Avenger (carro armato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SP 17pdr A30 "Avenger"
A30 Challenger pic2.JPG
Descrizione
TipoSemovente corazzato cacciacarri
Equipaggio4-5
CostruttoreLeyland
Data impostazione1943
Data primo collaudo1944
Data entrata in servizio1945
Utilizzatore principaleGran Bretagna
Esemplari230
Dimensioni e peso
Lunghezza8,71 m
Larghezza3,04 m
Altezza2,21 m
Peso31,5 t
Propulsione e tecnica
MotoreRolls-Royce Meteor V12
Potenza600 hp
Rapporto peso/potenza22 hp/t
SospensioniChristie migliorata con rulli reggicingolo
Prestazioni
Velocità max50 km/h
Velocità fuori strada32 km/h
Autonomia170 km
Armamento e corazzatura
Armamento primarioOrdnance QF 17 lb a tiro rapido
Armamento secondarioMitragliatrice Bren in .303 British
voci di carri armati presenti su Wikipedia

L'A30 Avenger fu un cannone semovente cacciacarri britannico progettato durante la seconda guerra mondiale.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Quando nel 1942 iniziò ad essere prodotto in grande serie il cannone controcarro da 17 libbre, lo Stato Maggiore britannico ritenne opportuna la produzione di veicoli paragonabili a quelli tedeschi, i quali facevano da tempo largo uso di cacciacarri, da affiancare alle divisioni corazzate impegnate su più fronti. Dal momento che il cacciacarri americano M10 Wolverine non era immediatamente acquistabile, venne richiesto alla Leyland di progettare un cannone semovente che utilizzasse il potente cannone controcarro sopracitato e lo scafo di un carro armato già in servizio. La versione semovente del carro Valentine, noto come Archer, era già in fase di sviluppo, ma questo scafo costringeva a montare l'imponente cannone da 17 libbre in ritirata (ovvero verso la parte posteriore dello scafo), con non trascurabili problemi tattici.

Venne perciò utilizzato lo scafo del carro armato A30 Challenger, che permetteva l'auspicabile brandeggio di 360°, oltre al naturale alloggiamento per il potente propulsore Rolls-Royce Meteor. Una serie di ritardi nella produzione[1] e scelte diverse da parte dello Stato Maggiore[2] fecero arrivare in tempo l'Avenger sui campi di battaglia negli ultimi giorni della seconda guerra mondiale. L'ordinazione per 230 esemplari venne soddisfatta solo ad agosto del 1945, così che il modello equipaggiò per breve tempo due gruppi d'artiglieria semovente fino al dopoguerra.

Specifiche Tecniche[modifica | modifica wikitesto]

L'Avenger differiva dal Challenger per l'adozione di sospensioni migliorate e per l'altezza della sovrastruttura, ridotta per abbassare l'ingombro massimo del veicolo. La torretta era scoperta, e il carro prevedeva una copertura in acciaio dolce (completa di portelli) per la protezione dell'equipaggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Leyland stava contemporaneamente lavorando al progetto A34 Comet
  2. ^ Nel frattempo si rese disponibile il cacciacarri M10 Wolverine, che venne adottato con la denominazione Achilles

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Chamberlain e C. Ellis. Atlante mondiale dei mezzi corazzati, Parma, 1970, p.46

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]