Erika Stefani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Erika Stefani
Erika Stefani.jpg

Ministro per le disabilità
In carica
Inizio mandato 13 febbraio 2021
Capo del governo Mario Draghi
Predecessore carica istituita

Ministro per gli affari regionali e le autonomie
Durata mandato 1º giugno 2018 –
5 settembre 2019
Capo del governo Giuseppe Conte
Predecessore Gianclaudio Bressa (Sottosegretario)
Successore Francesco Boccia

Senatrice della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Circoscrizione Veneto
Collegio XVIII: Vicenza
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega per Salvini Premier
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Padova
Professione Avvocato; Politica

Erika Stefani (Valdagno, 18 luglio 1971) è una politica e avvocata italiana, dal 13 febbraio 2021 ministro per le disabilità nel governo Draghi.

Senatrice dal 2013, ha ricoperto dal 1º giugno 2018 al 5 settembre 2019 la carica di ministro per gli affari regionali e le autonomie nel governo Conte I.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entra in politica nel 1999, ricoprendo la carica consigliera del comune di Trissino[1] per la lista civica Insieme per Trissino[2].

Aderisce successivamente alla Lega Nord, venendo rieletta nel consiglio dello stesso comune alle elezioni amministrative del 2009 con la lista Progetto Trissino - Lega Nord. Durante il mandato, ricopre le cariche di vicesindaco e assessore all'urbanistica e all'edilizia privata.

In occasione delle elezioni politiche del 2013, viene eletta al Senato della Repubblica nella circoscrizione Veneto, nelle liste della Lega Nord, entrando a far parte della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari.

Confermata al Senato in occasione delle elezioni politiche del 2018 nel collegio uninominale di Vicenza, il 1º giugno 2018 giura nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella come ministra degli affari regionali e delle autonomie, entrando nella compagine del Governo Conte I sostenuto dalla coalizione instauratasi tra Lega e Movimento 5 Stelle, fino al 5 settembre 2019.

Il 13 febbraio 2021 giura nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella come Ministro per le disabilità nel Governo Draghi.

È attualmente vicesindaco del Comune di Trissino[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ COMUNE DI TRISSINO - VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE – N. 9 (PDF), su ilsestantenews.it, COMUNE DI TRISSINO, 11 marzo 2010. URL consultato il 15 febbraio 2019 (archiviato il 15 febbraio 2019).
  2. ^ Matteo Riberto, Passi avanti sull’autonomia: Zaia incontra la Ministra Erika Stefani, su ilsestantenews.it, Il Sestante News, 15 giugno, 2018. URL consultato il 15 febbraio 2019 (archiviato il 15 febbraio 2019).
  3. ^ http://www.comune.trissino.vi.it/web/Trissino/area-istituzionale/giunta?selVert=menu-contestuale_e44c8558-648d-40c7-aa59-acb07bd38096

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro per gli affari regionali e le autonomie Successore Emblem of Italy.svg
Gianclaudio Bressa (Sottosegretario) dal 1º giugno 2018 al 5 settembre 2019 Francesco Boccia
Predecessore Ministro per le disabilità Successore Emblem of Italy.svg
carica istituita dal 13 febbraio 2021 in carica