Epifanio I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Epifanij)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nome di persona, vedi Epifanio (nome).
Epifanio I
arcivescovo della Chiesa ortodossa
Epiphanius Dumenko on 5 January 2019 in Istanbul.jpg
Epifanio
Coat of arms of Epiphanius.png
 
Incarichi attualiMetropolita di Kiev e di tutta l'Ucraina
 
Nato3 febbraio 1979
Nominato vescovo21 ottobre 2009
Consacrato vescovo15 novembre 2009
Elevato arcivescovo23 gennaio 2012
Elevato patriarca15 dicembre 2018
 

Epifanio I[1] o Epifanij (in ucraino: Епіфаній?, nato Serhij Petrovyč Dumenko, in ucraino: Сергій Петрович Думенко?; Vovkove, 3 febbraio 1979) è un arcivescovo ortodosso ucraino.

Il 15 dicembre 2018 è stato eletto primate della nuova Chiesa ortodossa dell'Ucraina, assumendo quindi il titolo di metropolita di Kiev e di tutta l'Ucraina.[2][3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Serhij Petrovyč Dumenko è nato il 3 febbraio 1979 a Vovkove, nel Berezivka Raion, in Ucraina. La sua infanzia e gli anni scolastici sono stati vissuti nel villaggio di Stara Zhadova nel distretto di Storožynec' dell'oblast' di Černivci. Nel 1996 si è diplomato alle scuole superiori.

Nel 1996 è entrato nel seminario teologico di Kiev, dove si è laureato nel 1999 con una laurea di primo livello. Nello stesso anno è entrato all'Accademia teologica di Kiev. Ha conseguito un dottorato in Teologia nel 2003 dopo aver discusso con successo la sua tesi di dottorato sulla "Formazione delle raccolte ecclesiastiche-canoniche in epoca doniciana e loro caratteristiche".

Tra il 2006 e il 2007 ha svolto uno stage presso l'Università Nazionale di Atene in Grecia nella Facoltà di Filosofia.

Il 30 agosto 2012, con una tesi di dottorato sul tema della "Dottrina della Chiesa Ortodossa sulla salvezza nel contesto della continuità della Santa Patria", gli è stato conferito il titolo di Dottore in Teologia.[4][5]

Carriera ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º luglio 2003 al 31 dicembre 2005 è stato segretario-referente dell'amministrazione diocesana di Rivne e segretario personale del metropolita di Rivne e Ostroh. Dal 26 agosto 2003 al 31 dicembre 2005 è stato insegnante del Seminario di Rivne e ha ricoperto anche l'incarico di assistente ispettore senior.

Tra il 2003 e il 2005 ha guidato il portale Rivne Pravoslavne ed è stato anche membro del comitato editoriale del quotidiano religioso Dukhovna Nyva. Nel dicembre 2005 è stato ammesso nel sindacato nazionale dei giornalisti dell'Ucraina.

Con una decisione del Santo Sinodo del Patriarcato del 27 luglio 2010, è stato nominato rettore dell'Accademia teologica ortodossa di Kiev e governatore della diocesi di Pereiaslav-Khmelnytsky. Il 17 novembre 2011 gli è stato conferito il titolo di professore dell'Accademia teologica ortodossa di Kiev.

Il 21 dicembre 2007, con la benedizione del patriarca Filaret, l'arcivescovo Dimitriy di Pereiaslav-Khmelnytsky ha consacrato Epifanio come monaco nel monastero dorato di san Michele. Prese il nome monastico di Epifanio in onore di Epifanio di Cipro. Il 20 gennaio 2008 è stato ordinato ieromonaco da Filarete. Nello stesso mese (25 gennaio) è stato nominato segretario del Patriarca di Kiev e di tutta la Rus'-Ucraina Filarete.[5][6]

Nel marzo 2008 è stato ordinato archimandrita nella cattedrale di San Vladimiro. Nello stesso mese (20 marzo) fu nominato governatore del monastero di Vydubychi a Kiev.[4][5] Il 30 maggio 2008 è stato nominato responsabile degli affari del Patriarcato di Kiev. Il 7 ottobre 2008 gli è stato conferito il titolo di Professore Associato dell'Accademia Teologica Ortodossa di Kiev.

