de Havilland DH.66 Hercules

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
de Havilland DH.66 Hercules
Un DH.66 Hercules dell'Imperial Airways
Un DH.66 Hercules dell'Imperial Airways
Descrizione
Tipo aereo di linea
Equipaggio 3
Costruttore Regno Unito de Havilland
Data primo volo 30 settembre 1926
Data entrata in servizio 1926
Data ritiro dal servizio 1942
Utilizzatore principale Regno Unito Imperial Airways
Esemplari 11
Dimensioni e pesi
Lunghezza 16,92 m (55 ft 6 in)
Apertura alare 24,24 m (79 ft 6 in)
Altezza 5,56 m (18 ft 3 in)
Superficie alare 143,7 (1 547 ft²)
Peso a vuoto 4 110 kg (9 060 lb)
Peso max al decollo 7 103 kg (15 660 lb)
Passeggeri 7
Propulsione
Motore 3 radiali Bristol Jupiter VI
Potenza 420 hp (313 kW) ognuno
Prestazioni
Velocità max 206 km/h (128 mph, 111 kt)
Velocità di crociera 177 km/h (110 mph, 96 kt)
Velocità di salita 233 m/min (765 ft/min)
Tangenza 3 962 m (13 000 ft)

i dati sono estratti da
De Havilland aircraft since 1909[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il de Havilland DH.66 Hercules fu un aereo da trasporto passeggeri trimotore e biplano, sviluppato dall'azienda aeronautica britannica de Havilland Aircraft Company, Ltd nei primi anni venti

Realizzato come moderno sostituto per i DH.10 utilizzati dal servizio di posta aerea della RAF, fu utilizzato dall'Imperial Airways su rotte di lunga distanza. Nonostante questi mezzi fossero ingombranti e lenti, furono un punto di svolta nella storia degli aerei di linea futuri.[2]

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

L'Hercules fu progettato quando la Royal Air Force incaricò l'Imperial Airways di provvedere al servizio di posta aerea tra Il Cairo e Baghdad; il mezzo risultante fu un biplano capace, oltre al trasporto di posta, di alloggiare sette passeggeri in una cabina chiusa. Il prototipo volò la prima volta il 30 settembre 1926 e subito la de Havilland ricevette un ordine di cinque esemplari da parte dell'Imperial Airways. Il nome Hercules fu scelto tramite un concorso apparso sulla rivista Meccano Magazine.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Un DH.66 Hercules dell'Imperial Airways

Per il volo inaugurale si scelse la rotta tra l'Inghilterra e l'India e più precisamente il velivolo partì da Croydon il 27 dicembre 1927 e arrivò a Delhi l'8 gennaio 1927.

La West Australian Airways ordinò quattro esemplari per rimpiazzare i vecchi Dh.50. Il 2 giugno 1927 fu inaugurata la rotta tra Perth e Adelaide.

Successivamente l'Imperial Airways ordinò altri due esemplari ma sfortunatamente perse tre DH.66 in incidenti aerei avvenuti tra settembre 1929 e aprile 1930 e per rimpiazzarli acquistò i mezzi dalla West Australian Airways. L'Imperial Airways ritirò del servizio tutti i DH.66 dopo un incidente aereo avvenuto in Rhodesia del Sud nel mese di novembre 1935 e tre aerei furono venduti alla South African Air Force. Un solo esemplare di DH.66 australiano sopravvisse fino al 1942, quando fu distrutto da un'azione nemica.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Australia Australia
  • West Australian Airways
Regno Unito Regno Unito

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Sudafrica Sudafrica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jackson 1978, p. 274.
  2. ^ Western Australian Aviation History.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing, 1985, ISBN non esistente.
  • (EN) A.J. Jackson, British Civil Aircraft since 1919, Volume 2, London, Putnam, 1973, ISBN 0-370-10010-7.
  • (EN) A.J. Jackson, De Havilland aircraft since 1909, 3rd edition, London, Putnam Publishing, 1987, ISBN 0-85177-802-X.
  • (EN) A.J. Jackson, De Havilland aircraft since 1909, New material by R.T. Jackson, Annapolis, MD, Naval Institute Press, 1987, ISBN 0-87021-896-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]