Craufurd Tait Ramage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Craufurd Tait Ramage (Annefield, 10 settembre 1803Wallace Hall, 29 novembre 1878) è stato un umanista scozzese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Scozia a Annefield nei pressi di Newhaven, Ramage è stato un Ministro della Chiesa scozzese e cultore delle lettere classiche. È noto in Italia per aver intrapreso un viaggio nel Regno delle Due Sicilie nel 1828, che descrisse nell'opera intitolata "The nooks and by-ways of Italy. Wandering in search of its ancient Remains and modern superstitions".

Laureatosi in lettere classiche presso l'Università di Edimburgo nel 1825, si trasferì a Napoli in qualità di precettore dei figli del console inglese sir Henry Lushington.

Ritornato in patria fu insegnante e quindi preside della Wallace Hall Academy di Closeburn e Giudice di Pace della contea di Dumfreisshire.

Pubblicò diverse antologie di autori greci, latini, tedeschi, italiani, spagnoli e francesi. Nel corso della sua esistenza contribuì a diverse attività culturali tra cui va annoverata la partecipazione alla settima edizione dell'Enciclopedia Britannica.

In Italia è conosciuto soprattutto per la sua opera intitolata The nooks and by-ways of Italy. Wandering in search of its ancient Remains and modern superstitions, pubblicata in italiano col titolo Viaggio nel Regno delle Due Sicilie, in cui Ramage descrive un viaggio a piedi intrapreso a sud di Napoli, tra l'aprile e il giugno 1828, alla ricerca delle "sopravvivenze" linguistiche, archeologiche e culturali greco-latine. In tale viaggio, Ramage parte da Napoli, giunge a Paestum, attraversa il Cilento, da Policastro visita la Calabria tirrenica e ionica, per giungere in Basilicata, scendendo in Puglia a Taranto, dove si imbarca per Gallipoli, passa da Ugento, Salve, i resti di Veretum (Patù), Leuca, Castro, Grotta Zinzulusa, Santa Cesarea Terme, Vaste, Otranto, Lecce, Manduria, Oria, Brindisi, da qui in nave fino a Trani, quindi a Barletta e Canne, Canosa, Venosa, Melfi, Ascoli Satriano, Foggia, Manfredonia, Mattinata, Vieste, Lucera, Volturara, Campobasso, per poi fare ritorno a Napoli. Il resoconto del viaggio di Ramage rappresenta un'importante descrizione socio-culturale delle provincie del Mezzogiorno italiano nell'anno 1828.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Attraverso il Cilento - il viaggio di C.T. Ramage da Paestum a Policastro nel 1828, edizioni l'Ippogrifo, agosto 2013, ISBN 978-88-88986-85-2
  • Craufurd Tait Ramage, Nooks and by-ways of Italy, Howell, 1868.
  • Viaggio nel Regno delle Due Sicilie, E. Clay - De Luca, Roma 1966.
  • Angela Cecere, Viaggiatori inglesi in Puglia nell'Ottocento (Schena, Fasano 1993) ISBN 8875145350
  • Carlo Stasi, Uno straniero dal nome strano ed un contadino dall'aspetto sveglio (ovvero il primo turista e la prima guida turistica di Salve), in Annu Novu Salve Vecchiu, anno IX, (Salve, 1995)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18677274 · ISNI (EN0000 0000 8076 5142 · LCCN (ENn85313800 · GND (DE126574065 · BAV ADV10189829 · CERL cnp02035599 · WorldCat Identities (ENn85-313800
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie