Classe Izumo (cacciatorpediniere)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Izumo
La capoclasse Izumo dopo il suo varo nel 2013
La capoclasse Izumo dopo il suo varo nel 2013
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
Tipo cacciatorpediniere
Numero unità 2
In servizio con Naval Ensign of Japan.svg Kaijō Jieitai
Varata 2013
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 19.500 t
a pieno carico: 27.000 t
Lunghezza 248,0 m
Larghezza 38,0 m
Pescaggio 7,5 m
Propulsione COGAG, two eliche, 4 turbine a gas GE/IHI LM2500IEC per due alberi motore; 112.000 hp
Velocità 30 nodi
Equipaggio 970 compresa la fanteria di marina imbarcata
Armamento
Artiglieria due impianti Phalanx CIWS da 20 mm
Siluri sei tubi lanciasiluri da 324 mm (due impianti tripli MK 32)
Missili due sistemi SeaRAM
Mezzi aerei 7 elicotteri ASW + 2 elicotteri SAR - max 14 mezzi aerei

fonti citate nel corpo del testo

voci di classi di cacciatorpediniere presenti su Wikipedia

La classe Izumo è una classe di cacciatorpediniere portaelicotteri (Helicopter Destroyers o DDH) della Forza di autodifesa marittima del Giappone (Kaijō Jieitai) .

Il progetto[modifica | modifica sorgente]

Dopo la precedente classe Hyuga, la marina giapponese ne ha progettato una versione più grande, che ne ricalcasse i requisiti e di conseguenza la nave somiglia molto ad una portaerei, cosa che ha provocato anche le proteste della Cina. In realtà il ponte della nave non presenta un trampolino (o sky-jump) che permetta il decollo corto, né catapulte; inoltre la struttura del ponte stesso non è in grado di reggere i getti ad elevata temperatura prodotti dalle ventole di sostentamento dell'F-35B[1]. Pertanto la nave è in grado di ospitare soltanto elicotteri, o al massimo dei convertiplani come il Bell V-22 Osprey. Per il ministero della difesa giapponese la nave è concepita primariamente per la lotta antisommergibile, e come ruolo secondario in supporto ai soccorsi umanitari a disastri naturali[2].


Unità[modifica | modifica sorgente]

Nome Pennant number Impostazione Varo Entrata in servizio Destino finale
Izumo DDH-183 27 gennaio 2012[3] 6 agosto 2013[4] 2015 (?)
??? DDH-???

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Holm, Erik. "Japan launches biggest warship since WW2" (in Danish). Ingeniøren, 12 August 2013. Accessed: 12 August 2013.
  2. ^ Ministry of Defense, 平成21年度政策評価書(事前の事業評価). URL consultato il 18 September 2011.
  3. ^ 国内最大のヘリコプター搭載護衛艦の起工式を開催, IHI Marine United, 27 January 2012
  4. ^ (JA) Maritime Staff Office, 平成22年度護衛艦の命名・進水式について (PDF), 16 July 2013. URL consultato il 16 July 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina