Angelo Zanardini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Zanardini (Venezia, 9 aprile 1820Milano, 7 marzo 1893) è stato un librettista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Veneziano, nella primavera del 1854 fece rappresentare al Teatro San Benedetto l'opera Amleto, della quale aveva scritto anche il libretto, ottenendo una critica favorevole.

Trasferitosi a Milano, si dedicò principalmente a scrivere e tradurre libretti lirici. Zanardini è autore della versione italiana delle dei testi dei 12 volumi delle Melodie di Franz Schubert, e di una scelta di melodie di Robert Schumann, che fanno parte della Biblioteca lirica di Casa Ricordi; insieme a Giulio Ricordi tradusse inoltre i versi dei Dodici canti a due voci di Felix Mendelssohn, che fanno parte della stessa Biblioteca lirica.

Scelse la cremazione; le sue ceneri, al Cimitero Monumentale di Milano, si trovano al Riparto I della Galleria Cineraria di Ponente Superiore, nel loculo 324[1].

ed. Schmidl e Tedeschi 1891, Musica di Francesco Paolo Frontini.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Libretti scritti[modifica | modifica wikitesto]

Libretti tradotti[modifica | modifica wikitesto]

Romanze[modifica | modifica wikitesto]

  • Serenata, dall'arabo, versi di Angelo Zanardini, Musica di Francesco Paolo Frontini, ed.Schmidl e Tedeschi 1891
  • Gawara, cantilena, (A. Zanardini), Stabilimento musicale F. Lucca, Milano [ca 1879];
  • Canzone, messicana, (A. Zanardini), Stabilimento musicale F. Lucca, Milano [ca 1880];

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2635308 · ISNI: (EN0000 0001 0863 3775 · LCCN: (ENn84022559 · GND: (DE115400680 · BNF: (FRcb135468974 (data) · NLA: (EN35813778 · BAV: ADV12226132 · CERL: cnp01198792