Colecistectomia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'intervento di colecistectomia consiste nell'asportazione chirurgica della colecisti (o cistifellea). Può essere effettuata a cielo aperto o per via video-laparoscopica. Nel primo caso si procede all'incisione e all'apertura dell'addome, nel secondo mediante l'introduzione degli strumenti chirurgici attraverso fori praticati attraverso la parete addominale. Circa il 10% degli interventi porta alla Sindrome post-colecistectomia (PCS), che si verifica con carattere cronico o transitorio.[1]

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Colecisti idropica in colelitiasi. Immagine intraoperatoria durante un intervento di video-laparo-colecistectomia.

La principale indicazione all'intervento di colecistectomia è la calcolosi, cioè la formazione di calcoli all'interno della colecisti. Non è possibile rimuovere solo i calcoli lasciando la colecisti in sede perché i calcoli si riformerebbero.

L'infiammazione acuta della colecisti (colecistite acuta, colecistite flemmonosa, colecistite gangrenosa), l'idrope della colecisti (cioè l'abnorme dilatazione della colecisti), e la colecistite acuta alitiasica (cioè l'infiammazione della colecisti senza contenuto calcolotico), sono altre indicazioni all'intervento. Infine vanno ricordati i tumori maligni (ma anche i benigni) della colecisti, in genere molto estesi e difficili da trattare perché molto spesso infiltrano il fegato e danno precoci metastasi linfonodali e a distanza.

Talora si associa, alla calcolosi della colecisti, una calcolosi della via biliare; in questi casi è necessario procedere, oltre cha all'asportazione della colecisti, anche alla bonifica della via biliare.

Intervento chirurgico[modifica | modifica wikitesto]

Quando operare[modifica | modifica wikitesto]

La colelitiasi talvolta è asintomatica e viene rivelata nel corso di indagini radiologiche o ecografiche effettuate per altri motivi. In questi casi molti chirurghi sono dell'opinione che l'intervento di colecistectomia non sia indicato e, specie se si tratta di calcoli puri di colesterolo (calcolosi colesterolica) e di piccole dimensioni, si possa tentare una terapia con farmaci che sciolgono i calcoli (a base di sali biliari).

Quando sono presenti sintomi tipici (dolore tipo colico nella regione destra dell'addome, inappetenza, nausea, vomito) è indicato l'intervento chirurgico. In caso di colecistite l'intervento può assumere carattere di urgenza, ovvero se effettuato entro le 24/48 ore dall'episodio acuto, e più raramente di emergenza,[2] specie se la colecisti subisce un processo di ascessualizzazione o di gangrenosi.

Quando alla calcolosi della colecisti si associa quella della via biliare è indicata la bonifica preoperatoria della via biliare mediante ERCP (Endoscopic Retrograde Colangiopancreatography). L'intervento è indicato anche nella neoplasia della colecisti, quando questa non sia eccessivamente estesa e sussista la possibilità di asportazione del tumore in toto o di riduzione consistente della massa tumorale.

Talvolta la colecisti viene asportata nel corso di altri interventi chirurgici.

Come operare[modifica | modifica wikitesto]

Colecistectomia laparoscopica vista attraverso il laparoscopio.

La colecistectomia consiste nella asportazione della cistifellea mediante intervento chirurgico in anestesia generale. Fino alla fine degli anni ottanta tale intervento poteva essere eseguito solamente tramite incisione della parete addominale (laparotomia), di lunghezza variabile, che permettesse al chirurgo di lavorare con le mani all'interno della cavità addominale.

Dagli anni novanta, grazie all'introduzione della video-laparo-chirurgia, è diventata pratica comune l'esecuzione dello stesso intervento mediante un accesso mini-invasivo alla cavità addominale. Quindi, anziché attraverso un taglio lungo, si accede all'addome tramite quattro piccole incisioni di lunghezza variabile tra 5 e 12 mm. Tale tecnica ha permesso l'abbreviazione della degenza ospedaliera (massimo due/tre giorni se non intervengono complicazioni) tramite l'accelerazione del recupero del paziente. La colecistectomia per via video-laparoscopica prevede comunque le stesse procedure della colecistectomia tradizionale, anche se eseguite attraverso una diversa via di accesso.

Lo standard è oggi rappresentato dalla tecnica video-laparoscopica, ma la colecistectomia tradizionale (a cielo aperto) mantiene ancora indicazioni particolari, per esempio in caso di grave peritonite o di estesa neoplasia della colecisti. Qualora insorgano difficoltà tecniche o condizioni di scarsa sicurezza per il paziente, si può passare dall'intervento laparoscopico a quello tradizionale mediante conversione.

Tecnica chirurgica[modifica | modifica wikitesto]

I tempi operatori della colecistectomia tradizionale e della video-laparo-colecistectomia sono gli stessi, ma varia l'approccio: nel primo caso risulta essere la laparotomia mediana xifo-ombelicale o sottocostale destra, nel secondo l'introduzione dei trocar per consentire l'uso degli strumenti idonei.

Il primo tempo dell'intervento consiste nell'isolamento degli elementi del triangolo di Calot (dotto cistico, arteria cistica); in particolare si isola per primo (generalmente) il dotto cistico per eseguire la colangiografia intraoperatoria, che ha lo scopo di visualizzare la via biliare per vedere se sono presenti calcoli anche in questa sede. Successivamente vengono sezionati il dotto cistico e l'arteria cistica tramite lacci o clip in titanio. Si procede quindi allo scollamento della colecisti dal letto epatico, scollamento che può avvenire partendo dal fondo della colecisti (colecistectomia anterograda) o partendo dall'infundibolo (colecistectomia retrograda). L'intervento viene completato con l'emostasi accurata del letto epatico, con il lavaggio della loggia sottoepatica e con il posizionamento di un drenaggio. Quest'ultimo può non essere utilizzato, specie se l'intervento è stato pulito.

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

L'operazione è particolarmente comune e diffusa, per esempio, sono circa centomila gli interventi all'anno in Italia,[2] ma può presentare complicanze.[2] L'esperienza del chirurgo operatore, la qualità dell'attrezzatura, e infine il quadro clinico generale sono, nell'ordine, i paramenti determinanti per diminuire il rischio di complicanze, che aumenta anche sensibilmente in caso di poca esperienza dell'operatore, di utilizzo d'attrezzatura non allo stato dell'arte o di quadro clinico a rischio.[2]

La mortalità operatoria della colecistectomia è piuttosto bassa, circa 0,1-0,05%, e dipende dal tipo di patologia per la quale è stata eseguita (più elevata in caso di lesione tumorale). La morbilità, ossia le complicanze non letali, non è trascurabile: tra l'1 e il 12%,[2] nei casi di operazione in video-laparo-colecistectomia.[2] Si tratta di una percentuale definita "rilevante tenendo conto della benignità di base della patologia".[2]

Uno studio dell'università di Pavia pubblicato nel 2012 ha analizzato 1047 casi di colecistectomia effettuata in video-laparoscopia tra il 1993 e il 2010. Sono state rilevate complicanze in 48 casi: il 4,56% dei casi.[2] In 15 casi (l'1,42%) vi è stato un passaggio durante l'intervento dalla tecnica laparoscopica alla tecnica standard (detta open, ovvero tramite l'apertura dell'addome per una maggiore facilità di intervento).[2]

Comuni a entrambe le tecniche sono il sanguinamento, la lesione della via biliare, la pancreatite acuta, l'infezione della ferita chirurgica, il laparocele.[2] Specifiche della tecnica video-laparoscopica sono la perforazione di un viscere cavo durante l'esecuzione dello pneumoperitoneo con ago di Verres o l'introduzione di un trocar, l'embolia polmonare gassosa, il sanguinamento tardivo conseguente al cessare dell'azione emostatica del pneumoperitoneo, il laparocele ombelicale.

Il decorso postoperatorio[modifica | modifica wikitesto]

Il decorso postoperatorio in caso di esito favorevole è relativamente breve. La video-laparo-colecistectomia può essere eseguita in One Day Surgery (dimissione del paziente dall'ospedale il giorno dopo l'intervento, o al massimo entro tre giorni), mentre la colecistectomia a cielo aperto richiede alcuni giorni in più di degenza ospedaliera. La ripresa è generalmente rapida, da 1 a 2 settimane; l'alimentazione può divenire regolare dopo circa sette giorni dall'intervento; il ritorno alla normale attività quotidiana e lavorativa può avvenire dopo 1-2 settimane.

Effetti collaterali a breve e lungo termine[modifica | modifica wikitesto]

Una percentuale di pazienti variabile dal 5 al 40% sviluppa una condizione chiamata Sindrome post-colecistectomia (PCS), a carattere cronico o transitorio e con diversi livelli di gravità e presenza di sintomi quali disturbi intestinali, nausea, flatulenza e/o diarrea cronica o passeggera.[3] Tale sindrome, la cui eziologia non è del tutto nota,[4] può perdurare per alcune settimane, per anni, o a vita.

Alcuni di questi effetti collaterali, in particolare quelli che coinvolgono il fegato, possono costituire disabilità permanente.[5]. La terapia per migliorare questi effetti collaterali è assumere acido ursodesossicolico "DEURSIL"che aiuta l'intestino ad assorbire gli acidi biliari.Migliorando così lo stile di vita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Surcigal Science, Post Cholecystectomy Diarrhoea—A Systematic Review, 2012
  2. ^ a b c d e f g h i j Università degli Studi di Pavia, Errore chirurgico, indice di rischio e colecistectomia videolaparoscopica, 2012
  3. ^ Postcholecystectomy syndrome, in WebMD. URL consultato il 25 agosto 2007.
  4. ^ L J D O'Donnell, Post-cholecystectomy diarrhoea: a running commentary
  5. ^ Uni Roma 3, Categorie e tipologie di invalidità

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina