Capo di Fiume

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Capo di Fiume
frazione
Capo di Fiume – Veduta
Capo di Fiume – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Salerno-Stemma.svg Salerno
ComuneCapaccio Paestum-Stemma.png Capaccio Paestum
Territorio
Coordinate40°27′03″N 15°02′31″E / 40.450833°N 15.041944°E40.450833; 15.041944
Altitudine39 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale84050
Prefisso0828
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Capo di Fiume
Capo di Fiume

Capo di Fiume, è una borgata[1] del comune di Capaccio Paestum, in provincia di Salerno.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriva dal latino Caput aquae in quanto nella zona si trova la sorgente di un corso d'acqua.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'abitato è situato in zona pianeggiante a 31 m s.l.m. circa, alle pendici del Monte Calpazio fra le borgate Rettifilo/Vannulo, Cafasso Borgo Nuovo, Spinazzo/Varco Cilentano e Vuccolo Maiorano. In base all'ultimo censimento (2001) ha 211 abitanti.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Capaccio.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Principali arterie stradali sono la Strada statale 166 degli Alburni, lungo cui il borgo si sviluppa, e le SP 13, 316 e 318.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Al centro della sorgente sono ancora visibili i resti di un santuario databile al IV secolo a.C. dedicato ad una divinità femminile, si presume Demetra o Persefone. La colonna che s'intravede nella foto, oltre a rappresentare e testimoniare antiche civiltà passate, di fatto era anche diventata un simbolo contemporaneo e caratteristico di questa zona, spesso rappresentato in foto, cartoline e opere d'arte di pittori locali e non. Nel corso dell'anno 2014 è, purtroppo, crollata in acqua. Sempre nei pressi della sorgente si è rinvenuto un gruppo di tombe databili tra la fine del IX e gli inizi dell'VIII secolo a.C. che probabilmente fanno riferimento a un piccolo insediamento con aspetti culturali di matrice protoetrusca.[2]

La sorgente Caput aquae

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In base all'attuale statuto comunale di Capaccio, le frazioni vengono definite borgate
  2. ^ Capodifiume (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2007).