de Havilland DH.90 Dragonfly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
DH.90 Dragonfly
De Havilland DH90 Dragonfly.jpg
Un DH.90 Dragonfly, siglato AW164 (ex-G-AEDK) appartenuto alla RAF.
Descrizione
TipoAereo da trasporto leggero
Equipaggio1
Costruttorede Havilland Aircraft Company
Data primo volo1935
Data entrata in servizio1936
Esemplari67
Costo unitario2 650 £
Dimensioni e pesi
Lunghezza9,65 m (31 ft 8 in)
Apertura alare13,11 m (40 ft 0 in)
Altezza2,79 m (9 ft 2 in)
Superficie alare23,78 (256 ft²)
Peso a vuoto1 134 kg (2 500 lb)
Peso max al decollo1 814 kg (4 000 lb)
Passeggerifino a 4
Propulsione
Motore2 De Havilland Gipsy Major II
Potenza142 hp (109 kW) ognuno
Prestazioni
Velocità max232 km/h (144 mph)
Velocità di salita4,5 m/s (14,59 ft/s)
Raggio di azione1 000 km (650 mi)

Jackson, A.J. British Civil Aircraft since 1919, Volume 2

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il de Havilland DH.90 Dragonfly fu un bimotore biplano adibito per il trasporto leggero prodotto dall'azienda britannica de Havilland Aircraft Company negli anni trenta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Design e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il Dragonfly deriva dal disegno del DH.89 Dragon Rapide, ma a differenza di questo fu realizzato più piccolo e con una diversa conformazione alare. L'ala inferiore era leggermente più piccola della superiore e gli alloggiamenti dei due motori sporgevano di meno dal profilo dell'ala rispetto a quelli del DH.89, grazie ad un nuovo disegno dei serbatoi del carburante. Le differenze maggiori si riscontrano della struttura del velivolo: il Dragonfly disponeva di una nuova scocca in compensato e una fusoliera resa più resistente. Fu pensato come aereo da trasporto leggero, specialmente come un aereo da turismo di lusso in grado di ospitare fino a 4 persone oltre al pilota; fu anche predisposto ad accogliere doppi comandi. Il primo esemplare di Dragonfly, siglato G-ADNA, volò il 12 agosto 1935. Il velivolo dimostrò di raggiungere alte prestazioni anche se equipaggiato con motori di bassa potenza, grazie alle nuove tecniche costruttive messe a punto nella realizzazione del de Havilland DH.88; conseguenza di questo nuovo tipo di realizzazione di aerei fu anche il suo elevato prezzo d'acquisto (2.650 £). In termini moderni, può essere paragonato ai lussuosi jet privati utilizzati da ricche multinazionali.

Impiego[1][2][modifica | modifica wikitesto]

La prima consegna dei velivoli avvenne nel maggio del 1936. Trentasei nuovi Dragonfly furono consegnati a privati e a diverse compagnie; 15 furono utilizzati come aerei di linea/taxi aerei, mentre tre furono consegnati a dei club. Uno fu consegnato all'aviazione danese e uno a quella svedese, mentre la Royal Canadian Mounted Police ne utilizzò quattro per contrastare i contrabbandieri di alcool. La produzione venne sospesa nel 1938.

Durante il 1939, diversi DH.90 privati furono convertiti ad uso commerciale. Come esempio citiamo la flotta aerea realizzata dalla Air Dispatch Ltd a Croydon, con velivoli che furono utilizzati sia da privati che come aerotaxi.

Sette DH.90 smontati furono spediti in Canada, dove furono ricostruiti dalla filiale canadese della de Havilland e utilizzati da piccoli operatori commerciali. Di questi, almeno uno fu convertito in idrovolante.

Tre Dragonfly furono acquistati dal governo rumeno nel 1937 ed utilizzati come addestratori.[3]

Allo scoppio della Seconda guerra mondiale, circa 23 DH.90 furono acquisiti dalla RAF e dalle forze aeree del Commonwealth; di questi sei sopravvissero fino al 1945.

Dragonfly della Silver City Airways, 1953.