Il 21 ottobre 2009, nel Santo Sinodo del Patriarcato di Kiev è stato eletto vescovo di Vishorod, vicario della diocesi di Kiev. Il 15 novembre 2009 è stato ordinato vescovo.

Il 23 gennaio 2012 è stato promosso al rango di arcivescovo.[5] Con decisione del Consiglio episcopale del Patriarcato di Kiev del 28 giugno 2013, è stato elevato al rango di metropolita di Pereiaslav-Khmelnytskyi e Bila Tserkva ed è stato nominato governatore patriarcale con i diritti del vescovo diocesano.[5][7] Il 13 dicembre 2017 è stato nominato metropolita di Perejaslav e Bila Cerkva.[8]

Nell'aprile 2019 si è pronunciato a sostegno della legge sulla lingua ucraina.[9]

Il 21 agosto 2020, in piazza San Michele a Kiev, il metropolita Epifanio ha consacrato il rinnovato Muro della Memoria degli Eroi.[10] Il 20 agosto ha anche consacrato la chiesa in onore di San Nettario di Egina nel villaggio di Khutir Yasny nella regione di Kiev.[11] Il 29 agosto, nel giorno della memoria dei difensori dell'Ucraina, ha onorato i militari ucraini caduti.[12]

Primate della Chiesa ortodossa ucraina[modifica | modifica wikitesto]

Epifanio, l'allora presidente Petro Oleksijovyč Porošenko e Andrij Parubij il 15 dicembre 2018

Il 15 dicembre 2018, in occasione del concilio di riunificazione tenutosi nella cattedrale di Santa Sofia, è stato eletto metropolita di Kiev e di tutta l'Ucraina,[13] primo primate della Chiesa ortodossa autocefala dell'Ucraina.[4][14][15][16][17][18][19]

Il titolo ufficiale del primate della Chiesa ortodossa ucraina è Sua Beatitudine (nome), metropolita di Kiev e di tutta l'Ucraina.[20][21][22]

Commemorazione del Patriarca di Mosca[modifica | modifica wikitesto]

Domenica 16 dicembre 2018, durante la prima Divina Liturgia del metropolita Epifanio come metropolita della Chiesa ortodossa ucraina dopo la sua elezione, ha chiesto preghiere per la pace e l'unità in Ucraina.[23] Nella stessa liturgia, il metropolita Epifanio ha omesso anche il patriarca di Mosca Kirill dall'elenco dei primati con cui è in comunione che di solito vengono commemorati al Grande Ingresso.[24][25] Il metropolita Epifanio ha poi spiegato in un'intervista al canale televisivo ucraino Direct: "Al momento non lo commemoro [il Patriarca di Mosca] perché siamo in stato di guerra, quindi il popolo ucraino non accetterebbe se il neo-eletto primate commemorasse il nome del patriarca russo".[26][27][28]

Durante la Divina Liturgia del 7 gennaio 2019, dopo che la Chiesa ucraina ha ricevuto l'autocefalia ufficiale il 5 gennaio 2019, il metropolita Epifanio ha commemorato il nome del patriarca Kirill durante il Grande Ingresso.[29][30] Epifanio in seguito ha dichiarato di averlo fatto dopo che il Patriarca ecumenico gli aveva ordinato di farlo, e che Filarete gli aveva detto di non menzionare Kirill.[31]

Ricezione del tomos dell'autocefalia[modifica | modifica wikitesto]

Il patriarca ecumenico Bartolomeo (a sinistra) consegna il tomos dell'autocefalia al metropolita Epifanio (a destra)

Il 5 gennaio 2019 il patriarca Bartolomeo e il metropolita Epifanio hanno tenuto una liturgia nella cattedrale di San Giorgio a Istanbul; il tomos dell'autocefalia della Chiesa ortodossa dell'Ucraina è stato firmato in seguito, sempre nella cattedrale di San Giorgio. Il tomos "è entrato in vigore dal momento della sua firma".[32][33] La firma del tomos ha ufficialmente stabilito la Chiesa ortodossa autocefala ucraina.[34]

Dopo la firma del tomos, il metropolita Epifanio ha tenuto un discorso, in cui ha dichiarato di Porosenko: "Il suo nome, signor Presidente, rimarrà per sempre nella storia del popolo ucraino accanto ai nomi dei governanti, del nostro principe Vladimir il Grande, Jaroslav il Saggio, Kostyantyn Ostrozky e Hetman Ivan Mazeppa”.[35]

Il 6 gennaio, dopo una liturgia celebrata dal metropolita Epifanio e dal patriarca Bartolomeo, il patriarca Bartolomeo ha letto il tomos della Chiesa ortodossa ucraina e poi lo ha consegnato al metropolita Epifanio.[33][36]

L'8 gennaio 2019 il tomos è stato riportato a Istanbul affinché tutti i membri del Santo Sinodo del Patriarcato ecumenico potessero sottoscriverlo.[37] Il tomos è stato firmato da tutti i membri del sinodo del Patriarcato ecumenico il 9 gennaio 2018.[38][39][40][41] Il tomos, firmato da tutti i membri del sinodo del Patriarcato ecumenico, è stato riportato in Ucraina la mattina del 10 gennaio 2019.[42][43][44][45]

Intronizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Era previsto che Epifanio sarebbe stato intronizzato il 3 febbraio 2019, che era anche la data del suo 40º compleanno.[46][47][48] Successivamente si sarebbe svolto il primo sinodo della Chiesa dell'Ucraina.[49][50] I monasteri del Monte Athos hanno rifiutato di inviare una delegazione per la cerimonia di intronizzazione «non perché i Padri non ne riconoscano la legittimità o la canonicità, ma perché hanno scelto di attenersi a quella che è divenuta prassi ufficiale e di accettare inviti solo all'intronizzazione del loro capo ecclesiastico, il Patriarca ecumenico».[51] Due abati del Monte Athos dovevano partecipare all'intronizzazione come parte della delegazione del Patriarcato ecumenico.[52] Il 1º febbraio, una volta a Kiev, l'archimandrita Efrem, uno dei due abati athoniti, è stato ricoverato in ospedale per un infarto.[53] Il 2 febbraio, l'archimandrita Efrem ricevette la visita di Epifanio.[54][55]

Come programmato, Epifanio è stato intronizzato il 3 febbraio 2019, nella cattedrale di Santa Sofia, a Kiev.[56] Filarete non era presente per problemi di salute, quindi inviò le sue congratulazioni scritte al primate Epifanio, lette al termine della liturgia.[57][58] L'archimandrita Efrem, ricoverato in ospedale il 1 febbraio 2019,[53] non era presente alla cerimonia di intronizzazione,[59][60] ma vi era presente uno ieromonaco del monastero di Efrem. Durante la cerimonia di intronizzazione era presente anche un monaco di uno skita del monastero di Koutloumousiou.[61]

La prima riunione del santo sinodo della Chiesa ortodossa dell'Ucraina si è svolta il 5 febbraio 2019.[62][63]

Conflitto con Filarete[modifica | modifica wikitesto]

Tra Filarete ed Epifanio è insorto un conflitto a causa di disaccordi sul modello di governo, sulla gestione della diaspora, sul nome e sullo statuto della Chiesa ucraina.

Secondo Filarete, l'accordo raggiunto al concilio di riunificazione sarebbe stato il seguente: "il primate è responsabile della rappresentanza esterna della Chiesa ortodossa ucraina, e il patriarca è responsabile della vita ecclesiale interna in Ucraina, ma in collaborazione con il primate. Il primate non farà nulla nella Chiesa senza il consenso del patriarca. Il Patriarca presiede le riunioni del Santo Sinodo e le riunioni della Chiesa per preservare l'unità, la sua crescita e l'affermazione". Filarete ritiene che questo accordo non sia stato rispettato.[64][65]

Guerra russo-ucraina[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'invasione russa e l'escalation della guerra russo-ucraina del febbraio 2022, l'arcivescovo Daniel della Chiesa ortodossa ucraina degli Stati Uniti ha riferito che Epifanio aveva pianificato di rimanere in Ucraina durante i combattimenti.[66]

Il metropolita ha ripetutamente condannato le azioni della Russia, chiedendo aiuto alla comunità internazionale[67] e invocando un secondo processo di Norimberga per i crimini perpetrati contro l'Ucraina.[68] Insieme ad altri vescovi locali, ha offerto le chiese come riparo dai bombardamenti.[69] Pur tacciandolo di connivenza con il governo russo, si è pubblicamente appellato al patriarca di Mosca Cirillo per organizzare il rimpatrio delle salme dei soldati russi caduti in territorio ucraino.[70][71] Egli stesso ha sostenuto di essere un obiettivo delle forze russe.[72]

Attività accademiche e sociali[modifica | modifica wikitesto]

Epifanio con il Segretario di Stato americano Mike Pompeo nel 2019

Epifanio è il capo del comitato editoriale delle edizioni scientifiche specializzate Atti dell'Accademia teologica di Kiev e Bollettino teologico dell'Accademia teologica ortodossa di Kiev.

È anche autore di oltre 50 pubblicazioni, tra cui diverse monografie sulla teologia ortodossa.

Epifanio è un attivo leader religioso e attivista sociale. Partecipa a molte attività scientifiche ed educative e ha dato un contributo personale significativo allo sviluppo dell'istruzione e delle scienze religiose ucraine e allo sviluppo e al rafforzamento dello stato ucraino. Ha ricevuto riconoscimenti per questi contributi sia dallo Stato che dalla Chiesa sotto forma di ordini.[73]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ordini[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricevuto l'Ordine del Santo Apostolo ed Evangelista Giovanni il Teologo, l'Ordine del Santo Isoapostolo Principe Vladimir il Grande di Terzo Grado, l'Ordine del Santo Arcangelo Michele e l'Ordine della Santa Croce della Chiesa ortodossa montenegrina.

Ha anche ricevuto premi e onori con l'Ordine al merito di ІІ e III grado,[74][75] una lettera del Gabinetto dei ministri dell'Ucraina, grazie al Primo Ministro dell'Ucraina, una lettera della Verkhovna Rada dell'Ucraina, decorazioni del Ministero della Difesa dell'Ucraina, del Ministero degli Affari Interni dell'Ucraina, del Comando dell'Esercito dell'Ucraina, con lodi dell'Università Pedagogica Nazionale Dragomanov e dell'Ambasciata popolare ucraina.[5]

Ha ricevuto il Premio Atenagora per i diritti umani 2019.[76][77]

Accademici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ucraina: metropolita Epifanio (Chiesa ortodossa autocefala), conversazione in video conferenza con il card. Krajewski. “Siamo grati a Papa Francesco”, su SIR agenzia d'informazione, 9 marzo 2022. URL consultato il 4 giugno 2022.
  2. ^ Due congregazioni ortodosse ucraine si sono unite per formare la Chiesa ortodossa ucraina, staccandosi da quella russa, il Post, 17 dicembre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  3. ^ Ucraina, nasce la nuova Chiesa ortodossa indipendente da Mosca, Rai News24, 15 dicembre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  4. ^ a b c (EN) Metropolitan Epifaniy (Dumenko) becomes Primate of One Local Orthodox Church of Ukraine - RISU, su Religious Information Service of Ukraine. URL consultato il 18 maggio 2022.
  5. ^ a b c d e f (UK) Ректор — Київська православна богословська академія, su kpba.edu.ua. URL consultato il 4 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  6. ^ (UK) прот Олександр Трофимлюк, Митрополит Переяславський і Білоцерківський Епіфаній, su Київська православна богословська академія, 29 marzo 2015. URL consultato il 18 maggio 2022.
  7. ^ (UK) Засідання Архієрейського Собору (28 червня 2013 р.), su archive.cerkva.info. URL consultato il 4 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2019).
  8. ^ (UK) Журнали засідання Священного Синоду 13 грудня 2017 р., su cerkva.info. URL consultato il 16 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2019).
  9. ^ (UK) Митрополит Епіфаній закликав Раду підтримати закон про українську мову, su ТСН.ua, 24 aprile 2019. URL consultato il 24 aprile 2019.
  10. ^ (UK) Митрополит Епіфаній освятив оновлену Стіну пам'яті Героїв України, su Духовний Фронт України, 21 agosto 2020. URL consultato il 18 maggio 2022.
  11. ^ (UK) Митрополит Епіфаній звершив освячення храму на Київщині, su Духовний Фронт України, 20 agosto 2020. URL consultato il 18 maggio 2022.
  12. ^ (UK) Предстоятель ПЦУ помолився за спокій душ загиблих українських героїв у російсько-українській війні, su Духовний Фронт України, 29 agosto 2020. URL consultato il 18 maggio 2022.
  13. ^ (EN) Ukrainian church leaders approve split from Russians, su The Washington Post, 15 dicembre 2018. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  14. ^ (UK) Томос для України - Об'єднавчий собор в Києві: названо ім'я голови помісної церкви в Україні, su Народна Правда, 15 dicembre 2018. URL consultato il 18 maggio 2022.
  15. ^ (UK) Предстоятелем Української православної церкви обрали митрополита Епіфанія, su zik.ua, 15 dicembre 2018. URL consultato il 22 dicembre 2018 (archiviato il 24 ottobre 2020).
  16. ^ (EN) Unification Council elects head of Ukrainian Orthodox Church - KyivPost - Ukraine's Global Voice, su KyivPost, 15 dicembre 2018. URL consultato il 18 maggio 2022.
  17. ^ (EN) Yuras Karmanau and Efrem Lukatsky, Ukraine Orthodox leaders approve break with Russian church, su CTVNews, 15 dicembre 2018. URL consultato il 18 maggio 2022.
  18. ^ (EN) Metropolitan Epifaniy elected primate of Ukrainian Orthodox Church, su ukrinform.net. URL consultato il 18 maggio 2022.
  19. ^ (EN) Neil MacFarquhar, Amid Russia Tensions, Ukraine Moves Toward Separate Church, in The New York Times, 15 dicembre 2018, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 17 dicembre 2018.
  20. ^ (EN) Kyiv Patriarchate announces official name of new Ukrainian Orthodox Church, su unian.info. URL consultato il 18 maggio 2022.
  21. ^ (EN) Official name of new Orthodox Church and title of its Primate, both according to Charter, announced - RISU, su Religious Information Service of Ukraine. URL consultato il 18 maggio 2022.
  22. ^ (UK) Щодо поминання за богослужінням Предстоятеля помісної Православної Церкви України, su cerkva.info, 15 dicembre 2018. URL consultato il 28 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2019).
  23. ^ (EN) New Ukrainian Orthodox Leader Gives First Liturgy, Urging Unity, su RadioFreeEurope/RadioLiberty. URL consultato il 18 maggio 2022.
  24. ^ (EN) Ukrainian primate avoids commemorating Moscow patriarch in first Liturgy - RISU, su Religious Information Service of Ukraine. URL consultato il 18 maggio 2022.
  25. ^ (EN) Displeasure in Constantinople as new Ukrainian primate skips commemoration of Pat. Kirill at Liturgy (+ VIDEO), su OrthoChristian.Com. URL consultato il 18 maggio 2022.
  26. ^ (UK) Ексклюзивне інтерв’ю митрополита Епіфанія на телеканалі “Прямий”, su Прямий Онлайн, 29 dicembre 2018. URL consultato il 30 dicembre 2018.
  27. ^ Filmato audio (UK) Телеканал Прямий, Ексклюзивне інтерв‘ю з митрополитом Київським і всієї України Епіфанієм, su YouTube, 29 dicembre 2018. URL consultato il 18 maggio 2022.
  28. ^ (UK) Про процедуру надання Томосу, Софію Київську та переходи до Православної церкви України – Епіфаній у ексклюзивному інтерв’ю “Прямому”, su Прямий Онлайн, 30 dicembre 2018. URL consultato il 1º gennaio 2019.
  29. ^ (EN) Christmas with Tomos: Epifaniy presides over Liturgy at St Sophia in Kyiv - RISU, su Religious Information Service of Ukraine. URL consultato il 18 maggio 2022.
  30. ^ (UK) Митрополит Епіфаній у Софії Київській серед імен Предстоятелів Церков згадав і Патріарха Кирила - РІСУ, su Релігійно-інформаційна служба України. URL consultato il 18 maggio 2022.
  31. ^ (UK) Віталій Червоненко e Святослав Хоменко, Філарет проти Епіфанія: чи є розкол в ПЦУ і що буде з томосом, 11 maggio 2019. URL consultato il 14 maggio 2019.
  32. ^ (EN) Patriarch Bartholomew signs Tomos of autocephaly of Orthodox Church of Ukraine - RISU, su Religious Information Service of Ukraine. URL consultato il 18 maggio 2022.
  33. ^ a b (EN) Ukraine receives Tomos officially and forever - RISU, su Religious Information Service of Ukraine. URL consultato il 18 maggio 2022.
  34. ^ (FR) L'Église d'Ukraine officiellement créée par le patriarche Bartholomée, in La Croix, 5 gennaio 2019. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  35. ^ (UK) Предстоятель Епіфаній: Наша Церква ніколи не забуде те добро, яке зробила Вселенська Патріархія - РІСУ, su Релігійно-інформаційна служба України. URL consultato il 18 maggio 2022.
  36. ^ (EN) Ecumenical Patriarch hands tomos of autocephaly over to leader of Orthodox Church of Ukraine (Video, photos), su unian.info. URL consultato il 18 maggio 2022.
  37. ^ (UK) Що з підписами під томосом і чому його повертають до Стамбула, in BBC News Україна, 8 gennaio 2019. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  38. ^ (EN) Ukrainian Tomos signed by all members of Holy Synod of Ecumenical Patriarchate - RISU, su Religious Information Service of Ukraine. URL consultato il 18 maggio 2022.
  39. ^ (EN) Tomos for Ukraine Church signed by all members of Constantinople Synod, su unian.info. URL consultato il 18 maggio 2022.
  40. ^ (EN) Archbishop: Members of Ecumenical Patriarchate's Synod sign public copy of tomos for Ukraine - KyivPost - Ukraine's Global Voice, su KyivPost, 9 gennaio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  41. ^ (EL) Panagiotisandriopoulos, ΦΩΣ ΦΑΝΑΡΙΟΥ: Η ΥΠΟΓΡΑΦΗ ΤΟΥ ΤΟΜΟΥ ΤΗΣ ΑΥΤΟΚΕΦΑΛΙΑΣ ΤΗΣ ΟΥΚΡΑΝΙΑΣ ΑΠΟ ΤΑ ΜΕΛΗ ΤΗΣ ΑΓΙΑΣ ΚΑΙ ΙΕΡΑΣ ΣΥΝΟΔΟΥ, su ΦΩΣ ΦΑΝΑΡΙΟΥ, 9 gennaio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  42. ^ (EN) Tomos returns to Ukraine, brought to Rivne — Poroshenko, su Interfax-Ukraine. URL consultato il 18 maggio 2022.
  43. ^ (EN) Tomos returns from Istanbul to Ukraine, su Interfax-Religion, 10 gennaio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  44. ^ (UK) Томос повернувся в Україну, su Інформаційне агентство Українські Національні Новини (УНН). Всі онлайн новини дня в Україні за сьогодні - найсвіжіші, останні, головні.. URL consultato il 18 maggio 2022.
  45. ^ (RU) Подписанный представителями Вселенского патриархата томос вернули в Украину, su Украинская правда. URL consultato il 18 maggio 2022.
  46. ^ (EN) Enthronement of Yepifaniy to be held on Feb 3, su Interfax-Religion, 18 gennaio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  47. ^ (UK) Інтронізація предстоятеля ПЦУ відбудеться 3 лютого, su ukrinform.ua. URL consultato il 18 maggio 2022.
  48. ^ (UK) Оголошення про інтронізацію Митрополита Київського і всієї України Епіфанія, su OCU, 17 gennaio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  49. ^ (RU) Священный Синод ПЦУ после интронизации митрополита Епифания проведет кадровое заседание, su Интерфакс-Украина. URL consultato il 18 maggio 2022.
  50. ^ (EN) First synod of new Ukrainian church to be held after enthronement of its head – Epifaniy, su unian.info. URL consultato il 18 maggio 2022.
  51. ^ (EN) When fake news becomes… an Athonite craft, su ORTHODOXIA INFO, traduzione di Evangelos Nicolaidis, 30 gennaio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  52. ^ (EN) Jivko Panev, Two Athonite abbots will go to Kyiv on February 3 for Metropolitan Epifaniy’s enthronement, su Orthodoxie.com, 1º febbraio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  53. ^ a b (EN) Jivko Panev, The abbot of the Athonite Vatopedi Monastery was hospitalized in Kyiv, su Orthodoxie.com, 2 febbraio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  54. ^ (EN) Jivko Panev, Metropolitan Epifaniy (Dumenko) visited Archimandrite Ephrem in Kyiv, su Orthodoxie.com, 6 febbraio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  55. ^ (EL) Panagiotisandriopoulos, ΦΩΣ ΦΑΝΑΡΙΟΥ: Ο ΚΙΕΒΟΥ ΕΠΙΦΑΝΙΟΣ ΕΠΙΣΚΕΦΘΗΚΕ ΣΤΗΝ ΚΛΙΝΙΚΗ ΤΟΝ ΒΑΤΟΠΑΙΔΙΝΟ ΗΓΟΥΜΕΝΟ ΕΦΡΑΙΜ (ΦΩΤΟ), su ΦΩΣ ΦΑΝΑΡΙΟΥ, 2 febbraio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  56. ^ (EN) Metropolitan of Kyiv and All Ukraine Epifaniy inaugurated as Primate of Orthodox Church of Ukraine, su unian.info. URL consultato il 18 maggio 2022.
  57. ^ (UK) У Філарета погіршилось здоров’я і він не відвідав інтронізацію Епіфанія, su 24 Канал. URL consultato il 18 maggio 2022.
  58. ^ (UK) Митрополит Епіфаній офіційно очолив ПЦУ (оновлено) - РІСУ, su Релігійно-інформаційна служба України. URL consultato il 18 maggio 2022.
  59. ^ (EN) Jivko Panev, Metropolitan Epifaniy’s enthronement, su Orthodoxie.com, 7 febbraio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  60. ^ (EL) Ενθρονίστηκε ο Ουκρανίας Επιφάνιος (BINTEO), su ROMFEA. URL consultato il 18 maggio 2022.
  61. ^ (EN) Despite abbot’s absence, hieromonk of Vatopedi attended schismatic enthronement with abbot of Xenophontos and monk of Koutloumousiou, su OrthoChristian.Com. URL consultato il 18 maggio 2022.
