Porto di Tallinn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porto di Tallinn
Tallinna Sadam
Morning in Tallinn Harbor.jpg
Alba nel Porto di Tallinn, Estonia
StatoEstonia Estonia
ConteaHarjumaa
ComuneTallinn
MareGolfo di Finlandia e Mar Baltico
Infrastrutture collegate5
Tipocontainer, officine navali, traghetti, crociere, passeggeri
GestoriProprietà dello Stato estone
Passeggeri1.576.800[1] (2011)

Il porto di Tallinn (in estone: Tallinna Sadam) costituisce la maggiore autorità portuaria e marittima dell'Estonia. Si tratta di un porto che gestisce la propria attività sia nel campo del traffico dei passeggeri, sia in quello mercantile (dei cargo).[1]

Attività portuali[modifica | modifica wikitesto]

È una delle maggiori attività portuarie del mar Baltico, dal 1991 tornata all'antico vivace traffico marittimo con il restauro dell'indipendenza estone, dopo che negli anni di occupazione sovietica fu utilizzato prevalentemente dalle forze militari sovietiche, le quali negarono alla popolazione estone, con divieti ed interdizioni sia l'utilizzo, finanche il solo avvicinamento ad ogni struttura costiera, per timore di esodi verso l'occidente.[1]

Gestione del porto[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente la gestione del porto di Tallinn è affidata ad una compagnia statale estone che dirige cinque porti estoni (due dei quali sono a Tallinn):

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]