Idrope

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'ìdrope è un anormale accumulo di liquido trasudatizio nella cavità sierose del corpo, cavo pericardico, cavo pleurico e cavo peritoneale[1]. Il termine deriva dal latino hydrops, a sua volta derivante dal greco antico ὕδρωψ e composto da ὑδρο, acqua, e ὤψ, aspetto[2].

Idrope della colecisti[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una complicazione della colelitiasi, dovuta all'esclusione della colecisti dal circolo biliare per ostruzione del dotto cistico o del collo della colecisti stessa da parte di un calcolo biliare[3].

La mucosa della colecisti assorbe i pigmenti biliari e le altre componenti della bile secernendo muco; la cavità si va riempiendo, così, di una soluzione mucoide e aumenta di dimensioni. Tale condizione può complicarsi ulteriormente, nel caso di sovrainfezione, con un empiema, oppure può andare incontro a perforazione. Più raramente può manifestarsi un infarto della colecisti[3].

Idrope endolinfatico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Idrope endolinfatico.

È una condizione presente nelle fase iniziali della sindrome di Ménière. Inizialmente porta solo ad alterazioni della funzione uditiva; successivamente si cronicizza e coinvolge i labirinti provocando alterazioni dell'equilibrio[4]. In questo caso non si tratta di un trasudato, ma dell'aumento di quantità di un liquido fisiologicamente presente.

Idrope fetale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Idrope fetale.

Si tratta di una condizione caratterizzata dall'accumulo di liquido nel corpo fetale, nei tessuti o nelle cavità sierose[5].

Si distingue una idrope fetale immune, dovuta alla presenza di anticorpi circolanti materni contro antigeni eritrocitari fetali, mentre in tutti gli altri casi si parla di idrope fetale non immune[5].

Nella metà di casi la causa rimane sconosciuta. Tra le cause riconosciute vi sono: l'alfa talassemia, malattie cardiache fetali, sindrome da trasfusione feto-fetale e infezioni fetali, specialmente quella da parvovirus B19[5].

Idrope corneale[modifica | modifica wikitesto]

Si verifica in caso di cheratocono acuto, ovvero di rottura della membrana di Descemet con conseguente imbibizione dello stroma corneale da parte dell'umor acqueo che provoca edema ed appannamento della vista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Definizione Treccani
  2. ^ idrope, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  3. ^ a b Halpert, pp. 245, 2007.
  4. ^ Alajmo, pp. 178, 1995.
  5. ^ a b c Zanoio, pp. 684-5, 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina