Francesco Starace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Starace

Francesco Starace (Roma, 22 settembre 1955) è un dirigente d'azienda italiano, amministratore delegato e direttore generale di Enel.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione ed inizio carriera[modifica | modifica wikitesto]

Fratello maggiore del diplomatico Giorgio Starace. Laureatosi nel 1980 in Ingegneria Nucleare presso il Politecnico di Milano, Starace[1][2][3] è stato dal 1981 al 1982 analista della sicurezza degli impianti elettronucleari di NIRA Ansaldo, e fino al 1987 ha occupato numerose posizioni manageriali nella SAE SADELMI, società facente capo a General Electric, sia in Italia che in altri paesi (Stati Uniti, Arabia Saudita ed Egitto). Dal 1987 al 1993 ha lavorato per ABB prima di passare al gruppo SOIMI, azienda del gruppo ABB SAE SADELMI[1], in qualità di direttore generale. Nello stesso periodo ha ricoperto anche la carica di Managing Director delle due società controllate. Tra il 1997 e il 1998 è stato amministratore delegato di ABB Combustion Engineering Italia e successivamente è passato ad Alstom Power, dove dal 1998 al 2000 è stato senior vice president delle vendite globali e impianti chiavi in mano per la divisione turbine a gas.

La carriera in Enel[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 è diventato responsabile dell'Energy Management di Enel Produzione S.p.A..[4] Nella compagnia elettrica italiana, ha ricoperto dal 2002 al 2005 la carica di responsabile dell'area di business Power, appena creata all'interno della divisione Generazione ed Energy management, nell'ambito della rifocalizzazione del Gruppo sul core business energetico decisa dall'allora amministratore delegato Paolo Scaroni.

Nel 2005 è stato designato direttore della Divisione Mercato Italia di Enel focalizzata sul mercato libero dell'elettricità e del gas rivolto alla clientela domestica.[5] In quel periodo, Enel lancia per la prima volta in Europa un'offerta per la fornitura di energia elettrica prodotta da sole fonti rinnovabili.[6]

Nel dicembre 2008 è diventato direttore della Divisione Energie Rinnovabili di Enel e amministratore delegato di Enel Green Power, la neonata società del Gruppo dedicata allo sviluppo e alla gestione delle attività di generazione di energia da fonti rinnovabili in Italia e nel mondo. Ha guidato la società[7] al collocamento sui listini di Milano e Madrid del 30,8% del capitale sociale per un incasso complessivo di 2,4 miliardi di euro. Nei sei anni di gestione Starace, Enel Green Power si è affermata come uno dei principali player mondiali nel settore delle rinnovabili, con 29 miliardi di kWh prodotti da 750 impianti di 16 Paesi in Europa, America Settentrionale e America Latina, e un mix di tecnologie verdi ben calibrato[8].

Nel 2014 è stato nominato amministratore delegato e direttore generale di Enel.[9][10] La sua strategia si basa sul sottolineare la vocazione industriale dell'azienda[11] annunciando la riconversione di 23 centrali termoelettriche del Gruppo in Italia (turbogas, olio combustibile, carbone).[12][13]

Nel maggio 2015 il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha nominato Francesco Starace membro del consiglio United Nations Global Compact.[14][15][16][17][18]

Nel gennaio 2016, in occasione del 46º incontro annuale svoltosi a Davos-Klosters, Svizzera, è stato nominato co-presidente delle comunità Energy Utilities ed Energy Technologies del World Economic Forum.[19][20][21][22][23]

Nel giugno del 2016 Starace ha presentato all’ONU gli impegni di Enel per contribuire al raggiungimento degli obiettivi globali di crescita socio economica sviluppo sostenibile e per combattere fame e cambiamento climatico; tra questi, fornire energia elettrica a tre milioni di persone, principalmente in America Latina e Africa[24]. A ottobre del 2016, sotto la presidenza tedesca del G20, è stato nominato co-presidente della task force del B20 su energia, clima ed efficienza delle risorse. Starace il 2 dicembre 2016 presso la Borsa di New York ha suonato la campana che dà tradizionalmente inizio alle contrattazioni di Wall Street, in occasione dell'avvio della quotazione di Enel Américas, controllata creata come fase finale della ristrutturazione delle operazioni di Enel in America Latina, come confermato dallo stesso Starace in audizione al Senato [25] il 2 marzo 2017, le operazioni hanno permesso il recupero di 16 miliardi di euro di valore. Nella stessa occasione, viene confermata la crescita del margine operativo lordo a 15 miliardi ed un utile per il Gruppo a 3,2 miliardi di euro per il 2016[26]. Sempre nell’ottica dell’espansione internazionale di Enel, il 10 aprile 2017 Francesco Starace annuncia la chiusura di un accordo per l’acquisto di Bungala Solar One, progetto solare fotovoltaico in Australia, attraverso una joint venture tra Dutch Infrastructure Fund ed Enel Green Power[27].

Il 18 marzo 2017 il Tesoro ha ufficializzato la nomina di Francesco Starace nel ruolo di Amministratore Delegato per un ulteriore mandato insieme alla presidente Patrizia Greco[28], confermata successivamente il 5 maggio 2017 dal Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. [29] Nel corso dell’Assemblea degli azionisti viene anche approvato il bilancio.

Il 19 giugno 2017 Starace viene nominato Presidente dell’Unione del settore elettrico europeo Eurelectric con mandato biennale[30]. Il 26 giugno ha presentato Open Meter, il nuovo contatore 2.0 di Enel per il quale la società ha stabilito investimenti per 4,3 miliardi di euro, un’applicazione che consentirà una riduzione dei consumi elettrici tra il 2 e il 6%[31].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposato e padre di due figli. Appassionato di poesia e arte, soprattutto contemporanea. Pratica ciclismo, è tifoso della Roma [32].

Altri incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Starace ricopre attualmente anche i seguenti incarichi:

Membro del Consiglio Direttivo di Fullbright (Italia) [33]

Membro del Board del Politecnico di Milano (Italia) [34]

Vicepresidente della Fondazione Italia-Giappone (Italia) [35]

Membro del Board di Human Foundation (Italia) [36]

Membro del Board dell’Università HEC (Francia)

Membro del Board dell’Accademia di Santa Cecilia (Italia)

Membro del Corporate Advisory Board della LUISS (Italia) [37]

Membro del Consiglio della Fondazione dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Italia)

Membro dell’Advisory Board dell’iniziativa Sustainable Energy For All dell’ONU (U.S.A.) [38]

Membro del Board del Global Compact ONU (U.S.A.) [39]

Co-presidente Utilities Community WEF - World Economic Forum (Svizzera) [40]

Presidente di Eurelectric [41][42]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2010 ha ricevuto insieme a Luigi Ferraris il Premio Manager Utilities 2010 promosso da Agici e da Accenture per il progetto industriale che ha portato alla nascita di un leader mondiale nelle rinnovabili e alla sua successiva quotazione.[43][44][45]
  • Nel 2011 ha vinto il premio Scacchi e strategie aziendali conferito da parte dell'omonima associazione.[46][47][48]
  • Nel 2013 ha vinto il premio Premio Energia Sostenibile 2013 assegnato da Fondazione Energia.[49][50][51]
  • Nel 2016 è stato premiato come «Uomo dell’anno» dal magazine «Staffetta Quotidiana», storica rivista del settore energetico[52].

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Ad aprile 2016, in un'intervista ad una domanda concernente l'organizzazione dell'Enel affermò che "occorre distruggere fisicamente (quei) centri di potere che non vogliono cambiare. Si deve creare malessere. Appena sarà evidente andrà creata paura nel resto dell'organizzazione".[53][54] Il caso è stato discusso in un'interrogazione parlamentare al Senato della Repubblica.[55] In seguito ha inviato un messaggio di scuse ai dipendenti Enel.[56]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Italian IGCC project sets pace for new refining era, su Oil & Gas Journal, 12 settembre 1996. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  2. ^ Società partecipate dallo Stato, ecco i nuovi vertici, su Il Sole 24 Ore. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  3. ^ Francesco Starace - Biografia, su Enel. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  4. ^ Chi è Francesco Starace, nuovo ad di Enel, su Europa, 14 aprile 2014. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  5. ^ ENEL: AL VIA LA NUOVA ORGANIZZAZIONE. NASCE LA DIVISIONE INTERNAZIONALE, su Enel, 25 novembre 2005. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  6. ^ Liberalizzazione dell'energia: Enel lancia un pacchetto famiglia verde- Il Sole 24 Ore
  7. ^ Ipo Green Power, questa la squadra- Corriere della Sera
  8. ^ Starace: il mercato globale sarà il segreto delle rinnovabili- Rinnovabili.it
  9. ^ ENEL: IL NUOVO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NOMINA FRANCESCO STARACE AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE, su Enel, 23 maggio 2014. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  10. ^ Ecco tutte le nomine. Finmeccanica, Moretti al vertice. Eni: Marcegaglia-Descalzi. Poste:Todini-Caio. Enel: Grieco-Starace Terna: Bastioli, su Repubblica.it, 24 aprile 2014. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  11. ^ Francesco Starace: "Ecco come cambierò l'Enel"- L'Espresso
  12. ^ Enel: 11 GW di termoelettrico da chiudere e sperimentazione su dispacciabilità da rinnovabili, su QualEnergia, 16 ottobre 2014. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  13. ^ Reuters Italia, 30 ottobre 2014, http://it.reuters.com/article/itEuroRpt/idITL5N0SP52T20141030 . URL consultato il 16 dicembre 2014.
  14. ^ (EN) UN Secretary-General Appoints New Global Compact Board Members, su UN Global Compact, 7 maggio 2015. URL consultato il 20 luglio 2015.
  15. ^ (EN) Brief Bios: Global Compact Board, su UN Global Compact. URL consultato il 20 luglio 2015.
  16. ^ Enel: Starace a primo Cda Global Compact Onu, su Corriere.it, 11 giugno 2015. URL consultato il 20 luglio 2015.
  17. ^ Starace (ENEL) a New York per Board Global Compact, su OnuItalia.com, 26 giugno 2015. URL consultato il 20 luglio 2015.
  18. ^ ENEL: STARACE PARTECIPA AL CONSIGLIO DEL GLOBAL COMPACT NAZIONI UNITE, su AGG, 26 giugno 2015. URL consultato il 20 luglio 2015.
  19. ^ Wef: Starace nominato co-presidente utilities ed energy, su iltempo.it, 22 gennaio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  20. ^ (EN) WEF Utilities and Energy Technologies Community has Francesco Starace as new co-chair, su theworldnewstimes.com, 22 gennaio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  21. ^ Enel, per l’a.d. Starace nomina al World Economic Forum (WEF), su affaritaliani.it, 22 gennaio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  22. ^ Enel: Starace co-presidente Energy Utilities and Technologies Communities Wef, su corriere.it, 22 gennaio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  23. ^ (EN) Enel CEO Francesco Starace appointed co-chair of World Economic Forum Utilities and Energy Technologies Community, su publicnow.com, 22 gennaio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  24. ^ Francesco Starace: "La fibra nostra idea ma Enel non tornerà alle Tlc"
  25. ^ Audizione Amministratore delegato ENEL
  26. ^ Starace: "Enel prima nelle rinnovabili in Europa"
  27. ^ Enel, entra in Australia col più grande progetto solare del Paese
  28. ^ Partecipate, le nomine del Tesoro: Profumo a Leonardo, confermati Descalzi (Eni) e Starace (Enel)
  29. ^ ENEL: IL NUOVO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CONFERMA FRANCESCO STARACE AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE
  30. ^ Enel, l'Ad Starace alla guida di Eurelectric
  31. ^ Open Meter entra nel vivo: ecco cosa si potrà fare con il nuovo contatore
  32. ^ Starace Francesco
  33. ^ Membro del Consiglio Direttivo di Fullbright (Italia)
  34. ^ Membro del Board del Politecnico di Milano (Italia)
  35. ^ Vicepresidente della Fondazione Italia-Giappone (Italia)
  36. ^ Membro del Board di Human Foundation (Italia)
  37. ^ Membro del Corporate Advisory Board della LUISS (Italia)
  38. ^ Membro dell’Advisory Board dell’iniziativa Sustainable Energy For All dell’ONU (U.S.A.)
  39. ^ Membro del Board del Global Compact ONU (U.S.A.)
  40. ^ Co-presidente Utilities Community WEF - World Economic Forum (Svizzera)
  41. ^ Presidente di Eurelectric
  42. ^ Presidente di Eurelectric
  43. ^ Industriale Oggi, 17 febbraio 2011, http://www.industriale-oggi.it/archives/00031076.html . URL consultato il 16 dicembre 2014.
  44. ^ Il Sole 24 Ore, 17 febbraio 2011, http://archivio-radiocor.ilsole24ore.com/articolo-901649/enel-ferraris-starace/ . URL consultato il 16 dicembre 2014.
  45. ^ Enel, 18 febbraio 2014, https://www.enel.it/it-IT/eventi_news/news/enel-green-power-2010-da-premio/p/090027d981930df1 . URL consultato il 16 dicembre 2014.
  46. ^ Prima Pagina Molise, 28 novembre 2011, http://www.primapaginamolise.it/detail.php?news_ID=45381 . URL consultato il 16 dicembre 2014.
  47. ^ Enel Green Power, strategia vincente, enel.it, 29 novembre 2011. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  48. ^ Il Premio Scacchi e strategie, su Corriere della Sera, 3 dicembre 2011. URL consultato il 16 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  49. ^ Anigas, http://www.anigas.it/opencms/anigas/AllegatoFree?idFile=7836 . URL consultato il 16 dicembre 2014.
  50. ^ Filmato audio Premiata l'energia sostenibile di Enel Green Power, su YouTube, 17 febbraio 2014. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  51. ^ Enel Green Power, 14 febbraio 2014, http://www.enelgreenpower.com/it-IT/events_news/news/release.aspx?iddoc=1661540 . URL consultato il 16 dicembre 2014.
  52. ^ Francesco Starace 'Uomo dell'anno' di Staffetta Quotidiana
  53. ^ https://www.youtube.com/watch?v=r0L3Im8arSk
  54. ^ http://www.lanotiziagiornale.it/il-discorso-choc-dellad-dellenel-starace-bisogna-creare-paura-nei-dipendenti-ora-imbarazza-il-governo-il-caso-finisce-in-parlamento-con-uninterrogazione-parlamentare-in-altri-paesi-per/
  55. ^ http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Economia/Enel-interrogazione-dichiarazioni-Starace-cambiamenti-aziendali/18-05-2016/1-A_026887548.shtml
  56. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/05/31/enel-lad-starace-ai-dipendenti-dopo-le-frasi-alla-luiss-ho-sbagliato-quei-toni-e-contenuti-non-mi-appartengono/2784555/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie