Camuni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Camuno.
Camuni
Rosa camuna e antropomorfi R24 - Foppe - Nadro.jpg
Incisioni rupestri della Val Camonica: rosa camuna e due figure umane (una a "martellina", l'altra a "graffito")
 
Luogo d'origineTerritori della cultura di Breno-Dos dell'Arca nella seconda età del ferro.
PeriodoEtà del Ferro
PopolazioneCamuni
Lingualingua camuna
Gruppi correlatiReti, Etruschi, Euganei, Celti
Distribuzione
Lombardia (Val Camonica)
Trentino (Valli Giudicarie)

I Camuni erano un popolo dell'Italia antica di lingua preindoeuropea[1] vissuto in Val Camonica, nelle Alpi centrali, nell'età del ferro; vengono individuati anche con il nome latino Camunni, attribuito loro da autori del I secolo, o come gli antichi Camuni, per distinguerli dagli attuali abitanti della valle. Fra i massimi produttori di arte rupestre in Europa, il loro nome è legato alle celebri incisioni rupestri della Val Camonica, che costituiscono - considerata la povertà di reperti archeologici come necropoli, suppellettili o centri abitati - la principale testimonianza culturale di questo popolo.

I Camuni (Καμοῦνοι in greco, Camunni in latino) sono ricordati dalle fonti storiografiche classiche a partire dal I secolo a.C.; l'epoca precedente, corrispondente in Val Camonica all'Età del ferro soprattutto dal vastissimo corpus costituito dalle centinaia di migliaia di incisioni rupestri. Sottomessi a Roma all'inizio del I secolo d.C., i Camuni furono progressivamente inseriti nelle strutture politiche e sociali dell'Impero romano: pur conservando margini di autogoverno, fin dalla seconda metà del I secolo ottennero la cittadinanza romana, subendo poi - come tutti i popoli della Gallia cisalpina - un rapido processo di latinizzazione sia linguistica, sia culturale, sia religiosa. Lasciarono oltre 300 000 incisioni rupestri.

Etnonimo[modifica | modifica wikitesto]

Particolare della pagina del Lexicon Universale con i lemmi "Camulus" e "Camuni"[2]

L'endonimo dei Camuni non è conosciuto. Johann Jacob Hofmann nel suo Lexicon Universale (XVIII secolo) riprende l'ipotesi di una relazione diretta tra la parola "Camuno" e la parola "Camulo", che designava una divinità, e l'attribuisce a Marco Antonio Sabellico e a Guarino Veronese[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia della Val Camonica.

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

I Camuni nelle fonti classiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo storico greco Strabone (58 a.C.-25 d.C. circa), sosteneva che i Camuni facessero parte dei popoli retici e li accostava ai Leponzi, i quali, invece, derivavano dalla Cultura di Golasecca:

(EL)

«Ἑξῆς δὲ τὰ πρὸς ἕω μέρη τῶν ὀρῶν καὶ τὰ ἐπιστρέφοντα πρὸς νότον Ῥαιτοὶ καὶ Ὀυινδολικοὶ κατέχουσι, συνάπτοντες Ἐλουηττίοις καὶ Βοίοις· ἐπίκεινται γὰρ τοῖς ἐκείνων πεδίοις. Οἱ μὲν οὖν Ῥαιτοὶ μέχρι τῆς Ἰταλίας καθήκουσι τῆς ὑπὲρ Οὐήρωνος καὶ Κώμου. Καὶ ὅ γε Ῥαιτικὸς οἶνος, τῶν ἐν τοῖς Ἰταλικοῖς ἐπαινουμένων οὐκ ἀπολείπεσθαι δοκῶν, ἐν ταῖς τούτων ὑπωρείαις γίνεται· διατείνουσι δὲ καὶ μέχρι τῶν χωρίων, δι' ὧν ὁ Ῥῆνος φέρεται· τούτου δ' εἰσὶ τοῦ φύλου καὶ Ληπόντιοι καὶ Καμοῦνοι.»

(IT)

«Ancora oltre, le zone montuose verso oriente e quelle rivolte a sud sono abitate dai Reti e dai Vindolici, che confinano con Helveti e Boei: vivono infatti al di sopra delle loro pianure. I Reti si estendono fino in Italia, nelle zone sovrastanti Verona e Como. Peraltro proprio nelle zone pedemontane da loro occupate viene prodotto il vino retico, che si ritiene per nulla inferiore ai più noti vini d'Italia. Giungono poi fino alle zone in cui scorre il Reno: i Leponti e i Camunni appartengono a questa tribù.»

(Strabone, Geografia, IV, 6.8)
Le popolazioni della Gallia cisalpina

Lo storico romano Plinio il Vecchio (23-79 d.C.) parlava invece dei Camunni, insieme ai Triumplini della Val Trompia e agli Stoni, come di una delle varie tribù euganee assoggettate dai Romani:

(LA)

«Verso deinde in Italiam pectore Alpium Latini iuris Euganeae gentes, quarum oppida XXXIIII enumerat Cato. ex iis Trumplini, venalis cum agris suis populus, dein Camunni conpluresque similes finitimis adtributi municipis»

(IT)

«Voltandoci verso l'Italia, [incontriamo] i popoli euganei delle Alpi sotto la giurisdizione romana, dei quali Catone elenca trentaquattro insediamenti. Fra questi i Triumplini, resi schiavi e messi in vendita assieme ai loro campi e, di seguito, i Camuni molti dei quali [furono] assegnati ad una città vicina.»

(Plinio il Vecchio, Naturalis historia, III, 133-134)

Le ipotesi della storiografia moderna[modifica | modifica wikitesto]

Secondo studiosi odierni, come Raffaele De Marinis[3] e Francesco Fedele[4], i Camuni sono meglio associabili all'ambiente retico, poiché i loro usi e costumi sociali appaiono comuni a quelli della Rezia, regione compresa tra le Alpi italiane e l'alta regione del Reno.

I contatti con Etruschi e Celti[modifica | modifica wikitesto]

Cernunnos in un'incisone del Parco nazionale delle incisioni rupestri di Naquane[5]

Attorno al V secolo a.C. sono documentati sempre più frequenti contatti tra gli Etruschi, che controllavano gran parte della Pianura Padana, e le popolazioni alpine. Tracce d'influenza della cultura etrusca permangono nell'alfabeto camuno, nel quale sono redatte nelle quasi duecento iscrizioni e che è molto simile agli alfabeti nord-etruschi, e nella stessa arte rupestre.[6]

Verso il III secolo a.C. giunsero in Italia popolazioni celtiche che, provenendo dalla Gallia transalpina, si stabilirono nella Pianura padana ed entrarono in contatto con la popolazione camuna: lo testimonia la presenza, tra le incisioni rupestri della Val Camonica, di figure di divinità celtiche quali Cernunnos.[5].

La conquista romana[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Conquista di Rezia ed arco alpino sotto Augusto e Storia della Val Camonica.
L'Italia centro-settentrionale secondo l'Historical Atlas con i Camunni all'estremità nord-occidentale della Venetia

La Val Camonica venne assoggettata a Roma nel contesto delle campagne di conquista di Augusto di Rezia e arco alpino, condotte dai suoi generali Druso maggiore e Tiberio (il futuro imperatore) contro i popoli alpini tra il 16 e il 15 a.C. A completare la conquista del fronte alpino orientale fu Publio Silio Nerva, governatore dell'Illirico, che procedette all'assoggettamento delle valli da Como al Lago di Garda (compresa quindi la Val Camonica), oltre ai Venosti della Val Venosta[7].

L'azione romana di conquista è ricordata anche dallo storico romano di lingua greca Cassio Dione (155-229):

(EL)

«καὶ γὰρ Καμούννιοι καὶ Ὁέννιοι αλπικα γένη, όπλα τε αντηραντο καὶ νικηθέντες aπο Ποιβλιο Σιλίου εχειρώθησαν.»

(IT)

«I Camuni e i Vennoni, tribù alpine, scesero in guerra, ma furono conquistate e sottomesse da Publio Silio»

(Cassio Dione Storia romana, XX)

ed è celebrata nel Trofeo delle Alpi ("Tropaeum Alpium"), monumento romano eretto nel 7-6 a.C. e situato presso la città francese di La Turbie, che riportava nell'iscrizione frontale il nome dei Camuni tra i popoli alpini sottomessi:

(LA)

«GENTES ALPINAE DEVICTAE TRVMPILINI · CAMVNNI · VENOSTES [...].»

(IT)

«Popoli alpini sottomessi: Triumpilini, Camuni, Venosti [...].»

