Chiesa di Santa Maria del Presepe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Santa Maria del Presepe
Santamonicanocera.jpg
La chiesa vista da Piazza Amendola
StatoItalia Italia
RegioneCampania
LocalitàNocera Inferiore
Religionecattolica
DiocesiNocera Inferiore-Sarno
Stile architettonicomoderno
Inizio costruzioneXVI secolo
CompletamentoXX secolo
Sito web

La chiesa di Santa Maria del Presepe nota anche come Chiesa di Santa Monica[1], è un edificio religioso di Nocera Inferiore. Fa parte della forania di Nocera Inferiore, nella Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno.

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio sorge nel cuore di Nocera Inferiore, a ridosso dello storico casale di Capo Fioccano, a pochi passi da Corso Vittorio Emanuele e Piazza Armando Diaz.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale struttura presenta un'interno a tre navate, inoltre la chiesa presenta due congreghe, sulla basse di quelle dell'antecedente convento. Inoltre è munita di rettoria e sagrestia nonché di un campanile a tre piani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il convento agostiniano[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso agostiniano ad inizio novecento

Alla metà del XVI secolo, nella città di Nocera dei Pagani presero potere i napoletani duchi Carafa, nella piazza del villaggio, l'attuale Piazza Amendola, fecero erigere una chiesa, accanto ai ruderi della struttura medievale di San Pietro, insieme ad un modesto convento, che fu terminato dal duca Alfonso Carafa col nome di Sancta Maria ad Præsepe. Nel 1577 fu affidato all'ordine degli agostiniani. Il monastero presentava un portone che non permetteva l'ingresso delle carrozze. Procedendo attraverso di esso, il piano terreno era costituito da due lunghe stanze, un porticato e una scala che portava al piano superiore. Quest'ultimo aveva un lungo corridoio dove si affacciavano sette piccole stanze utilizzate per accogliere religiosi e gendarmi reali. Completava la struttura, un cortile con pozzo, un piccolo giardino e un quartino che sorgeva nella piazza, che ospitava diverse botteghe, un refettorio ed una cucina. La chiesa era costituita da un altare maggiore, dai quattro altari laterali e dalla cappella della Confraternita di Santa Monica (altro nome con cui è conosciuta oggi la chiesa). La prima la cappella era quella di Santa Maria del Soccorso. Era seguita da quella intitolata a San Nicola da Tolentino (al tempo riconosciuto come patrono di Nocera de' Pagani). Seguendo a destra, vi era la cappella dedicata a San Pietro apostolo e poi la cappella di Santa Maria di Costantinopoli, dov'era era possibile accedere ad una cripta sottostante. Alle spalle dell'altare maggiore c'era la sagrestia: un ampio locale, in cui erano ospitati un confessionale e le statue di San Nicola di Tolentino, San Vito ed un quadro di San Nicola. Nel 1809, il convento fu chiuso. Nel 1839, la struttura fu riaperta e la chiesa divenne autonoma dalla pertinenenza della Chiesa madre di San Mattteo, di cui era tributaria.[2]

La ricostruzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967, l'intero complesso, totalmente logoro, fu abbattuto. Resistette solo l'area della chiesa che, rimaneggiata e rimodernizzata, domina ancora oggi piazza Amendola e piazzale D'Amora. Nell'attuale struttura, di rilievo sono i tre mosaici dorati, tra i quali spicca quello imponente raffigurante la natività posto alle spalle dell'altare. [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]