Emilio Usiglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Emilio Usiglio (Parma, 8 gennaio 1841Milano, 8 luglio 1910) è stato un compositore e direttore d'orchestra italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò a Parma, prima con Giuseppe Barbacini e poi con Giovanni Rossi, e si perfezionò a Pisa con Gustavo Romani e a Firenze con Teodulo Mabellini.

A 20 anni debuttò con successo come operista con La locandiera, tratto dall'omonima commedia di Carlo Goldoni. Dedito esclusivamente ai generi buffo e giocoso, la sua opera di maggior successo fu Le educande di Sorrento (1868). Nel 1870 scrisse La scommessa, a cui seguì nel 1879 Le donne curiose, tratta dalla commedia omonima di Goldoni.

Come direttore d'orchestra, diresse con nel 1875 a Bologna la nuova versione del Mefistofele di Arrigo Boito, nel 1876 la prima italiana dell'Amleto di Thomas a Venezia e della Carmen di Georges Bizet a Napoli nel 1879. Nel 1882 diresse il Lohengrin a Venezia.

La sua carriera risentì dapprima dell'abuso di alcolici e in seguito di una progressiva sordità che lo portò a ritirarsi nel 1897 a Milano con la moglie, la cantante Clementina Brusa (Ternate, 30 maggio 1845 - Milano, 2 ottobre 1910).

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Opere liriche[modifica | modifica wikitesto]

Balletti[modifica | modifica wikitesto]

Altre composizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Rimembranze dell'Arno, album vocale dedicato a Giovanni Pacini
  • Allora... e adesso, stornello
  • Lamento d'oltre tomba, per voce e pianoforte
  • Su marinar, barcarola per voce e pianoforte

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Matteo Sansone, Usiglio, Emilio, in Grove Music Online. Oxford Music Online, Oxford University Press.
Controllo di autorità VIAF: (EN66003625 · GND: (DE1047138859