(Trofeo delle Alpi, Iscrizione frontale)
Iscrizione di epoca romana rinvenuta a Cividate Camuno, che riporta i termini QUIR(ina), CAMUNNIS e RE P(ublica) CAMUNNOR(um)[8]

Dopo la conquista romana i Camuni furono annessi alle città più vicine in condizione di semi-sudditanza tramite la pratica dell'adtributio, che permetteva di mantenere una propria costituzione tribale mentre la città dominante diveniva centro amministrativo, giurisdizionale e fiscale[9]. La città a cui vennero assegnati i Camuni fu probabilmente Brixia[10]. Inizialmente fu assegnato loro lo status di peregrinus; in seguito ottennero la cittadinanza romana e in Età flavia furono ascritti alla tribù Quirina[11], anche se mantennero una certa autonomia amministrativa: è infatti ricordata una Res Publica Camunnorum.

La romanizzazione procedette a partire da Civitas Camunnorum (Cividate Camuno), città fondata dai Romani attorno al 23 d.C. con Druso minore, durante il principato di Tiberio[12]; a partire dal I secolo i Camuni risultano già stabilmente inseriti nelle strutture politico-sociali romane, come attestano le numerose testimonianze di legionari, artigiani e perfino gladiatori di origine camuna in varie aree dell'Impero romano[13]. Anche la religione si avviò, attraverso il meccanismo dell'interpretatio, verso un sincretismo con quella romana[14].

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Le incisioni rupestri dovevano avere un particolare valore; ai Camuni è infatti attribuito circa il 70-80% di tutte le figure censite[15] e la loro funzione è riconducibile a riti celebrativi, commemorativi, iniziatici o propiziatori - dapprima in ambito religioso, in seguito anche laico -, che si tenevano in occasioni particolari, singole o ricorrenti[16].

Di epoca romana è il santuario di Minerva rinvenuto a Spinera di Breno nel 1986 è finemente decorato con mosaici. Sorgeva su uno sperone roccioso sulla riva orientale del fiume Oglio, non lontano da Cividate Camuno[14].

La fine dell'Antichità coincise con l'arrivo presso i Camuni della religione cristiana. A partire dal IV-V secolo si assistette alla distruzione degli antichi luoghi di culto, con l'abbattimento delle statue stele di Ossimo e Cemmo[17] e l'incendio del santuario di Minerva[14].

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lingua camuna.

Le testimonianze della lingua parlata dai Camuni sono rappresentate da circa 170 iscrizioni.[1] Documentate nel contesto delle incisioni rupestri della Val Camonica, uniche testimonianze epigrafiche del camuno, le iscrizioni in lingua camuna sono redatte in un proprio alfabeto camuno, detto anche alfabeto di Sondrio, variante settentrionale dell'alfabeto etrusco.

La lingua camuna è considerata preindoeuropea.[1] È possibile che la lingua camuna fosse correlata alla lingua retica.[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (IT) Simona Marchesini, Le lingue frammentarie dell'Italia antica, Milano, Hoepli, 2009, p. 60.
  2. ^ a b Johann Jacob Hofmann, Lexicon Universale, p. 674, su uni-mannheim.de. URL consultato il 12 marzo 2009.
  3. ^ Raffaele De Marinis, Le popolazioni alpine di stirpe retica, in G. Pugliese Carratelli (a cura di), Italia omnium terrarum alumna, Milano, Garzanti-Scheiwiller, 1988, pp. 95-155.
  4. ^ Francesco Fedele, L'uomo, le Alpi, la Valcamonica - 20.000 anni di storia al Castello di Breno, Boario Terme, La Cittadina, 1988, p. 84.
  5. ^ a b Umberto Sansoni-Silvana Gavaldo, L'arte rupestre del Pià d'Ort: la vicenda di un santuario preistorico alpino, p. 156; Ausilio Priuli, Piancogno su "Itinera", su voli.bs.it. URL consultato il 2 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2006)..
  6. ^ Incisioni rupestri sul sito del comune di Paspardo, su comune.paspardo.bs.it. URL consultato il 2 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2009)..
  7. ^ Ronald Syme, Le Alpi, in Cambridge Ancient History, Cambridge, Cambridge University Press, Vol. VIII, pag. 153..
  8. ^ CIL V, 4957
  9. ^ L'adtributio e la Tabula clesiana su "Le Alpi on line. Storia e archeologia della Alpi" (Università di Trento), su alpiantiche.unitn.it. URL consultato il 20 marzo 2009.
  10. ^ CIL V, 4310; CIL V, 4954; CIL V, 4964.
  11. ^ Guida turistica a Cividate Camuno - La romanizzazione, su cividatecamuno.com. URL consultato il 21 marzo 2009.
  12. ^ CIL V, 4954 = InscrIt-10-5, 1189; InscrIt-10-5, 1190.
  13. ^ CIL V, 4951, CIL V, 4952, AE 1978, 777, AE 1978, 631, CIL XI, 42.
  14. ^ a b c Serena Solano, Il santuario di Minerva su "Itinera", su voli.bs.it. URL consultato il 13 marzo 2009.
  15. ^ L'età del Ferro camuna su Archeocamuni.it, su archeocamuni.it. URL consultato il 14 maggio 2009.
  16. ^ Introduzione all'arte rupestre della Valcamonica su Archeocamuni.it, su archeocamuni.it. URL consultato l'11 maggio 2009.
  17. ^ Raffaella Poggiani Keller, I santuari megalitici del III millennio a.C. su "Itinera", su voli.bs.it. URL consultato il 13 marzo 2009.
  18. ^ Maria Grazia Tibiletti Bruno, Camuno, retico e pararetico, in Aldo Luigi Prosdocimi (a cura di), Lingue e dialetti dell'Italia antica, Popoli e civiltà dell'Italia antica, vol. 6, Roma, Biblioteca di Storia Patria, 1978, pp. 209–255.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Emmanuel Anati, La datazione dell'arte preistorica camuna, Tipografia Camuna, Breno (Brescia), 1963
  • Emmanuel Anati, Origini della civiltà camuna, Edizioni del Centro, Capo di Ponte (Brescia), 1968
  • Raffaele De Marinis, Le popolazioni alpine di stirpe retica, in G. Pugliese Carratelli (a cura di), Italia omnium terrarum alumna, Milano, Garzanti-Scheiwiller, 1988, pp. 95-155.
  • Lino Ertani, La Valle Camonica attraverso la storia, Esine, Tipolitografia Valgrigna, 1996.
  • Francesco Fedele, L'uomo, le Alpi, la Valcamonica - 20.000 anni di storia al Castello di Breno, Boario Terme, La Cittadina, 1988.
  • Valeria Mariotti, Il teatro e l'anfiteatro di Cividate Camuno, Arti grafiche BMB, 2004, ISBN 88-7814-254-9.
  • Pietro Paolo Ormanico, Considerationi sopra alcvne memorie della Religione Antica dei Camvli, ò Camvni, Bornato, Sardini Editrice, 1983 [1639].
  • Umberto Sansoni, Silvana Gavaldo, L'arte rupestre del Pià d'Ort: la vicenda di un santuario preistorico alpino, Edizioni del Centro, 1995.
  • Ronald Syme, Le Alpi, in Cambridge Ancient History, Cambridge, Cambridge University Press, Vol. VIII..

Sulle iscrizioni in lingua camuna[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucia Bellaspiga, Le iscrizioni camune delle rocce 24 e 1 di Pia' d'Ort, in "Notizie Archeologiche Bergomensi" 2 (1994), pp. 249-260.
  • Alberto Mancini, Le iscrizioni della Valcamonica, in "Studi Urbinati di Storia, Filosofia e Letteratura", Suppl. linguistico 2/1 (1980), pp. 75-166.
  • Alberto Mancini, Iscrizioni retiche e iscrizioni camune Due ambiti a confronto, in "Quaderni del dipartimento di Linguistica" 2 (1991), pp. 77-113.
  • Alessandro Morandi, Epigrafia camuna. Osservazioni su alcuni aspetti della documentazione, in "Revue Belge de Philologie et d'Histoire", 76.1 (1998) pp. 99-124.
  • Aldo Luigi Prosdocimi, Per una edizione delle iscrizioni della Val Camonica, in "Studi Etruschi" 33 (1965), pp. 574-599.
  • Aldo Luigi Prosdocimi, Graffiti alfabetici di Dos dell'Arca, in "Bollettino del Centro Camuno di Studi Preistorici" 6 (1971), Capo di Ponte, pp. 45-54.
  • Maria Grazia Tibiletti Bruno, Camuno, retico e pararetico, in "Lingue e dialetti dell'Italia antica", vol. VI di "Popoli e civiltà dell'Italia antica", a cura di A. L. Prosdocimi, Roma 1978, pp. 209-255.
  • Maria Grazia Tibiletti Bruno, Nuove iscrizioni camune, in "Quaderni Camuni" 49-50 (1990), pp. 29-171.
  • Maria Grazia Tibiletti Bruno, Gli alfabetari, in "Quaderni Camuni" 60 (1992), pp. 309-380.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]