA) Yasumichi Teramura, [(on-line il testo completo) cap. 10 - 1], in 明治国家の政軍関係―政治的理念と政軍関係 („ Relazioni militari civili nello stato Meiji. Principi e relazioni civili-militari “), Compendio 政策科学 („Scienze Politiche“), Università di Ritsumeikan, pp. 73 -84, DOI:10.0919-4851. URL consultato il ottobre 2002.
  3. ^ Ministro degli Affari supremi, o Primo ministro del Giappone
  4. ^ (JA) 詔書(明治31年) („Editti Imperiali 1898“), 中野文庫/The Nakano Library. URL consultato il 13 settembre 2009.
  5. ^ Imperatore giapponese
  6. ^ a b c (JA) 元帥一覧, www1.odn.ne.jp. URL consultato il 30 giugno 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]