Ferdinando Meomartini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferdinando Meomartini a 82 anni concorrente alla Mille Miglia 1990

Ferdinando Meomartini (Benevento, 5 luglio 1908Rozzano, 5 maggio 2003) è stato un giornalista, pilota automobilistico e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato dal cavalier Giuseppe di Colle Sannita e da Elisa Jelardi di San Marco dei Cavoti, Ferdinando Meomartini si laureò in giurisprudenza a Napoli e fu poi direttore del RACI (Real Automobil Club Italiano) a Matera, Lecce, ove organizzò la Coppa d'Oro del Littorio, Genova e quindi a Milano.

Trasferitosi nel capoluogo lombardo si dedicò dal 1933 al 2003, anno della sua morte, allo studio di problematiche connesse al mondo dell'automobile collaborando a numerosi quotidiani nazionali (Gazzetta dello Sport, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giorno, Auto Industrie, AutoMi), nonché prendendo parte a varie trasmissioni televisive e radiofoniche.

Conferenziere alla Conferenza sul traffico e la circolazione di Stresa dal 1951 al 1960, fu membro della Commissione Ministeriale di riforma del Codice della strada, membro del Comitato Tecnico per la ristrutturazione del PRA su designazione del ministro delle finanze Rino Formica (1980) e Segretario della Commissione Giuridica dell'ACI.

Fondò svariati comitati a difesa dell'automobilista tra cui l'Unione Nazionale Commercianti Auto Moto (UNCAM, 1954), il Sindacato Utenti Motorizzati (SUM, 1954) e la Federazione Italiana Difesa Automotorizzati (FIDA). Inoltre negli anni ottanta fondo numerose agenzie di pratiche auto operanti sul territorio italiano(MILANO-FIRENZE-NAPOLI-BARI) per il gruppo Fiat.

Corridore automobilistico sin dal 1929 alla Coppa Bellagio, partecipò tra l'altro alla Milano-San Remo dal 1930 al 1938, al Gran Premio di Monza (1933), al Gran Premio d'Italia (1934); organizzò la Coppa d'Oro del Littorio nel 1934, vinse il Volante d'Argento nel 1938 e molti altri premi e riconoscimenti tra cui quello di finalista al I Gran Premio di Brescia del 1940. in più occasioni fu Commissario ai Box.

Collaboratore sportivo dell'ACI dal 1948 al 1955, fu decano della Mille Miglia e prese parte alla celebre corsa per sessant'anni, fino all'età di 84 anni nel 1992. In un articolo apparso nel 1986 sulla rivista Grand Prix, il giornalista Mario Scelba junior così parla di Meomartini, tra i più anziani concorrenti dell'edizione della Mille Miglia storica di quello stesso anno:

«La gente, il pubblico è stato il vero protagonista, come ai vecchi tempi. Proprio un pilota di quegli anni, Ferdinando Meomartini che ha ripercorso insieme al figlio Alberto l’antico tracciato a bordo di una Alfa Romeo 2500 6C sport del 1946, alla fine della gara ha detto: "Sono partito che avevo 80 anni e scendo che ne ho 50!". E con una mano l’hanno visto rimettere l’ora al suo cronometro»

Dal 1999 al 2003, ultranovantenne, prese parte più volte al Maurizio Costanzo Show e fu opinionista su Telelombardia. Suo figlio Alberto Meomartini, secondogenito nato dal matrimonio con Nella Marchesi, è un noto dirigente d'azienda.

Vissuto sempre a Milano dal 1933, morì all'Istituto Clinico Humanitas, a Rozzano (Milano), all'età di 95 anni. Chiese di essere sepolto a San Marco dei Cavoti, paese della madre dove trascorreva le vacanze estive e dove, nel 2011, gli è stata intitolata una piazza. Le sue ceneri sono invece al Cimitero Monumentale di Milano, in una celletta[1].

