Ermanno il Lungo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ermanno il Lungo
Pikk Hermann
Castello di Toompea
Pikk Hermann.jpg
Ermanno il Lungo, la torre più alta del Castello di Toompea
Ubicazione
Stato Estonia
Stato attuale Estonia Estonia
Contea Harjumaa
Città Tallinn
Coordinate 59°26′06.7″N 24°44′13″E / 59.435194°N 24.736944°E59.435194; 24.736944Coordinate: 59°26′06.7″N 24°44′13″E / 59.435194°N 24.736944°E59.435194; 24.736944
Mappa di localizzazione: Estonia
Ermanno il Lungo
Informazioni generali
Altezza 46,5 metri
Costruzione XIV secolo-XVI secolo
Primo proprietario Valdemaro II di Danimarca
Condizione attuale Restaurato
Proprietario attuale Parlamento estone
Visitabile Si
Sito web Tour guidato in estone, inglese e russo
Informazioni militari
Utilizzatore Danimarca
Comandanti storici Valdemaro II di Danimarca
Occupanti Danimarca, Armata Rossa
Azioni di guerra Battaglia di Lyndanisse
Note Simbolo nazionale
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Ermanno il Lungo (in estone Pikk Hermann) è il nomignolo con il quale è soprannominata la più alta torre del Castello di Toompea a Tallinn, capitale dell'Estonia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima parte della torre venne costruita nel 1360-70. Nel XVI secolo una ricostruzione la rese ancora più alta (46,5 m).

Castello di Toompea, sulla destra è visibile la torre di Ermanno il Lungo.

Ermanno il Lungo si trova di fianco all'edificio del Parlamento estone e la bandiera sulla sua cima è uno dei simboli del governo in carica. La bandiera estone viene issata all'alba e ammainata al tramonto.

Viene considerato anche un simbolo dell'indipendenza estone. Infatti fu qui che Otto Tief, primo ministro dell'Estonia, riuscì ad issarvi per qualche giorno il tricolore estone nel settembre 1944, prima che il paese ugro-finnico venne nuovamente invaso e rioccupato dall'Armata Rossa sovietica, che strappò la bandiera estone per sostituirla forzosamente con quella rossa sovietica, fino al 1990

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]