de Havilland DH.29 Doncaster

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
de Havilland DH.29 Doncaster
DH29.jpg
Il de Havilland DH.29 Doncaster J6849 nella configurazione definitiva
Descrizione
TipoMonoplano sperimentale a lungo raggio
Equipaggio2
ProgettistaGeoffrey de Havilland
CostruttoreRegno Unito de Havilland
Data primo volo1921
Utilizzatore principaleRegno Unito RAF
Esemplari2
Dimensioni e pesi
DH29SideDraw.png
Tavole prospettiche
Lunghezza13,11 m (40 ft)
Apertura alare16,46 m (54 ft)
Altezza5,03 m (16 ft 6 in)
Superficie alare40,88 (440 ft²)
Peso carico1 905 kg (4 200 lb)
Peso max al decollo3 299 kg (7 273 lb)
Passeggeri10 (secondo prototipo)
Propulsione
Motoreun Napier Lion IB
Potenza450 hp (336 kW)
Prestazioni
Velocità max187 km/h (116 mph, 101 kt) a 3 048 m (10 000 ft)
Velocità di crociera161 km/h (100 mph, 87 kt)
Notedati relativi al primo prototipo in configurazione civile

i dati sono estratti da
De Havilland aircraft since 1909[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il de Havilland DH.29 Doncaster fu un aereo da trasporto sperimentale, monomotore, monoplano ad ala alta sviluppato dall'azienda aeronautica britannica de Havilland Aircraft Company, Ltd nei primi anni venti e rimasto allo stadio di prototipo.

Realizzato in due soli esemplari, fu il primo aereo da trasporto britannico ad adottare un'ala a profilo spesso.[2]

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il DH.29 fu commissionato dall'Air Ministry per scopi puramente sperimentali. Venne concepito come un velivolo dall'ala molto alta realizzata in legno e ricoperta in tessuto, la fusoliera era di forma pressoché rettangolare e realizzata anch'essa in legno e terminante con un singolo timone di coda, e l'equipaggio, composto da due individui, prendeva posto in una cabina scoperta sita davanti all'ala. In totale vennero realizzati due velivoli tra il 1920 e il 1921 e durante il primo volo, dell'aereo contrassegnato come J6849, si notò che era necessario riprogettare la maniera in cui il motore era installato nel mezzo. Il secondo velivolo (seriale G-EAYO) venne modificato e trasformato in un aereo commerciale con cabina da 10 posti, ma le compagnie aeree non furono interessate all'acquisto di un monoplano, per via della poca sperimentazione dei velivoli a singola ala, e il progetto venne abbandonato a favore del de Havilland DH.34 che fu un biplano. Fu anche proposto come ricognitore militare, denominato DH.30, ma l'idea non ottenne nessuna attenzione.

I due esemplari realizzati furono utilizzati dalla RAF come banco prova per nuove configurazioni alari.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Governativi[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Regno Unito

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Regno Unito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jackson 1978, p. 168.
  2. ^ Jackson 1978, p. 164.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing, 1985, ISBN non esistente.
  • (EN) A.J. Jackson, British Civil Aircraft since 1919, Volume 2, London, Putnam, 1974, ISBN 0-370-10010-7.
  • (EN) A.J. Jackson, De Havilland aircraft since 1909, New material by R.T. Jackson, Annapolis, MD, Naval Institute Press, 1987, ISBN 0-87021-896-4.

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]