Cimitero Laurentino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cimitero Laurentino
Tipocivile
Confessione religiosamista
Stato attualeIn uso
ProprietarioAMA
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
LuogoVia Laurentina km 13+500
Costruzione
Data apertura9 marzo 2002
Area21 ha
Mappa di localizzazione
Coordinate: 41°45′43.72″N 12°29′46.22″E / 41.762145°N 12.496173°E41.762145; 12.496173

Il cimitero Laurentino è un cimitero comunale di Roma, situato in zona Castel di Decima, gestito da AMA. Con i suoi 21 ettari è il terzo cimitero della Capitale dopo il Flaminio e il Verano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il cimitero è stato consacrato il 9 marzo 2002 dal cardinale vicario Camillo Ruini. Nel 2004 nell'ambito delle indagini archeologiche preliminare disposte dalla Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma sono state rinvenute alcune tombe a grotticella eneolitiche, probabilmente parte di una necropoli ben più estesa.[1]

Il 29 ottobre 2010 sono iniziati i lavori di costruzione della cappella del Gesù Risorto, su progetto di Giovanni Testa per un importo totale di 750 000 euro pagato dal comune di Roma[2], benedetta solennemente il 1° novembre 2012.[3]

Nel 2012 è stato realizzato il Giardino degli angeli, inaugurato il 4 gennaio, per permettere la sepoltura dei bambini mai nati.

Il cimitero è stato visitato da papa Francesco il 2 novembre 2018 in occasione della commemorazione dei defunti, segnando la prima visita di un pontefice nella storia del cimitero.[4]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il cimitero si estende su un'area di circa 21 ettari. Accoglie le salme provenienti dai municipi VII (limitatamente al territorio dell'ex Municipio X), VIII, IX, XI e, solo in caso di indisponibilità da parte del cimitero di Ostia Antica, X; il Giardino degli angeli invece accoglie le salme da parte dei residenti in deroga al principio di territorialità.

La cappella del Gesù Risorto è stata realizzata in muratura con una copertura di tegole laminate in rame e lastre di pietra di Trani.[2] Occupa uno spazio di 220 metri quadrati con un ampio sagrato esterno da 120 metri quadrati e ha una capacità di circa 140 posti a sedere. Di fronte al sagrato è presente un piazzale da 1 200 metri quadrati adibito a parcheggio.

Il Giardino degli angeli è un'area di circa 600 metri quadrati riservata alla sepoltura di bambini mai nati. L'accesso è presidiato da due statue raffiguranti degli angeli, intesi come archetipo dell'innocenza e della purezza proprie dei bambini.

Personaggi illustri sepolti nel cimitero[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Fermata autobus Linee autobus cimiteriali C8, C11 e C13 e linea autobus urbana 703.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anna Paola Anzidei e Giovanni Carboni (a cura di), Roma prima del mito: Abitati e necropoli dal neolitico alla prima età dei metalli nel territorio di Roma (VI - III millennio a.C.), pp. 255-259. URL consultato il 7 gennaio 2022.
  2. ^ a b Prima pietra per la chiesa del Gesù Risorto, in Corriere della Sera - Roma, 29 ottobre 2010. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  3. ^ Cimitero Laurentino, celebrata la solenne benedizione della Cappella "Gesù Risorto", su cimitericapitolini.it, AMA. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  4. ^ Roberta Pumpo, Papa Francesco al cimitero Laurentino, in RomaSette.it, 30 ottobre 2018. URL consultato il 7 gennaio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]