Daimler Armoured Car

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daimler Mk I
Daimler Armoured Car Mark 2.jpg
La Daimler Armoured Car Mk. 2
Descrizione
Tipoautoblindo
Equipaggio3
Dimensioni e peso
Lunghezza3,96 m
Larghezza2,44 m
Altezza2,235 m
Peso7,5 t
Propulsione e tecnica
MotoreDaimler 27 4,1 L 6 cilindri a benzina
Potenza95 hp
Rapporto peso/potenza12.5
Trazione4x4
Prestazioni
Velocitàsu strada 80,5
Autonomia330
Armamento e corazzatura
Armamento primario2 pounder QF (40 mm)
Armamento secondario1 mitragliatrice Besa da 7,92 mm coassiale
Corazzaturamin 14,5 max 30mm
Missing Lynx.com
voci di autoblindo presenti su Wikipedia

La Daimler Armoured Car era un veicolo corazzato britannico prodotto durante la seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Daimler Armoured Car era uno sviluppo, quasi in una scala più grande e completato in circa sei mesi, della precedente Daimler Scout Car, conosciuta anche come Dingo. Sulla Armoured Car venne montata la torretta del carro leggero Tetrarch armato fin dall'inizio da un cannone di 40mm, un armamento potente, al passo di quello dei carri.

Il progetto di questo veicolo incorporava inoltre i più avanzati concetti dell'epoca e la Armoured Car può essere considerata una delle migliori autoblindo britanniche del conflitto. La Armoured Car era dotata di un sistema di trasmissione che permetteva di ottenere un rapporto molto ridotto nelle marce basse. Il motore era un sei cilindri di 4.095 cc con singolo albero a camme in testa che erogava circa 100 hp (74 kW) a 3.600 giri al minuto. La corsa era di 89,5 mm mentre l'alesaggio di 120. L'albero motore ruotava su quattro cuscinetti ed era dotato di un contrappeso che smorzava le vibrazioni.

Il veicolo era caratterizzato da un doppio posto di guida: anteriore per il pilota e posteriore, da usare in situazioni di emergenza, per il comandante. La Daimler Armoured Car disponeva anche di una trasmissione che, grazie ad un volano idraulico, permetteva di avere cinque marce in entrambe le direzioni. L'escursione delle sospensioni era notevole: 40 cm dei quali 15 in estensione e 25 in compressione. Inizialmente il mezzo doveva essere dotato di un terzo differenziale, per ripartire la coppia motrice sui due assi, e di un sistema che permetteva di sterzare le quattro ruote, ma in seguito questi sistemi non furono più ritenuti necessari e vennero eliminati dal progetto.

Il prototipo venne realizzato nel 1939 ma problemi alla trasmissione dovuti al peso del mezzo ritardarono fino alla metà del 1941 l'entrata in servizio. In totale ne saranno realizzate 2.694. La sua solida costruzione e la sua affidabilità la resero un veicolo ideale per i compiti di scorta e di ricognizione.[1]

Impiego[modifica | modifica wikitesto]

Il primo impiego della autoblindo avvenne durante la campagna del Nord Africa con l'11° Ussari (reggimento di cavalleria) della 7ª Divisione corazzata britannica. Venne poi impiegata in Europa e, in piccoli numeri, nel sud-est asiatico. Per incrementare la potenza di fuoco, su alcuni esemplari impiegati in Europa fu montato il sistema Littlejohn.

Il veicolo rimase in linea ben oltre la durata della guerra venendo utilizzato nelle unità territoriali del British Army fino agli anni sessanta, superando in durata di impiego la Coventry Armoured Car che avrebbe dovuto sostituirla.[2]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mk. I
  • Mk. I CS:Versione specializzata nel supporto ravvicinato ed armata con un cannone da 76 mm
  • Mk. II: Versione migliorata nella torretta, nella sistemazione del pezzo; radiatori modificati e portello di uscita per il conducente[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Autoblindo Daimler, su corazzati.it. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  2. ^ Daimler Armoured Car Mk II, su dday-overlord.com. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  3. ^ Great Britain's Daimler Armored Cars, su wwiivehicles.com. URL consultato il 10 ottobre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Clarke, R.M., (a cura di), (s.i.d.), Allied Military Vehicles - Collection No 1, Brooklands Books, Cobham

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra