Excelsior (carro armato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Excelsior
Descrizione
Tipo Carro armato pesante
Equipaggio 5 (comandante, pilota, co-pilota, artigliere, servente)
Costruttore English Electric
Utilizzatore principale Regno Unito Regno Unito
Esemplari 2
Dimensioni e peso
Lunghezza 6,9 m
Larghezza 3,4 m
Altezza 2,4 m
Peso 40 t
Propulsione e tecnica
Motore 1 motore Rolls-Royce Meteor V12 a benzina
Potenza 600 CV (447 kW)
Rapporto peso/potenza 15 CV/tonnellata
Sospensioni sospensioni Christie
Prestazioni
Velocità su strada 38,5 km/h
Velocità fuori strada 19,2 km/h
Autonomia 160 km
Armamento e corazzatura
Armamento primario 1 Ordnance QF 75 mm
Armamento secondario 2 mitragliatrici Besa da 7,92 mm
Corazzatura 114 mm
Capacità 64 proiettili per il pezzo principale

[senza fonte]

voci di carri armati presenti su Wikipedia

L'A33 Excelsior fu un carro armato pesante sperimentale britannico basato sull'Mk VIII Cromwell e sviluppato durante la seconda guerra mondiale, quando sorsero dei dubbi riguardo alle prestazioni dell'Mk IV Churchill.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il fallimento del Raid su Dieppe dell'agosto del 1942, iniziarono a sorgere dei dubbi riguardo al carro armato Churchill: si temeva che esso non fosse all'altezza delle aspettative per cui era stato progettato. Fu dunque deciso di incominciare la progettazione di un nuovo carro che combinasse i ruoli di mezzo da supporto per fanteria e carro incrociatore.

La English Electric costruì due prototipi su altrettanti scafi di Mk VIII Cromwell. Il primo montava le sospensioni del carro americano M6, mentre il secondo aveva quasi i medesimi cingoli del Cromwell, poiché essi erano leggermente più larghi rispetto alla versione originale. Entrambi i mezzi erano dotati di una corazzatura più spessa e di un cannone Ordnance QF 75 mm. Quando, però, i problemi dei primi modelli di Churchill furono risolti, il progetto fu cancellato.[1]

Esemplari esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo veicolo è tuttora visibile al Bovington Tank Museum, nel Dorset, in Gran Bretagna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Fletcher, The Universal Tank, HMSO, for REME Museum, 1993, p. 87, ISBN 0-11-290534-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]