Arisugawa Takehito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arisugawa Takehito
The prince Takehito Arisugawanomiya as a naval commander.jpg
Il principe Arisugawa Takehito
13 gennaio 1862 – 5 luglio 1913
Nato a Kyoto, Giappone
Morto a Kobe, Giappone
Religione Buddhismo
Dati militari
Paese servito Giappone Giappone
Forza armata Naval Ensign of Japan.svg Marina imperiale giapponese
Grado Ammiraglio
Guerre Guerra russo-giapponese
Decorazioni Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo
voci di militari presenti su Wikipedia

Il principe Arisugawa Takehito[1] (有栖川 宮威仁親王?; Kyoto, 13 gennaio 1862Kōbe, 5 luglio 1913) è stato un militare e nobile giapponese, parte di un ramo cadetto della famiglia imperiale del Giappone e ammiraglio della Marina imperiale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Arisugawa Takehito faceva parte di un ramo cadetto della famiglia imperiale e fu ufficiale di carriera nella Marina imperiale. Nel 1905, fu promosso ammiraglio.

Ultimi anni e morte[modifica | modifica wikitesto]

Di debole costituzione fin da ragazzo, il principe ebbe frequenti problemi di salute. Si fece costruire una casa estiva a Kobe dove, dal 1909, visse ritirato. Vi morì il 3 luglio 1913 ma la notizia della morte non fu data che il 10 luglio, dopo che il suo corpo venne traslato con un treno speciale fino a Tokyo; qui, venne portato al palazzo di Kōjimachi. Il principe Arisugawa fu promosso al rango di maresciallo ammiraglio il 7 luglio: dopo la sua morte ma prima che venisse annunciata la data ufficiale della sua scomparsa, per fare in modo che la nomina non fosse considerata postuma. Fu insignito nel contempo del Cordone dell'Ordine Supremo del Crisantemo.

Matrimonio e famiglia[modifica | modifica wikitesto]

L'11 dicembre 1880, Arisugawa sposò Maeda Yasuko, quarta figlia di Maeda Yoshiyasu, l'ultimo daimyō del Kaga Domain (la moderna Prefettura di Ishikawa). Dal matrimonio nacquero tre figli.

Il principe morì senza eredi maschi: il figlio Tanehito, infatti, era morto nel 1908 di appendicite. Con la morte del principe la casa degli Arisugawa-no-miya si estinse. Ma l'imperatore Taisho fece rivivere la casata (che riprese il vecchio nome Takamatsu-no-miya) in favore del suo terzo figlio, il principe Takamatsu Nobuhito.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Il principe appare in alcuni documentari dell'epoca:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per i biografati giapponesi nati prima del Periodo Meiji si usano le convenzioni classiche dell'onomastica giapponese, secondo cui il cognome precede il nome. "Arisugawa" è il cognome.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Trevor N. Dupuy, Encyclopedia of Military Biography, I B Tauris & Co Ltd, 1992, ISBN 1-85043-569-3.
  • Jansen, Marius B. The Making of Modern Japan. Cambridge: The Belknap Press of Harvard University Press, 2000.
  • Donald Keane, Emperor Of Japan: Meiji And His World, 1852-1912, Columbia University Press, 2005, ISBN 0-231-12341-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN252980348