Francesco Salerno (politico 1925)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Carmelo Francesco Salerno)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'ex sindaco di Barletta, vedi Francesco Salerno (politico 1948).
Carmelo Francesco Salerno
Carmelo Francesco Salerno.jpg

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
Durata mandato 4 agosto 1979 –
4 aprile 1980
Capo del governo Francesco Cossiga
Predecessore Franco Evangelisti
Successore Pier Giorgio Bressani

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature VI, VII, VIII, IX, X
Gruppo
parlamentare
DC
Circoscrizione Basilicata
Collegio Tricarico (VI e VII) e Matera (VIII, IX e X)
Incarichi parlamentari
  • Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega per la Cassa del Mezzogiorno
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato

Carmelo Francesco Salerno – detto anche Franco – (Montescaglioso, 9 settembre 1925Matera, 17 ottobre 1998) è stato un politico e dirigente sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Politico[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver completato gli studi medi superiori nella città di Matera, si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bari dove si laurea nel 1954.

Avvocato e pubblicista, collabora con la Gazzetta del Mezzogiorno, diventa dirigente dell'Ufficio legale della Coldiretti di cui sarà anche Direttore della Cassa Mutua. Salerno assume un ruolo di primo piano anche in altri ambiti economici ed energetici diventando prima vice presidente dell'ente riforme con sede a Bari e successivamente consigliere di amministrazione della Società Meridionale di Elettricità.

Il Senatore Franco Salerno con Enrico Mattei

La carriera politica nelle file della Democrazia Cristiana comincia con la carica di sindaco del Comune di Pietrapertosa a cui segue quella di consigliere comunale e capogruppo DC nella sua città natale, Montescaglioso. La scalata verso i vertici dello scudo crociato in Basilicata prosegue negli anni seguenti quando Salerno viene eletto segretario provinciale di Matera e successivamente segretario regionale. Nel 1972, nell'ambito della sesta legislatura, ottiene il suo primo mandato al Senato della Repubblica a cui ne seguiranno altri quattro che lo vedranno impegnato a Palazzo Madama sino al 1992, per un totale di cinque legislature. Il punto più importante della carriera politica di Salerno è datato 4 agosto 1979 quando diventa Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega per la Cassa del Mezzogiorno durante il Primo Governo Cossiga, incarico che conserva fino al 4 aprile 1980. Nel 1971 gli è stata conferita l'onorificenza di Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Dirigente sportivo[modifica | modifica wikitesto]

In giovane età è protagonista sul terreno di gioco, prima come calciatore delle formazioni locali del dopoguerra, poi come arbitro. Negli anni sessanta entra da dirigente nel mondo della pallacanestro, ricoprendo per un breve periodo la carica di presidente dello Sporting Club Matera, formazione che rappresentava la sezione cestistica della Polisportiva Libertas. Nel mondo del calcio Salerno torna nel 1965, quando diventa presidente del Football Club Matera, carica che manterrà per ventidue anni. Nel 1968 il Matera approda per la prima volta in Serie C, categoria nella quale i biancoazzurri rimangono per quasi un decennio ininterrotto, se si esclude la sola annata in D nel 1976.

Nel 1978 grazie alla ristrutturazione dei campionati, il Matera viene inserito in Serie C1 e al primo colpo ottiene una insperata quanto storica promozione in Serie B. Tra i cadetti però, i biancoazzurri rimangono soltanto un anno e a fine stagione si ritrovano nuovamente in C. A parte il campionato di C1 1980-81, il Matera di Salerno disputa da protagonista la C2 sino al 1987 quando il Presidente decide di chiudere il suo ciclo e ritirarsi dal mondo del calcio. L'amore per il Matera però non si affievolisce e nel 1995 Francesco Salerno assume la carica simbolica di Presidente Onorario, offertagli dai tifosi in segno di riconoscenza. Non si tratta però dell'unico tributo di Matera al suo Presidente, infatti il 16 giugno 2001 a poco più di due anni di distanza dalla sua morte, la città decide di co-intitolargli lo stadio che effettivamente assume la denominazione di Stadio XXI Settembre - Franco Salerno.

In questo stesso stadio, a partire dall'estate del 2009, si disputa il Memorial Franco Salerno le cui prime due edizioni nel 2000 e nel 2001 hanno visto scendere in campo due squadre formate da vecchie glorie del Football Club Matera.

Suo figlio Nicola è direttore sportivo con una carriera in diversi club di serie B e serie A.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 2 giugno 1971[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Mele, Con il Matera nel cuore, Matera, Antezza Tipografi, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Successore Emblem of Italy.svg
Franco Evangelisti 4 agosto 1979 - 4 aprile 1980 Pier Giorgio Bressani