Gaspare Mattei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaspare Mattei
cardinale di Santa Romana Chiesa
MATTEI GASPARE.jpg
Ritratto del cardinale Mattei
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1598 a Roma
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato arcivescovo5 settembre 1639 da papa Urbano VIII
Consacrato arcivescovo30 ottobre 1639 dal cardinale Ernesto Adalberto d'Harrach
Creato cardinale13 luglio 1643 da papa Urbano VIII
Deceduto9 aprile 1650 (52 anni) a Roma
 

Gaspare Mattei (Roma, 1598Roma, 9 aprile 1650) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di nobile famiglia (Mattei), figlio di Mario Mattei, duca di Paganica e Prudenzia Cenci; parente di papa Paolo V e nipote del cardinale Tiberio Cenci studiò all'archiginnasio di Roma, presso cui si addottorò in giurisprudenza. Essendo il figlio primogenito, i genitori sperarono che si sposasse con la ragazza di cui Gaspare era innamorato, ma lui decise invece di iniziare la carriera ecclesiastica nella Curia romana durante il pontificato di Paolo V.

Ebbe vari incarichi come governatore nelle città dello Stato Pontificio: San Severino Marche, Forlì, Urbino, Perugia.

Il 5 settembre 1639 fu eletto arcivescovo titolare di Atene. Fu quindi inviato come nunzio apostolico in Austria presso l'imperatore.

Nel concistoro del 13 luglio 1643 papa Urbano VIII lo creò cardinale e il 14 novembre dello stesso anno ricevette il titolo di San Pancrazio fuori le mura. Optò per il titolo di Santa Cecilia il 28 settembre 1648.

Partecipò al Conclave del 1644 che elesse papa Innocenzo X, ma dovette lasciare il conclave prima dell'elezione, perché malato.

Morì a Roma e fu sepolto nella basilica di Santa Cecilia.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN198679439 · ISNI (EN0000 0001 3951 2386 · GND (DE1017167397