Compromís

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Compromís
Coalició Compromís.png
LeaderMónica Oltra Jarque
Enric Morera i Català
Joan Baldoví i Roda
Joan Ribó i Canut
StatoSpagna Spagna
SedePlaça del Pilar, 1, València
Fondazione25 gennaio 2010
IdeologiaValencianismo, ecosocialismo, ambientalismo, socialdemocrazia, progressismo[1]
Partito europeoVerdi Europei - Alleanza Libera Europea
Gruppo parl. europeoVerdi Europei - Alleanza Libera Europea
Seggi Corti Valenciane
17 / 99
Seggi Congresso dei Deputati
1 / 350
Seggi Consiglieri nei comuni
724 / 5716
Seggi Sindaci (2019)
84 / 542
TestatainfoCOMPROMÍS
Organizzazione giovanileJoves amb Compromís (Joves del País Valencià, Joves amb Iniciativa e Joves Verds Equo)
Iscritti11 534 (2015)
ColoriArancione
Sito webwww.compromis.net

Compromís o Coalició Compromís (pronuncia valenciana: [koalisiˈo kompɾoˈmis]; italiano: Coalizione Impegno) è un partito politico valenziano, originariamente una coalizione elettorale, nella Comunità Valenciana, in Spagna. Le parti coinvolte includono il Blocco Nazionalista Valenciano, l'Iniziativa Popolare Valenziana di sinistra e un gruppo di ambientalisti (Verds-Equo del Paese di Valencia) e parti indipendenti. Insieme difendono la politica valencianista, progressista ed ecologista.[1]

Compromís è stata fondata nel gennaio 2010 per partecipare alle elezioni del parlamento di Valencia del 2011 e alle elezioni locali del 2011.

Dall'anno delle elezioni del 2015, Compromís ha notevolmente aumentato la sua rappresentanza in molte istituzioni. Attualmente conta 724 consiglieri in tutta la Comunità autonoma di Valencia, 17 rappresentanti parlamentari nel parlamento di Valencia (Corti Valenciane), 1 rappresentanti nel Congresso dei Deputati spagnoli, 1 nel Senato spagnolo. Ha anche 84 uffici del sindaco, tra cui la città di Valencia, capitale della Comunità Valenciana.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Wolfram Nordsieck, Spain, su Parties and Elections in Europe, 2019. URL consultato il 28 aprile 2019.
  2. ^ BBC News, Spain's new left-wing mayors promise end to corruption, in www.bbc.com, 12 giugno 2015. URL consultato il 12 maggio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]