Colonna della Vittoria dell'Indipendenza dell'Estonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colonna della Vittoria dell'indipendenza dell'Estonia, in piazza della Libertà a Tallinn.

La Colonna della Vittoria dell'Indipendenza dell'Estonia (in estone: Vabadussõja võidusammas) è un monumento ideato nel 1919 ma inaugurato solo 90 anni dopo, nel giugno 2009. È composto da una stele situata sul lato ovest della piazza della Libertà a Tallinn in Estonia.

Alta poco più di 23 metri e formata da 143 lastre di vetro, la colonna commemora i 5.000 estoni tra civili e militari caduti e i circa 15.000 soldati e civili feriti durante la guerra d'indipendenza estone tra il 1918 e il 1920.

In cima alla colonna è presente una riproduzione ingigantita della "Croce della Libertà", la massima onorificenza al valore militare conferita dall'Estonia; al fianco della colonna, nella parte destra, sono collocati vari pennoni con la bandiera nazionale estone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di creare un monumento fu concepita dagli estoni nel lontano 1919, l'anno successivo alla dichiarazione d'indipendenza estone e prima della fine della guerra contro i bolscevichi.

Nel 1936 fu promulgata una legge che stabiliva la costruzione di un monumento alla memoria delle vittime del conflitto per l'indipendenza estone, ma i lavori preparatori furono interrotti dall'arrivo della seconda guerra mondiale e dalla conseguente occupazione sovietica nel dopoguerra.

Dopo aver riconquistato l'indipendenza nel 1991, si ripropose l'idea di costruire il monumento commemorativo nazionale. Nella primavera del 2005 il Parlamento estone o Riigikogu decise che la Colonna della Vittoria in memoria dei Caduti doveva essere eretta in Piazza della Libertà (Vabaduse Väljak), nel distretto di Kesklinn nel centro della capitale Tallinn.[1]

Il progetto[modifica | modifica wikitesto]

La gara per l'assegnazione nel 2006 ricevette più di quaranta proposte. Il progetto vincitore, denominato Libertas fu ideato dagli architetti Rainer Sternfeld, Andri Laidre, Kadri Kiko e Anto Savi. La ditta Celander Ehitus OÜ fu selezionata quale costruttore principale.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]