  62. ^ (UK) Відповідно до Статуту Предстоятель, Блаженніший Митрополит Київський і всієї України Епіфаній визначив склад Священного Синоду та скликав його перше засідання, su OCU, 5 febbraio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  63. ^ (UK) Священний Синод Православної Церкви України провів своє засідання та ухвалив низку рішень, su OCU, 5 febbraio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022.
  64. ^ (EN) Patriarch Filaret talks of split, schools Metropolitan Epifaniy, su unian.info. URL consultato il 18 maggio 2022.
  65. ^ (UK) Відмова від статусу Патріархату була чисто ситуативною, - почесний Патріарх Філарет виступив із заявою - РІСУ, su Релігійно-інформаційна служба України. URL consultato il 18 maggio 2022.
  66. ^ (EN) Putin is ‘making it a religious war’ — Head of U.S. Ukrainian Orthodox Church slams Russian leader, Moscow Patriarch Kirill, su The Salt Lake Tribune. URL consultato il 18 maggio 2022.
  67. ^ (EN) Metropolitan of Kyiv: Ukraine needs all of your help and support – ACT NOW!, su orthodoxtimes.com, Orthodox Times, 25 febbraio 2022. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  68. ^ (EN) Metropolitan of Kyiv: Ukraine and the world will not forget the crimes that the enemy has perpetrated, su orthodoxtimes.com, Orthodox Times, 26 febbraio 2022. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  69. ^ Invasione russa dell'Ucraina: chiese usate come ripari dai bombardamenti, su asianews.it, Asia News, 26 febbraio 2022. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  70. ^ (UK) Епіфаній просить Кирила забрати тіла російських солдатів, su pravda.com.ua, Українська правда, 27 febbraio 2022. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  71. ^ (EN) Epifaniy to Kirill: The lives of Russian soldiers became the price for your own ideas and those of your president, su orthodoxtimes.com, Orthodox Times, 28 febbraio 2022. URL consultato il 1º marzo 2022.
  72. ^ (EN) Metropolitan Epiphanius of Kiev: I am the target No5 at the kill list of Russians, su orthodoxtimes.com, Orthodox Times, 5 marzo 2022. URL consultato il 5 marzo 2022.
  73. ^ (UK) 39-річний патріарх. Хто такий Епіфаній Думенко, якого УПЦ КП висунула на главу єдиної церкви - Новинарня, su novynarnia.com, 13 dicembre 2018. URL consultato il 18 maggio 2022.
  74. ^ (UK) Про відзначення державними нагородами України діячів Української православної церкви Київського патріархату, su Офіційний вебпортал парламенту України. URL consultato il 18 maggio 2022.
  75. ^ (UK) Про відзначення державними нагородами України з нагоди 24-ї річниці підтвердження всеукраїнським референдумом Акта проголошення незалежності України 1 грудня 1991 року, su Офіційний вебпортал парламенту України. URL consultato il 18 maggio 2022.
  76. ^ (EN) Metropolitan Epiphaniy of Kyiv and All Ukraine to Receive the 2019 Athenagoras Human Rights Award - Archon News Article - Order of Saint Andrew the Apostle, Archons of the Ecumenical Patriarchate, su archons.org. URL consultato il 18 maggio 2022.
  77. ^ (EN) Remarks of Metropolitan Epiphaniy of Kyiv and All Ukraine on receiving the Athenagoras Human Rights Award - Archon News Article - Order of Saint Andrew the Apostle, Archons of the Ecumenical Patriarchate, su archons.org. URL consultato il 18 maggio 2022.
  78. ^ (UK) Митрополит Епіфаній став почесним доктором столичного університету, su Інформаційне агентство Українські Національні Новини (УНН). Всі онлайн новини дня в Україні за сьогодні - найсвіжіші, останні, головні. URL consultato il 18 maggio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311348521 · GND (DE1142252280 · WorldCat Identities (ENviaf-311348521