Findus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Findus
Logo
StatoSvezia Svezia
Fondazione1945 a Bjuv
Sede principale
SettoreAlimentare
ProdottiSurgelati
Slogan«Il sapore della vita»
Sito web

Findus è una società che produce cibo surgelato destinato alla commercializzazione al dettaglio.

In Italia è leader di mercato nel settore del pesce prefritto surgelato e con il marchio 4 salti Findus in quello dei piatti pronti surgelati (contorni, primi e secondi).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il marchio Findus è nato in Svezia nei primi anni del Novecento. Nel 1962 la società viene venduta alla multinazionale Nestlé che, nel 1963, con Unilever forma una joint venture in Italia per la commercializzazione di prodotti surgelati con il marchio Findus. Nel 1985 Unilever rileva per intero la società in Italia e mantiene il marchio Findus, mentre produce con il marchio Birds Eyes nel resto dei paesi europei. Nestlè vende invece il resto del gruppo Findus al fondo di investimento svedese EQT Partners nel 2000. Dal 2008 Findus Group appartiene al fondo di investimento Lions Capital. Dal 2010 il brand Findus fa invece capo a tre realtà distinte: Lions Capital in tutti i paesi europei ad eccezione di Svizzera, dove appartiene a Nestlé, e Italia, dove è sotto Permira.

In Italia lo stabilimento si trova a Cisterna di Latina e avvia la sua attività nel 1964, producendo circa 15.000 tonnellate di prodotti surgelati. Oggi la produzione dei principali prodotti Findus è ancora a Cisterna e le tonnellate sono salite a oltre 100.000.

Nel 1967 vengono lanciati sul mercato i Bastoncini colonna portante della gamma firmata "Capitan Findus", completata nel corso degli anni da diverse preparazioni di pesce panato, come ad esempio le Croccole e i Filetti di platessa e dai bastoncini al salmone. Nel 1975 nascono i "Sofficini", che nel corso degli anni si sono arricchiti di numerose varianti, fino al 2005, quando vengono rivisitati con il DoppioRipieno e accompagnati dalla linea "Che": Che Supplì, Che Crocchè, Che Mozzarella. Nel 1996 un altro lancio storico dell'azienda: "4 Salti in Padella", una linea di primi piatti, secondi di carne e contorni, pronti in pochi minuti.

In Italia il marchio Findus è stato di proprietà di Unilever dal 1985 al 2010, la quale possedeva sin dal 1940 il marchio Birds Eyes, società europea che produce surgelati. Nel 2006 Unilever vende al fondo di investimento Permira il business del surgelato europeo (Birds Eyes) trattenendo Findus Italia. Nel luglio 2010 Unilever vende Findus Italia al gruppo Birds Eye Iglo, oggi Iglo Group, presente in 11 paesi e con un fatturato annuo di circa 1,5 miliardi di euro. Nel 2015 il fondo private equity Permira ha annunciato che la sua controllata, Permira Europe III, ha raggiunto un accordo con Nomad per vendere Iglo Group, la maggiore azienda d'Europa di cibi surgelati, per la cifra di 2,6 miliardi. Tra i marchi controllati da Iglo Group, in Italia, c'è proprio Findus.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 Findus UK ha dovuto ritirare dal mercato inglese la maggior parte dei surgelati dichiarati di carne bovina, poiché test sul DNA hanno rilevato che in essi era contenuta carne di cavallo in percentuale finanche del 100%.

Findus Italia si era dichiarata totalmente estranea alla vicenda, in quanto trattavasi di aziende completamente diverse. Infatti in Italia il brand Findus era di proprietà della CSI (Compagnia Surgelati Italiana), allora di proprietà del gruppo europeo Iglo Group.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'8 giugno 2014 è stato mandato in onda in Italia uno spot pubblicitario realizzato da Havas Worldwide Milan per la linea "4 salti in padella". Nello spot, un ragazzo invita la madre a pranzo e le rivela che il suo coinquilino, che ha appena sfornato i prodotti Findus, è in realtà il suo compagno. La madre, tranquilla, rivela di essersene già accorta da tempo. Lo spot, il primo in Italia a unire i concetti di omosessualità e famiglia, ha catturato l'attenzione dei media e del pubblico[1].

Capitan Findus[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è il protagonista di moltissime pubblicità volte a promuovere i filetti di merluzzo impanati, il cui successo, oltre agli spot riusciti, fu dovuto principalmente alla capacità che ebbe il prodotto di entrare nelle case aiutando i genitori a far mangiare pesce ai propri figli. Capitan Findus, la cui voce in Italia è quella di Carlo Bonomi, era solito chiosare gli spot con il motto di "Parola di Capitan Findus!". Rappresentato con lo stereotipo del marinaio bonaccione e di lunga esperienza marittima, Capitan Findus appariva con barba e capelli bianchi e un'uniforme blu simile a quella di un ufficiale della Marina.

Il primo interprete di Capitan Findus fu Giovanni Cattaneo (classe 1935). [2] Dal 1967 l'interprete fu John Hewer che rimase nell'immaginario collettivo come il "vero" Capitan Findus. Egli aveva interpretato il personaggio in Paesi diversi (anche se i suoi filmati pubblicizzavano marche diverse a seconda del paese), dopodiché si decise che ogni Paese, da allora in poi, avrebbe avuto il proprio interprete per il personaggio. In Italia, fu scelto l'attore Stefano Seno, più giovane, con la barba incolta, i capelli neri e un'uniforme più moderna. Nonostante si trattasse di un attore italiano, era doppiato da Roberto Pedicini. L'operazione, volta a ringiovanire l'immagine del prodotto, anche trasformando il personaggio in un eroe in perpetua lotta contro la strega Murena, ebbe vita breve e, nel 2003, si scelse nuovamente un Capitan Findus più anziano dai capelli bianchi e la barba più curata, ma bianca, rimasto in questo ruolo fino al 2011. A differenza delle due precedenti versioni del personaggio, questa non parlò mai durante gli spot, che, in questa fase, si concentravano sui pensieri di un ragazzino seguace del capitano.

Il personaggio di Capitan Findus divenne così famoso da diventare esso stesso il marchio del prodotto, prima sotto le spoglie degli attori sopra citati e, dal 2015, rappresentato sotto forma di vignetta sulle confezioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148333950 · ISNI (EN0000 0004 0435 0702