Carro armato leggero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un FT-17, forse uno dei più famosi carri leggeri, e uno tra i più importanti carri armati della storia

Un Carro armato leggero è un tipo di carro armato usato principalmente in conflitti a bassa intensità. Carri leggeri sono generalmente usati nei ruoli di supporto di fuoco e ricognizione, piuttosto che in combattimento vero e proprio. Molti eserciti non dispiegano più carri leggeri, altrimenti li usano solamente in ruoli quali carri aviolanciati o combattimento anfibio. Nei conflitti moderni, i carri leggeri combattono insieme ai carri da combattimento (MBT).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Uno dei primi esempi fu il Renault FT-17 francese della prima guerra mondiale, spesso identificato come il primo carro moderno della storia, in quanto aveva una torretta girabile e il motore messo posteriormente, al contrario degli altri modelli che erano formati da una "scatola" unica (come l'A7V)

Interguerra[modifica | modifica sorgente]

Uno Stuart M5A1 al Worthington Tank Museum (Ontario, Canada)

Durante il periodo interguerra uno dei pochi carri leggeri degni di nota fu il Vickers 6-Ton, poco usato in guerra, ma allo scoppiare della II G.M. era il carro più comune dopo l'FT-17, in quanto fu prodotto da molti paesi sotto licenza, come in Polonia, o usato come base per altri carri, come in Italia o URSS.

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Nella seconda guerra mondiale furono più ampiamente usati, come i Panzer I e Panzer II tedeschi, usati nella prima parte del conflitto, mentre la maggior parte dei carri italiani e giapponesi erano leggeri, in quanto la produzione di grossi carri di buona fattura era abbastanza difficile o non voluto per vari motivi[1]. Fra gli alleati gli Stati Uniti produssero la M2 Light Tank dall'alta silhouette e l'ottima M3/M5 Stuart (soprannominata "Honey",cioè "Tesoro" o "Dolcezza"), usata da molti paesi alleati su tutti i fronti.

Guerra fredda[modifica | modifica sorgente]

Il Gladiator TUGV, un carro leggero drone

Durante la guerra fredda la costruzione di carri leggeri continuò, ma soprattutto per compiti di ricognizione, o con capacità anfibie, come il PT-76 russo[2], con possibilità di aviolancio con paracadute o LAPES come l'M551 Sheridan americano[3]. Anche la Gran Bretagna passò dall'uso delle autoblindo per la ricognizione ai carri leggeri, con l'adozione dell'FV101 Scorpion.

Oggi[modifica | modifica sorgente]

Come per i veicoli della guerra fredda, oggi sono usati principalmente in ruolo esplorativo, o da nazioni senza le adeguate risorse finanziarie e tecniche per costruire MBT, anche se stanno venendo sostituite dai veicoli leggeri ruotati. Sono usati ancora prevalentemente in zone equatoriali e nel sud-est asiatico, dove possono manovrare più facilmente nella foresta pluviale, e dove corrono un minor rischio di impantanarsi. Una tendenza moderna è di creare veicoli senza equipaggio (cioè droni terrestri), per coprire i ruoli del carro leggero, come nel Gladiator TUGV.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Tra le tre caratteristiche base dei veicoli corazzati, cioè mobilità, potenza di fuoco e protezione, i carri leggeri puntano soprattutto alla prima, poco alla protezione e, dipendendo dal veicolo, mediamente alla potenza di fuoco[4].

Alcune corazze sono avanzate, ma comunque troppo deboli da resistere un colpo anticarro a piena potenza, e in più, la superficie inferiore piatta utile alle capacità anfibie, è meno resistente alle mine di un pavimento a "V"[5].

In quanto alla potenza di fuoco, la piccola struttura non può portare un grosso cannone, quindi o questo è accorciato (come il cannone da 152 mm dell'M551 Sheridan), o il calibro deve venire ridotto (come il cannone da 76 mm del PT-76). Nel primo caso la portata è ridotta, nel secondo la potenza è insufficiente contro corazzature migliori. Forse l'armamento migliore è un razzo anticarro, che racchiude potenza e portabilità, che infatti è spesso usato su questi veicoli.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tanks ad armoured fighting vehicles, visual encyclopedia, Amber edizioni, di Robert Jackson, ISBN 978-1-906626-70-9
  2. ^ http://www.enemyforces.net/tanks/pt76.htm PT-76 a enemyforces.net
  3. ^ http://www.inetres.com/gp/military/cv/tank/M551.html M551 a inetres.com
  4. ^ Tanks, a cura di Christopher Foss, Crestline edizioni, ISBN 0-7603-1500-0
  5. ^ http://www.dodbuzz.com/2010/03/26/jsf-not-too-hot-for-carriers/ Dichiarazione del Gen. in comando dei Marines James Conway