Contea di Marsico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Contea di Marsico fu una contea normanna nel Regno di Sicilia; aveva per capoluogo Marsico, oggi Marsico Nuovo, che si trova nella parte sud-occidentale della attuale Basilicata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu elevata a contea da Ruggero II, re di Sicilia nel 1150 in favore di Silvestro, figlio di Goffredo di Ragusa, figlio illegittimo di Ruggero I, Conte di Sicilia.

Il Catalogus Baronum, pubblicato il 1168, registra la contea come "comes Silvester de Marsico" che ha in feudo "in demanio Marsicum ... Roccettam ... et ... et Dianum Salam ..." in "de Marsico".

La contea fu poi concessa ai conti di Sanseverino, che discendevano da una figlia del conte Silvestro. Manfredi re di Sicilia nominò Conte di Marsico, Enrico di Spernaria e poi Riccardo Filangieri. Dopo la caduta del re Manfredi, la contea è stata restituita alla famiglia Sanseverino da Carlo I re di Sicilia.

Conti di Marsico[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Sanseverino

Note[modifica | modifica wikitesto]