La compagnia aerea Silver City Airways utilizzò un DH.90, siglato G-AEWZ, dal 1950 al 1960. Attorno al 1970 sono riportati solo due esemplari ancora attivi.

Da notare che, grazie alla disposizione e alla struttura dei suoi serbatoi di carburante, solo un velivolo andò perduto a causa di incendio a bordo.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • DH.90 : Primo prototipo, equipaggiato con due motori de Havilland Gipsy Major I da 130 hp (97 kW).
  • DH.90A : Versione con due motori de Havilland Gipsy Major 1C o D.
  • Dragonfly Seaplane: Versione idrovolante, equipaggiato con galleggianti in alluminio e con un portello extra per accedere alla cabina. Più pesante e meno prestante delle versioni precedenti.[4]

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Una copia di de Havilland DH.89 Dragon Rapide e DH.90 in volo.

Due mezzi sono ancora esistenti:

  • DH 90A ZK-AYR[5] in condizioni di volo e conservato dalla Croydon Aircraft Company[6], Nuova Zelanda. Fu inizialmente registrato come G-AEDT, successivamente fu spedito in Australia e siglato come VH-AAD, da qui finì negli USA e ri-siglato N2034[7]. Dal 1988 al 1996 fu nuovamente registrato come G-AEDT prima di giungere in Nuova Zelanda.
  • DH 90A G-AEDU è registrato in Inghilterra dal 1992 e di proprietà del Norman Aeroplane Trust[8]. Originariamente fu spedito in Angola nel 1937 e registrato come CR-AAB, successivamente fu spedito in Sudafrica e siglato ZS-CTR[9]. Ritornò in Inghilterra nel 1979 e fu registrato come G-AEDU, sigla già assegnata ad un altro DH.90 ma mai utilizzato. Fu poi esportato negli USA nel 1983 e registrato come N190DH ma rientrò in Gran Bretagna danneggiato nel 1992; successivamente venne riparato e rimesso in condizione di volare e siglato nuovamente G-AEDU.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Australia Australia
Canada Canada
Danimarca Danimarca
Egitto Egitto
  • Misr Airwork Ltd
India Britannica India Britannica
  • Air Services of India Ltd
Iraq Iraq
Rhodesia Rhodesia
  • Rhodesian and Nyasaland Airways
Romania Romania
Svezia Svezia
Turchia Turchia
  • Devlet Hava Yollari
Uruguay Uruguay
Regno Unito Regno Unito
  • Air Dispatch Ltd
  • Air Commerce Ltd
  • Air Service Training Ltd
  • Air Taxis Ltd
  • Anglo-European Airways Ltd
  • Birkett Air Services Ltd
  • British Continental Airways Ltd
  • International Air Freight Ltd
  • Plymouth Airport Ltd
  • Royal Air Force
  • Silver City Airways Ltd
  • Western Airways Ltd

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jackson (1978), p.374-9.
  2. ^ Hayes, p.145-50.
  3. ^ Grey, C.G. and Bridgman, L., Jane's All the World's Aircraft 1938.(1972). p. 51b. Newton Abott: David & Charles ISBN 0-7153-5734-4.
  4. ^ Jane's 1938 p.82c.
  5. ^ Aircraft Registration Mark Query.
  6. ^ Croydon Aircraft Company Archiviato il 14 maggio 2008 in Internet Archive..
  7. ^ Jackson (1988) p 471.
  8. ^ Civil Aviation Authority Aircraft Register.
  9. ^ Jackson (1988) p 150.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing.
  • Hayes, P & King, B. de Havilland biplane transports. Coulsden: Gatwick Aviation Society (2003) ISBN 0 95304132 8
  • Jackson, A.J. British Civil Aircraft since 1919, Volume 2. London: Putnam, 1973. ISBN 0-37010-010-7 or (1988 revision) ISBN 0-85177-813-5.
  • Jackson, A.J. De Havilland Aircraft since 1909. London: Putnam, 1978 ISBN 0-370-30022-X
  • Grey, C.J. and Bridgman, L, Jane's All the World's Aircraft (1938). London: Sampson Low Martin.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2012002501