Studi sulla burocrazia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'arco della sua lunga carriera di studioso di problematiche connesse al mondo dell'automobile, della burocrazia automobilistica e della circolazione stradale, la preoccupazione principale di Ferdinando Meomartini fu quella di snellire le lungaggini burocratiche legate al mondo dell'automobile, prevedendo il progressivo complicarsi della situazione con l'aumento continuo ed inarrestabile del numero di automobili sul territorio nazionale. Fu così ad esempio che nel 1937 egli propose alle autorità competenti di sostituire con fotografie dei documenti di proprietà, di acquisto o vendita delle autovetture, le copie compilate ed autenticate a mano dal notaio, allora in vigore, e che comportavano inevitabilmente lunghissimi tempi di attesa. La sua proposta, sebbene non accolta, anticipava di decenni il ciclostile e la fotocopiatrice.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Tra le numerose gare e premi vinti da Meomartini come pilota automobilistico:

  • Coppa Bellagio, 1929
  • V Corsa dello Stelvio, Coppa Arturo Mercanti, 1930
  • Milano-San Remo, edizioni del 1930, 1937, 1938
  • Raduno Internazionale Gardesana Occidentale, 1931
  • I Corsa Varese-Campo dei Fiori, 1931
  • II Concorso Eleganza Automobili, Genova 1931
  • III Gara "Stella Alpina", 1932
  • Raduno di Motori dell'aria, della terra e del mare, Genova 1934
  • Corsa Automobilistica Milano-Trieste 1933
  • XI Gran Premio d'Italia e VI Gran Premio di Monza 1933
  • Corsa Milano-Roma-Littoria-Bari, 1933
  • XII Gran Premio d'Italia, 1934
  • III Corsa Internazionale dello Stelvio, 1934
  • Coppa del Littorio, primo giro automobilistico d'Italia, 1934
  • Gara automobilistica "24 ore", Pescara 1934 (I classificato classe 1100)
  • IV Raduno Automobilistico Internazionale di S. Margherita Ligure, 1934
  • III Sagra del Motore, Genova 1934
  • I Raduno Automobilistico Internazionale e I Concorso Eleganza Automobili, Bormio 1935
  • II Coppa Milano-Rapallo 1936
  • I Coppa Milano-La Spezia, 1937
  • IV Coppa Invernale delle Alpi, 1937
  • VIII Milano-San Remo, 1937
  • Marcia automobilistica Milano-Budapest, 1937
  • Circuito di Ascoli Piceno
  • Circuito Parma-Poggio di Berceto
  • Circuito dell'Agro Pontino (7º classificato)
  • Corsa Bolzano-Mendola (I Classificato) 1938
  • I Raduno nazionale automobilistico, Bolzano 1938
  • V Coppa Invernale delle Alpi, 1938
  • Raduno Sciatorio Madonna di Campiglio 1938
  • Gara Argegna-Lanzo 1938 – (II Classificato -‘Volante d'Argento')
  • IX Coppa Milano-San Remo, 1938
  • XVI Gran Premio d'Italia – Gran Premio di Milano e Coppa Fascio Primogenito, 1938
  • Campionato automobilistico sociale, 1939.
  • I Gran Premio di Brescia, 1940 (finalista)
  • Riconoscimento speciale per i 60 anni di Mille Miglia, 1987

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La vendita a rate degli autoveicoli, Camera di Commercio, Milano 1954.
  • Critica sollecitata per un C.d.S. chiaro ed onesto, in Auto Industrie, Milano 1954
  • Il PRA: una battaglia vinta, Milano 1985.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Milano, applicazione di ricerca defunti "Not 2 4get".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Jelardi, Almerico Meomartini ed i più illustri personaggi della sua famiglia, Realtà Sannita, Benevento 2004.
  • AA.VV., San Marco dei Cavoti, Realtà Sannita, Benevento 2006.
  • Andrea Jelardi, Strade, storie e personaggi di Napoli da Posillipo a Toledo, Guida, Napoli 2007.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie